Mercedes S 600 vs Lexus LS 600h

La rivista tedesca Auto Bild mette a confronto due pesi massimi per top manager: la Mercedes-Benz S 600, versione più “elegante” della ultimissima S-Class, sempre la più desiderabile tra le maxi-berline della “triade tedesca”(Audi/BMW/MB), contro la LS 600h, punta di diamante di Lexus, costruttore nipponico che impressiona sempre più per le sue eccellenti automobili e


La rivista tedesca Auto Bild mette a confronto due pesi massimi per top manager: la Mercedes-Benz S 600, versione più “elegante” della ultimissima S-Class, sempre la più desiderabile tra le maxi-berline della “triade tedesca”(Audi/BMW/MB), contro la LS 600h, punta di diamante di Lexus, costruttore nipponico che impressiona sempre più per le sue eccellenti automobili e che, con questa versione ibrida, è intenzionato a dimostrare anche al pubblico più esigente l’efficienza dei sui motori “puliti”.

Un confronto un filo penalizzante per la Lexus, vista la differenza di prezzo (110.000 contro 150.000 €).

Già al primo sguardo, le considerazioni estetiche si potrebbero sintetizzare in due battute: Mercedes più sportiva e innovativa; Lexus più elegante e conservatrice.

Partendo dalla S-Class si nota subito l’intenzione del costruttore di Stoccarda di donare alle proprie auto un look più giovanile e accattivante. Gruppi ottici appuntiti, passaruota bombati al limite dell’esagerato, fiancata pulita e con una leggerissima venatura ascendente verso il
posteriore. Uno stile comune alle ultime creazioni MB, intenzionata a mantenere le tradizioni di confort ed eleganza ma con l’aggiunta di un pizzico di sportività.

Lexus, invece, si mantiene su canoni più tradizionali e “sicuri” sfoggiando una linea molto elegante e nitida ma che sa di “già visto”. Bello il frontale come il posteriore che però non brillano per originalità. Volendo definirla, si potrebbe dire che la Lexus giochi a fare la A8 con alcuni stilemi di derivazione BMW ma nel complesso rimane un po’ anonima se
confrontata con la diretta concorrenza.

Passando all’interno, le due auto non potrebbero essere più distanti. Mercedes si lascia andare alla moda dei vari sistemi multimediali con schermo a cristalli liquidi in stile I-Drive ed MMI, proponendo il suo “Kommand” dal quale è possibile gestire la stragrande maggioranza delle funzioni (che si possono anche richiamare vocalmente). Plancia estremamente pulita e
arricchita da inserti in legno con un fine orologio fra le bocchette di aerazione al di sotto delle quali decorre una finissima schiera di pulsanti.Una pulizia e una sinteticità che si ritrovano anche sui comandi situati sul bracciolo posteriore.

Sulla Lexus invece sembra di essere nella cabina di pilotaggio di un Boeing 777 tanti sono i bottoni.

Il design in se per se è gradevole, ma la selva di comandi la fa apparire un po’ datata e in controtendenza rispetto alle avversarie. Anche qui è presente uno schermo multimediale posizionato in alto, ben visibile e di grande effetto scenico. Tuttavia la grafica di alcuni strumenti potrebbe essere migliore. La moltitudine di comandi è presente anche sul bracciolo per i passeggeri posteriori.

Quasi inutile parlare della qualità di legni, inserti, pellami e assemblaggi: al top in tutti i casi sia sulla giapponese che sulla tedesca.

Andandole a vedere sottopelle le due auto sono molto diverse: la Lexus è equipaggiata con un inedito motore ibrido, trazione integrale , sospensioni pneumatiche, cambio automatico e chi più ne ha, più ne metta. Ma a parità di accessori la Lexus costa circa 40.000 euro in meno della S 600; e l’unità propulsiva è assai più avanzata: si tratta di un V8 a iniezione diretta unito ad un motore elettrico per una potenza totale di 445cv. Secondo i giapponesi è in grado di competere con la maggior parte dei motori a 12 cilindri pur avendo consumi ed emissioni paragonabili a quelli di un 6 cilindri benzina.

Tuttavia tutta questa tecnologia ibrida si ripercuote sulla capacità di carico del bagagliaio (appena 330litri) e sul peso: 2.430KG. Anche lo spazio interno non è eccezionale. Chi vuole viaggiare davvero comodo deve orientarsi sulla versione L, 12cm più lunga.

La Mercedes dalla sua offre il tradizionale V12 bi-turbo da 5500cc, dalla potenza elevata (517cv) e dalla coppia mostruosa (830NM) scaricata a terra dalla trazione posteriore.

La differenza di cavalli e peso fa si che le reazioni alla pressione dell’acceleratore siano molto diverse sulle due auto: un missile la S (4,6 secondi da 0-100 km/h); solo sufficiente la Lexus (6,3 secondi da 0-100 km/h). La Lexus dispone di un tasto Hybrid Power, che a potenza invariata rende più pronto nella risposta l’acceleratore e permette al motore di girare l’8% più velocemente.

E’ passando a consumi ed emissioni che esce fuori tutta la bontà della LS 600h, soprattutto se si guardano i dati dei costruttori. Nel misto la S600 richiede 14.3 litri/100km; la Lexus soli 9.5 litri. In città la S600 beve circa 21.7 litri/100km. LS600H soli 11.3.

E’ sui consumi urbani che la Lexus ha il massimo vantaggio, grazie ai brillanti sistemi di recupero di energia in frenata.

Tuttavia sembra che schiacciando a tavoletta i due indicatori di bordo dei consumi schizzino oltre i 30 al litro (in città) come niente. Attendiamo prove strumentali per conferme o smentite dei vanti Lexus sui consumi della sua ammiraglia. Anche nelle emisioni di CO2 Lexus vanta dati nettamente migliori (219g/km contro contro 340 della MB)

In strada il comportamento è molto diverso: secondo i tedeschi bisognerebbe “leggere” la Lexus come una Prius super lussuosa e super accessoriata capace di coccolare straordinariamente i suoi occupanti. Per chi si gode il mondo con pace e con serenità, senza pretendere una risposta cattiva premendo l’acceleratore e senza nessuna aspirazione di coinvolgimento nella guida. Certamente un ottima scelta per farsi portare senza stress da un autista nel traffico di oggi…

Di tutt’altro stampo la Mercedes che dalla sua ha una potenza e una “fisicità” enorme. Accelerazioni brucianti con riprese fulminee, freni potenti, e sterzo molto più pronto e comunicativo non lasciano dubbi su chi sia la più appagante per chi ama Guidare. Anche perché la S 600 è un auto molto più diretta: i quasi 300 kg di differenza si sentono tutti nei cambi di direzione e nell’agilità complessiva.

La Lexus con trazione integrale invece è più paciosa nelle reazioni e sembra dare più confidenza al guidatore, anche se, ovviamente, la versione corta risponde meglio alle sollecitazioni. Ma il tutto rimane sempre sotto l’occhio vigile dell’elettronica che cambia addirittura l’incidenza dello sterzo in situazioni limite.

Non c’è dubbio che , per chi ama la potenza bruta e una guida più divertente, la S 600 sia la scelta migliore, ma la Lexus con tutta la sua tecnologia, apre la strada a soluzioni molto
più innovative e più interessanti per un futuro più pulito.

Una considerazione conclusiva: la scelta dei modelli da confrontare è un filo discutibile. a una parte è giusto mettere a confronto i due modelli al top della gamma dei rispettivi costruttori, dall’altra parte è un po’ ridicolo mettere a confronto due modelli che costano rispettivamente 150.000 e 110.000 €. Il confronto sulle prestazioni sarebbe stato certamente meno penalizzante per la LS 600h se Auto Bild l’avesse messa a confronto con una concorrente più “naturale”, come la S 500 4Matic (anche lei 110.000 €).

Ultime notizie su Berline

Le auto berline: notizie sulle auto con carrozzeria (tipicamente) a 3 volumi e 4 porte, con le novità, le prove su strada, i prezzi, le schede tecniche e le guide d'acquisto.

Tutto su Berline →