Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm: approvate da Kimi Raikkonen

Kimi Raikkonen è andato sulla pista di Balocco per provare l’Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm. La berlina sportiva del Biscione ha superato le aspettative.

Il pilota dell’Alfa Romeo Racing di Formula 1, campione del mondo con la Scuderia Ferrari nel 2007, è stato uno dei protagonisti della serie di sviluppi della berlina più sportiva della storia del Biscione, la Giulia GTA e GTAm. Adesso, il finlandese è tornato al volante della Giulia GTA rimanendone profondamente colpito per la sua capacità di comportarsi in modo equilibrato sulle strade di tutti i giorni e per divenire un belva pronta per la pista appena si comincia a girare in circuito. L’esperto pilota di F1 ha portato la sportiva italiana in pista a Balocco, per saggiare una volta di più il comportamento di questa sportiva.

Lo sviluppo

Kimi Raikkonen ha lavorato in prima persona ai progressi di questa vettura, fornendo un prezioso contributo al reparto aerodinamico su cui aveva lavorato nella prima sessione, dando suggerimenti sulle nuove appendici introdotte sia all’anteriore, con il nuovo splitter regolabile integrato nel paraurti anteriore, sia al posteriore, con l’immissione della nuova ala regolabile manualmente, e in generale sul bilanciamento complessivo fornito dall’interazione di queste all’estrattore e alla carenatura sottoscocca. Questo il suo giudizio sul prodotto finale:

Di certo, ad alta velocità, è migliore in termini di  bilanciamento, mi sembra che la vettura sia più bassa nell’anteriore, per sterzate più rapide. È veloce, facile da guidare e reattiva.

La genesi di un progetto

Con Kimi Raikkonen a Balocco si chiude un processo di sviluppo nel quale i piloti del Team di F1 hanno messo a disposizione le proprie competenze per fornirle al team di ingegneri Alfa Romeo. Il lavoro è iniziato lo scorso ottobre, con una prima sessione di test in cui si erano focalizzati sulle soluzioni specifiche adottate per aerodinamica e handling. L’apporto di Sauber Engineering è stato determinante, perché da loro proviene gran parte dei componenti in carbonio di GTA e GTAm, soprattutto quelli con un impatto aerodinamico.

Nella fattispecie parliamo: del nuovo paraurti anteriore, delle minigonne laterali, dell’estrattore, dello spoiler GTA e dell’aerowing GTAm. Per merito delle ali anteriori e posteriori regolabili manualmente, Giulia GTAm è in grado di adattare il carico aerodinamico su qualsiasi pista o strada, a seconda delle richieste e delle preferenze del driver.

Lavoro aerodinamico

La ricerca aerodinamica in galleria del vento è andata ben oltre alle appendici alari, ma ha interessato anche il sottoscocca, che, come su Giulia Quadrifoglio, è interamente carenato. GTA e GTAm godono di un nuovo estrattore specifico in grado di innalzare l’effetto suolo della vettura e perciò di garantire una tenuta di strada eccellente ad alte velocità. In particolare, sulla Giulia GTAm la configurazione aerodinamica più carica è in grado di sviluppare il doppio del carico rispetto alla Giulia GTA, e addirittura il triplo rispetto alla Giulia Quadrifoglio, che già rappresenta il benchmark nel proprio segmento.

Ultime notizie su Alfa Romeo

Tutto su Alfa Romeo →