F1 GP Belgio 2019: vittoria di Leclerc davanti a Hamilton e Bottas. Dedica a Hubert

Charles Leclerc è il più giovane vincitore a bordo di una Ferrari.

Aggiornamento ore 16:41 – La prima vittoria di Charles Leclerc è finalmente arrivata, anche se, per sua stessa ammissione, non ha potuto goderne appieno, perché giunta all’indomani della scomparsa del suo amico Antoine Hubert, uno di quelli con cui è cresciuto nelle varie categorie, insieme con Pierre Gasly ed Esteban Ocon. Il più giovane ferrarista in grado di vincere una gara del Mondiale di Formula 1 oggi, pur partendo dalla pole position, non ha avuto vita facile, perché nel finale Lewis Hamilton con la sua Mercedes aveva ricucito tutto il gap. Al terzo posto si è piazzata l’altra Mercedes, quella di Valtteri Bottas, mentre Sebastian Vettel deve accontentarsi del quarto posto dopo aver aiutato il suo compagno lasciandogli la prima posizione dopo essersi reso conto che avrebbe avuto bisogno di un altro pit-stop.

Per la prima volta, dunque, in Formula 1 ha risuonato l’inno monegasco, ma Leclerc ha canticchiato brevemente anche quello italiano. La dedica è ovviamente andata al cielo, oggi soprattutto per Antoine Hubert, visto che ha anche corso con un adesivo sulla Ferrari “Racing for Antoine” e il numero 19. Ma sappiamo benissimo che in cuor suo questa vittoria Charles la dedica anche a suo padre, che ha perso qualche anno fa, e al suo padrino, Jules Bianchi. Leclerc è anche il più giovane vincitore di sempre a SPA.

Mondiale di Formula 1: classifica piloti dopo il GP Belgio 2019

1) Lewis Hamilton (Gbr) Mercedes 268
2) Valtteri Bottas (Fin) Mercedes 203
3) Max Verstappen (Ned) Red Bull Racing Honda 181
4) Sebastian Vettel (Ger) Ferrari 169
5) Charles Leclerc (Mon) Ferrari 157
6) Pierre Gasly (Fra) Scuderia Toro Rosso Honda 65
7) Carlos Sainz (Esp) McLaren Renault 58
8) Daniil Kvyat (Rus) Scuderia Toro Rosso Honda 33
9) Kimi Räikkönen (Fin) Alfa Romeo Racing Ferrari 31
10) Alexander Albon (Tha) Red Bull Racing Honda 26
11) Lando Norris (Gbr) McLaren Renault 24
12) Daniel Ricciardo (Aus) Renault 22
13) Sergio Perez (Mex) Racing Point BWT Mercedes 21
14) Nico Hulkenberg (Ger) Renault 21
15) Lance Stroll (Can) Racing Point BWT Mercedes 19
16) Kevin Magnussen (Den) Haas Ferrari 18
17) Romain Grosjean (Fra) Haas Ferrari 8
18) Antonio Giovinazzi (Ita) Alfa Romeo Racing Ferrari 1
19) Robert Kubica (Pol) Williams Mercedes 1
20) George Russell (Gbr) Williams Mercedes 0

Mondiale di Formula 1: Classifica costruttori dopo il GP Belgio 2019

1) Mercedes 471
2) Ferrari 326
3) Red Bull Racing Honda 254
4) McLaren Renault 82
5) Scuderia Toro Rosso Honda 51
6) Renault 43
7) Racing Point BWT Mercedes 40
8) Alfa Romeo Racing Ferrari 32
9) Haas Ferrari 26
10) Williams Mercedes 1

La cronaca del Gran Premio del Belgio 2019 di Formula 1

  • Ore 15:02

    Benvenuti alla diretta del Gran Premio del Belgio 2019. I piloti si sono sistemati nelle loro monoposto. Alle 15:10 scatta il giro di formazione.

  • Ore 15:10

    Via al giro di formazione!

  • Ore 15:11

    Partono tutti con le gomme soft eccetto Russell, Albon, Giovinazzi, Kvyat, Ricciardo e Kubica che hanno scelto le medie.

  • Ore 15:13

    Finito il giro di formazione, i piloti si sistemano sulla griglia di partenza.

  • Ore 15:14

    Via al GP del Belgio 2019!

  • Ore 15:14

    Giro 1/44 – C’è stato un contatto in partenza, ad avere la peggio è Verstappen (Red Bull), che è andato a sbattere sulle barriere. Safety Car!

  • Ore 15:15

    Giro 1/44 – Per Verstappen la gara è già finita, è partito malissimo, ha avuto un contatto in partenza con Raikkonen (Alfa Romeo) e poi, dopo qualche metro, si è rotto qualcosa nella sua monoposto e si è ritrovato contro le barriere.

  • Ore 15:15

    Giro 2/44 – Raikkonen (Alfa Romeo) è ancora in gara, ma probabilmente ha qualche danno alla sua monoposto.

  • Ore 15:17

    Giro 2/44 – Raikkonen (Alfa Romeo) infatti ha fatto un pit-stop. Intanto Vettel (Ferrari) è riuscito a difendere il secondo posto dall’attacco di Hamilton (Mercedes) prima che intervenisse la Safety Car.

  • Ore 15:17

    Giro 2/44 – Raikkonen (Alfa Romeo) ha cambiato l’ala e ha montato le gomme medie.

  • Ore 15:20

    Giro 3/44 – Raikkonen (Alfa Romeo) ha fatto anche un secondo pit-stop.

  • Ore 15:20

    Giro 3/44 – Sta per terminare il regime di Safety Car. Intanto però c’è Sainz che ha qualche problema, è bloccato, non si muove.

  • Ore 15:22

    Giro 3/44 – Di nuovo Safety Car per il problema di Sainz che non riesce a muoversi da una via di fuga della pista.

  • Ore 15:23

    Giro 4/44 – Sta per terminare il regime di Safety Car.

  • Ore 15:24

    Giro 4/44 – Ricordiamo che dopo la partenza le prime quattro posizioni non sono cambiate, ci sono le due Ferrari e le due Mercedes, mentre quinto è Norris (McLaren), che ha guadagnato ben cinque posizioni grazie ai guai degli altri.

  • Ore 15:24

    Giro 4/44 – Si riparte!

  • Ore 15:25

    Giro 4/44 – Due bloccaggi consecutivi per Vettel, Hamilton lo aveva quasi ripreso, ora il ferrarista sembra in grado di riuscire a mantenere la posizione, ma la distanza è davvero minima.

  • Ore 15:25

    Giro 5/44 – Vettel a quanto pare ha delle vibrazioni, per questo ha avuto i bloccaggi.

  • Ore 15:27

    Giro 6/44 – Leclerc (Ferrari) ha un vantaggio di 1.8 su Vettel e quasi 3 secondi da Hamilton.

  • Ore 15:28

    Giro 7/44 – Si mantiene intorno ai due secondi il vantaggio di Leclerc su Vettel.

  • Ore 15:29

    Giro 7/44 – Giro veloce per Leclerc in 1:49.558.

  • Ore 15:29

    Giro 7/44 – Riassumiamo le prime posizioni: 1) Leclerc (Ferrari), 2) Vettel (Ferrari), 3) Hamilton (Mercedes), 4) Bottas (Mercedes), 5) Norris (McLaren), 6) Grosjean (Haas), 7) Magnussen (Haas), 8) Perez (Racing Point), 9) Gasly (Toro Rosso), 10) Stroll (Racing Point).

  • Ore 15:31

    Giro 8/44 – Perez (Racing Point) ha tentato, senza successo, il sorpasso su Magnussen (Haas).

  • Ore 15:31

    Giro 8/44 – Sale a due secondi e mezzo il vantaggio di Leclerc sul compagno di scuderia Vettel.

  • Ore 15:33

    Giro 9/44 – Bloccaggio per Leclerc che poi va anche lungo a una curva.

  • Ore 15:34

    Giro 10/44 – Il ritardo di Hamilton da Vettel è di meno di un secondo ora.

  • Ore 15:34

    Giro 10/44 – Continua la lotta tra Perez e Magnussen per la P7 intanto.

  • Ore 15:35

    Giro 10/44 – Intanto la giuria di gara fa sapere che ha notato il taglio di chicane di Leclerc, anche se bisogna sottolineare che è avvenuto a causa di un bloccaggio e infatti il monegasco ha perso sei decimi in quel frangente, quindi non è stato di certo avvantaggiato.

  • Ore 15:35

    Giro 11/44 – Magnussen (Haas) è stato superato sia da Perez (Racing Point), sia da Gasly (Toro Rosso), che aveva già superato anche Stroll (Racing Point).

  • Ore 15:37

    Giro 12/44 – Considerato che Albon è 13°, Gasly ora è il migliore della famiglia Red Bull.

  • Ore 15:39

    Giro 13/44 – Verstappen intanto commenta la sua uscita di scena, non dà colpe a Raikkonen, nonostante al Team Radio avesse fatto un commento diverso. L’olandese ora è più diplomatico e spiega che aveva una gomma bucata e per questo è andato a finire sulla barriera.

  • Ore 15:39

    Giro 13/44 – Giro veloce di Vettel in 1:49.237.

  • Ore 15:40

    Giro 13/44 – E adesso nuovo giro veloce di Leclerc in 1:48.917.

  • Ore 15:40

    Giro 13/44 – Pit-stop per Gasly (Toro Rosso).

  • Ore 15:43

    Giro 14/44 – Il vantaggio di Leclerc ora è di 3.4 su Vettel e 4.5 su Hamilton.

  • Ore 15:43

    Giro 14/44 – Intanto ci si può considerare all’interno della finestra prevista per i pit-stop, infatti Gasly e ora Stroll lo hanno già fatto.

  • Ore 15:45

    Giro 15/44 – Pronti i meccanici della Ferrari.

  • Ore 15:45

    Giro 15/44 – Pit-stop per Vettel che rientra in quinta posizione.

  • Ore 15:45

    Giro 16/44 – Pit-stop anche per Perez (Racing Point). Intanto a Hamilton dicono di spingere.

  • Ore 15:47

    Giro 17/44 – Leclerc e Hamilton ancora non si fermano, nonostante i loro meccanici siano pronti ai box.

  • Ore 15:47

    Giro 17/44 – Intanto Vettel ha già guadagnato una posizione superando Norris.

  • Ore 15:49

    Giro 18/44 – Giro veloce per Vettel in 1:47.087.

  • Ore 15:50

    Giro 18/44 – Vettel è quarto, ma potenzialmente primo perché i tre davanti, Leclerc, Hamilton e Bottas, non si sono ancora fermati per il pit-stop.

  • Ore 15:51

    Giro 19/44 – C’è un applauso dagli spalti perché siamo al giro 19, il numero di Antoine Hubert, morto ieri in pista nella gara di Formula 2.

  • Ore 15:53

    Giro 20/44 – Pit-stop per Norris (McLaren), che cede la P5 a Kvyat (Toro Rosso).

  • Ore 15:53

    Giro 20/44 – Norris (McLaren) è rientrato in sesta posizione.

  • Ore 15:55

    Giro 21/44 – A Vettel viene raccomandato di gestire bene le gomme perché quando Hamilton si fermerà potrà guadagnare circa 4 secondi su di lui.

  • Ore 15:55

    Giro 21/44 – Pit-stop per Leclerc che torna in pista in quarta posizione, ora in testa c’è Hamilton seguito da Bottas.

  • Ore 15:57

    Giro 22/44 – Ora viene chiamato ai box Hamilton.

  • Ore 15:57

    Giro 23/44 – Ora sarà interessante sapere quali indicazioni daranno a Leclerc, visto che Vettel è davanti a lui.

  • Ore 15:57

    Giro 23/44 – Penalità per Gasly che si è mosso in frenata.

  • Ore 15:58

    Giro 23/44 – Al momento in testa c’è Bottas che, lo ricordiamo, deve ancora fermarsi ai box. Vettel è secondo, Leclerc terzo e Hamilton è rientrato al quarto posto.

  • Ore 15:58

    Giro 23/44 – E adesso tocca a Bottas fermarsi ai box, Vettel in testa alla corsa.

  • Ore 15:59

    Giro 23/44 – Giro veloce di Leclerc in 1:46.664.

  • Ore 15:59

    Giro 23/44 – Il vantaggio di Vettel su Leclerc è di poco superiore ai due secondi.

  • Ore 16:01

    Giro 25/44 – Giro veloce per Hamilton in 1:46.580.

  • Ore 16:02

    Giro 25/44 – Scende sotto i due secondi il ritardo di Leclerc rispetto a Vettel.

  • Ore 16:03

    Giro 26/44 – Giro veloce di Bottas in 1:46.551.

  • Ore 16:04

    Giro 26/44 – Le due Ferrari ora sono vicinissime, a un secondo l’una dall’altra, ma in agguato ora c’è anche Hamilton.

  • Ore 16:04

    Giro 26/44 – Di colpo Vettel si ritrova a perdere un secondo e mezzo da Hamilton.

  • Ore 16:05

    Giro 27/44 – Per Vettel è ardua la gestione delle gomme.

  • Ore 16:05

    Giro 27/44 – Ed ecco che arriva l’ordine di scuderia: Vettel deve lasciar passare Leclerc, che ne ha di più.

  • Ore 16:05

    Giro 27/44 – Leclerc torna leader della corsa.

  • Ore 16:06

    Giro 28/44 – Intanto bel sorpasso di Perez (Racing Point) su Ricciardo (Renault).

  • Ore 16:06

    Giro 28/44 – Vettel ha chiesto se deve fermarsi di nuovo, dal Team Radio gli hanno risposto di lottare con Hamilton, ma lui ha replicato che dubita che queste gomme possano arrivare fino in fondo. Ricordiamo che Vettel si è fermato sei giri prima di Leclerc.

  • Ore 16:08

    Giro 29/44 – Per quanto riguarda i distacchi, Vettel ha quasi tre secondi di ritardo da Leclerc e solo un secondo di vantaggio su Hamilton.

  • Ore 16:09

    Giro 30/44 – Adesso sono quasi quattro i secondi di ritardo di Vettel da Leclerc, mentre il vantaggio su Hamilton è sotto il secondo.

  • Ore 16:11

    Giro 30/44 – Intanto Bottas sta diminuendo il suo distacco da Hamilton.

  • Ore 16:12

    Giro 31/44 – Hamilton è ormai l’ombra di Vettel.

  • Ore 16:13

    Giro 32/44 – Hanno spiegato via radio a Bottas costa sta succedendo davanti a lui, ossia la lotta tra Hamilton e Vettel per il secondo posto.

  • Ore 16:14

    Giro 32/44 – Hamilton ci prova, ma Vettel riesce a difendersi!

  • Ore 16:14

    Giro 32/44 – Hamilton e Vettel, nove titoli mondiali in due, stanno lottando strenuamente.

  • Ore 16:16

    Giro 32/44 – E adesso Hamilton ce la fa a sorpassare Vettel.

  • Ore 16:16

    Giro 32/44 – Ora è probabile che Vettel decida di fare un altro pit-stop.

  • Ore 16:17

    Giro 33/44 – Il ritardo di Hamilton da Leclerc è di circa sei secondi e mezzo.

  • Ore 16:17

    Giro 33/44 – Dopo il sorpasso Hamilton ha guadagnato circa tre secondi su Vettel.

  • Ore 16:18

    Giro 34/44 – Vettel adesso deve difendere la terza posizione da Bottas.

  • Ore 16:18

    Giro 34/44 – E Vettel si ferma per il secondo pit-stop.

  • Ore 16:18

    Giro 35/44 – Vettel ora riparte dalla quarta posizione, riesce a restare davanti a Norris (McLaren).

  • Ore 16:20

    Giro 35/44 – Kvyat (Toro Rosso) supera Ricciardo (Renault) e si prende la settima posizione.

  • Ore 16:20

    Giro 36/44 – E Ricciardo (Renault) viene superato anche da Albon (Red Bull), ora ottavo.

  • Ore 16:22

    Giro 37/44 – Leclerc ha sei secondi e mezzo di vantaggio su Hamilton e circa undici secondi su Bottas, mentre Vettel ora è quasi a 30 secondi di ritardo.

  • Ore 16:23

    Giro 37/44 – Giro veloce di Vettel in 1:46.409.

  • Ore 16:23

    Giro 37/44 – Il ritardo di Vettel da Bottas, che è terzo, è di 18 secondi.

  • Ore 16:25

    Giro 38/44 – Hamilton sta abbassando un po’ il gap da Leclerc portandolo sotto i 6 secondi. Intanto Giovinazzi (Alfa Romeo) è riuscito a superare Gasly (Toro Rosso) ed è in zona punti, è decimo.

  • Ore 16:25

    Giro 38/44 – Hamilton ha guadagnato circa mezzo secondo in questo frangente.

  • Ore 16:27

    Giro 39/44 – Fa paura Hamilton alle spalle di Leclerc.

  • Ore 16:27

    Giro 39/44 – Ora Leclerc è alle prese con i doppiaggi. Il vantaggio su Hamilton ormai è di cinque secondi soltanto.

  • Ore 16:28

    Giro 39/44 – Scatenato Giovinazzi che supera anche Ricciardo e ora è nono.

  • Ore 16:28

    Giro 39/44 – Siamo a soli cinque secondi dal termine e il vantaggio di Leclerc su Hamilton è di appena quattro secondi e mezzo.

  • Ore 16:29

    Giro 40/44 – Scende a quattro secondi il ritardo di Hamilton su Leclerc.

  • Ore 16:30

    Giro 40/44 – Sta crollando il vantaggio di Leclerc su Hamilton.

  • Ore 16:31

    Giro 41/44 – Stroll (Racing Point) sorpassa Grosjean (Haas) e lo tocca, supera poi anche Ricciardo (Renault).

  • Ore 16:32

    Giro 42/44 – Mancano due giri e il gap tra Leclerc e Hamilton è di poco più di due secondi.

  • Ore 16:34

    Giro 43/44 – Comincia il penultimo giro, Hamilton è a due secondi da Leclerc.

  • Ore 16:34

    Giro 43/44 – Vettel è a circa cinque secondi da Bottas, non sembra dunque possibile che possa riprendersi la terza posizione.

  • Ore 16:35

    Giro 44/44 – Soltanto un secondo e mezzo di distacco tra Leclerc e Hamilton.

  • Ore 16:35

    Giro 44/44 – Ultimo giro al cardiopalma per Leclerc, che vede Hamilton nello specchietto…

  • Ore 16:35

    Giro 44/44 – Proprio davanti a Leclerc c’è stato un contatto tra i doppiati e si è visto del fumo. Intanto il gp è di solo 1.2 secondi.

  • Ore 16:35

    Giro 44/44 – Che peccato per Giovinazzi! È andato a finire contro il muro, avrebbe preso dei punti in questa gara.

  • Ore 16:36

    Giro 44/44 – Giovinazzi per fortuna sta bene, anche se è davvero un peccato che non possa concludere la gara.

  • Ore 16:36

    Giro 44/44 – LECLERC CE LA FA!!! PRIMA VITTORIA IN CARRIERA PER IL MONEGASCO DELLA FERRARI!!!

Gran Premio del Belgio 2019 di Formula 1

A SPA Francorchamps si disputa oggi il Gran Premio del Belgio 2019 di Formula 1, il primo dopo la pausa estiva, ma il tredicesimo dall’inizio del mondiale. Nelle prime dodici tappe la Ferrari non è mai riuscita ad agguantare la vittoria, ma oggi ha una ghiottissima occasione, perché su un circuito tradizionalmente favorevole alla rosse, nelle qualifiche le monoposto del Cavallino hanno conquistato la pole position.

Charles Leclerc ha ottenuto la sua terza pole position stagionale (e di tutta la sua giovane carriera) dopo quelle conquistate in Bahrain e in Austria, mentre Sebastian Vettel si è accomodato alle sue spalle. Le Mercedes, invece, questa volta si sono dovute accontentare della seconda fila, mentre la Red Bull di Max Verstappen parte dalla terza insieme con Kimi Raikkonen dell’Alfa Romeo Racing, ottavo nelle qualifiche, ma salito in sesta posizione nella griglia di partenza a causa della penalità rimediata dalle Renault.

Tutte le auto con motore Renault, infatti, quindi non solo quelle di Daniel Ricciardo e Nico Hulkenberg, piloti della scuderia francese, ma anche Carlos Sainz, sono state penalizzate di cinque posizioni perché Renault ha deciso di introdurre la sua nuova specifica C nella power unit nel corso delle prove libere. Ci sono poi Daniil Kvyat della Toro Rosso, Alexander Albon della Red Bull, entrambi con motore Honda, che sono slittati in nona fila, e Lance Stroll della Racing Point con motore Mercedes in decima.

Ricordiamo che in classifica Lewis Hamilton è stato finora assoluto dominatore con ben otto vittorie su dodici gran premi disputati, il suo compagno Valtteri Bottas ha ottenuto due successi, altre due vittorie sono state conquistate da Max Verstappen della Red Bull, dunque solo tre piloti hanno potuto festeggiare il trionfo finora in questo mondiale nei primi dodici gran premi. La musica cambierà? Vedremo finalmente qualche altro nome sul primo gradino del podio? Per la Ferrari, a una settimana dal GP di Monza, non potrebbe esserci occasione migliore per dimostrare di essere tornata realmente competitiva.

Il circuito di SPA Francorchamps, su cui si corre dal 1950, è lungo 7,004 km e in gara deve essere ripetuto per 44 giri, per un totale di 308.052 km. Il giro record in gara è quello di Valtteri Bottas del 2018 in 1:46.286. Ieri nelle qualifiche Charles Leclerc ha stabilito il record di 1′ 42″ 519. L’anno scorso su questa pista si impose Vettel davanti a Hamilton, terzo Verstappen, mentre Bottas restò fuori dal podio. Leclerc, che correva con la Sauber, non completò il gran premio.

Circuito SPA Francorchamps - F1 GP Belgio 2019

Ricordiamo che, purtroppo, questo non sarà un gran premio come gli altri: il mondo dei motori è in lutto a causa della morte avvenuta ieri del giovane pilota di Formula 2 Antoine Hubert in seguito a un terribile incidente durante la prima delle due gare previste. La gara è stata poi annullata.

F1 GP Belgio 2019: la griglia di partenza ufficiale

Prima fila:
1) Charles Leclerc (Ferrari)
2) Sebastian Vettel (Ferrari)

Seconda fila:
3) Lewis Hamilton (Mercedes)
4) Valtteri Bottas (Mercedes)

Terza fila:
5) Max Verstappen (Red Bull)
6) Kimi Raikkonen (Alfa Romeo Racing)

Quarta fila:
7) Sergio Perez (Racing Point)
8) Kevin Magnussen (Haas)

Quinta fila:
9) Romain Grosjean (Haas)
10) Lando Norris (McLaren)

Sesta fila:
11) Daniel Ricciardo (Renault)
12) Nico Hulkenberg (Renault)

Settima fila:
13) Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo Racing)
14) Pierre Gasly (Toro Rosso)

Ottava fila:
15) George Russell (Williams)
16) Carlos Sainz (McLaren)

Nona fila:
17) Alexander Albon (Red Bull)
18) Daniil Kvyat (Toro Rosso)

Decima fila:
19) Lance Stroll (Racing Point)
20) Robert Kubica (Williams)

F1 GP Belgio 2019: diretta tv e streaming

Il Gran Premio del Belgio di Formula 1 a SPA Francorchamps si può guardare in diretta tv solo se si è abbonati a Sky, sul canale Sky Sport F1, che è il 207 della piattaforma satellitare e anche su Sky Sport Uno HD (201), mentre sul digitale terrestre lo trovate al canale 472 in HD e 482 in SD. La telecronaca è affidata come sempre a Carlo Vanzini, affiancato da Marc Genè per il commento tecnico, con le incursioni di Matteo Bobbi e Roberto Chinchero.

Dai paddock, per Paddock Live prima e dopo la gara, ossia dalle 13:30 e poi dalle 17:10, ci sono Federica Masolin e Davide Valsecchi, nel post gara raggiunti spesso anche da Jacques Villeneuve, mentre Mara Sangiorgio si occupa di “inseguire” piloti e team principal per le interviste. In streaming la gara si può vedere tramite l’app SkyGo, mentre in tv in chiaro la si potrà guardare in differita su TV8 alle ore 18.

Mondiale di Formula 1: classifica piloti prima del GP Belgio 2019

1) Lewis Hamilton (Gbr) Mercedes 250
2) Valtteri Bottas (Fin) Mercedes 188
3) Max Verstappen (Ned) Red Bull Racing Honda 181
4) Sebastian Vettel (Ger) Ferrari 156
5) Charles Leclerc (Mon) Ferrari 132
6) Pierre Gasly (Fra) Red Bull Racing Honda 63
7) Carlos Sainz (Esp) McLaren Renault 58
8) Kimi Räikkönen (Fin) Alfa Romeo Racing Ferrari 31
9) Daniil Kvyat (Rus) Scuderia Toro Rosso Honda 27
10) Lando Norris (Gbr) McLaren Renault 24
11) Daniel Ricciardo (Aus) Renault 22
12) Kevin Magnussen (Den) Haas Ferrari 18
13) Lance Stroll (Can) Racing Point BWT Mercedes 18
14) Nico Hulkenberg (Ger) Renault 17
15) Alexander Albon (Tha) Scuderia Toro Rosso Honda 16
16) Sergio Perez (Mex) Racing Point BWT Mercedes 13
17) Romain Grosjean (Fra) Haas Ferrari 8
18) Antonio Giovinazzi (Ita) Alfa Romeo Racing Ferrari 1
19) Robert Kubica (Pol) Williams Mercedes 1
20) George Russell (Gbr) Williams Mercedes 0

Mondiale di Formula 1: Classifica costruttori prima del GP Belgio 2019

1) Mercedes 438
2) Ferrari 288
3) Red Bull Racing Honda 244
4) McLaren Renault 82
5) Scuderia Toro Rosso Honda 43
6) Renault 39
7) Alfa Romeo Racing Ferrari 32
8) Racing Point BWT Mercedes 31
9) Haas Ferrari 26
10) Williams Mercedes 1