Alfa Romeo Giulietta: la nostra prova su strada

Alfa Romeo Giulietta: prova su strada

Ecco l'attesissima prova della nuova Alfa Romeo Giulietta. Dopo 150 chilometri tra la pista prova di Balocco e le strade statali della zona, possiamo confermare che Giulietta ci è piaciuta e che la grande attesa per questo modello è stata ben ripagata. La lunga giornata stampa ci ha permesso di analizzare gli aspetti tecnici e di marketing con l'amministratore delegato Harald Wester e poi di ammirare e guidare le vetture a disposizione.

Il primo impatto con la nuova segmento C di casa Alfa è migliore rispetto a quello delle foto ufficiali e del primo contatto al salone di Ginevra: nel mondo “reale” e in colori ed allestimenti più vari dimostra un bell'equilibrio stilistico, pur con un frontale molto prominente. I colori scelti per la presentazione, bianco e blu, valorizzano le forme della carrozzeria, muscolosa e caratterizzata da gruppi ottici di grande effetto grazie alla tecnologia LED. Come in molte altre vetture attuali, i gruppi ruota stentano ad imporsi visivamente, se non in misure extralarge, così i 16” delle versioni più piccole sembrano perdersi nei passaruota, mentre i 18” della Quadrifoglio Verde appaiono equilibrati rispetto alle forme della fiancata.

Ancora prima della conferenza stampa, non resistiamo alla tentazione e saliamo su alcune delle vetture a disposizione, per toccare con mano uno dei punti più controversi della Giulietta: quelli stessi interni che sono stati rivisti da Alfa prima del lancio e che, ancora oggi, fanno discutere. L'impatto globale è positivo, sopratutto per la posizione di guida e le regolazioni che accolgono guidatori di ogni statura (con un 99 percentile). Il cruscotto è piuttosto alto e massiccio, presenta finiture accattivanti nelle zone più visibili ma propone anche qualche caduta di stile: i panelli porta, sopratutto nella zona degli alzavetri, offrono materiali di qualità piuttosto bassa e soggetta a facili graffi. I comandi a deviatore, in stile 8C Competizione, hanno un rivestimento gommoso nella norma, mentre i comandi del clima sono intuitivi e molto grandi. Anche il cassetto portadocumenti appare un po' esile, anche se piuttosto capiente.

Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada

Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada

Lo schermo del sistema multimediale, in puro stile Bmw Serie 1, si trova al centro della plancia e si solleva all'accensione, ma è piuttosto scomodo il controller di destra dell'autoradio, lontano dal guidatore, che ne gestisce le varie funzioni. Bella la sensazione tattile del pomello cambio metallico e del volante: anche se ereditato della più piccola MiTo, presenta un corretto dimensionamento senza esagerare nel diametro della corona e, negli allestimenti sportivi, la finitura mista pelle ed alcantara è davvero azzeccata. Queste versioni propongono anche l'imperiale nero, una soluzione che comunque non rende claustrofobico l'abitacolo, nonostante la linea di cintura alta.

Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada

Harald Wester, nel sua lunga conferenza stampa, ha sottolineato i grandi sforzi profusi nella realizzazione della nuova piattaforma C Evo, qui al debutto con Giulietta, ma destinata a diventare la vera spina dorsale per le future auto del gruppo. Una attenta analisi del mercato e della concorrenza ha spinto Alfa Romeo a creare una vettura del segmento C Premium capace di sfidare le concorrenti più blasonate, proprio in quella fascia di mercato che da sola vale ormai un quinto delle vendite globali. Giulietta punta sulle qualità di confort e sicurezza unite al piacere di guida ed a scelte tecniche votate a contenere il peso ed ottimizzare l'handling, risultando così la migliore del suo segmento nell'assorbimento delle sconnessioni, senza per questo esagerare con rollio e beccheggio. Il target di clienti proviene per il 50% da segmenti inferiori e superiori ed è sicuramente molto esigente, per questo Alfa non nasconde di aver preso come termine di paragone sopratutto la concorrenza tedesca.

Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada

Finalmente giunge il momento di guidare Giulietta e ci sediamo al volante di una 1.4 Multiair 170 Cv Distinctive con pacchetto Sport. Se le prime impressioni sono quelle che contano, bastano davvero pochi metri per innamorarsi dello sterzo, così diretto, preciso e ben calibrato da far dimenticare che si tratti di una unità con servoassistenza elettrica: il sistema Dual Pinion fa il suo dovere e la percezione del lavoro del McPherson anteriore è davvero netta. Sulle strade statali si apprezza subito la generosa coppia del Multiair, molto fluido e morbido nel funzionamento e più simile ad un grosso motore diesel di ultima generazione nella sua erogazione dei 250 Nm di coppia: già al di sotto dei 2000 giri la spinta è corposa ed è inutile spingersi oltre i 6000 giri, mentre la sonorità non si fa mai invadente, pur con un suo carattere peculiare.

Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada

Intervenendo sul manettino DNA, qui evoluto e capace di gestire più parametri personalizzabili, Giulietta cambia carattere e sfodera una inedita grinta: sterzo più pesante e presente, funzione overboost, acceleratore più pronto, differenziale Q2 attivo, controllo di stabilità VDC più permissivo ed una innovativa gestione dell'impianto frenante che rende più pronta la reazione al pedale. Tutto questo non è solo scritto nella cartella stampa, ma è chiaramente percepibile al volante della vettura, che si fa così perdonare alcuni aspetti negativi che saltano subito all'occhio: oltre ai comandi scomodi del sistema multimediale, corredato per l'occasione di nuove schermate in modalità dynamic con accelerazione G e pressione turbo, i sedili sportivi non contengono abbastanza il corpo nelle curve, inoltre la rumorosità aerodinamica degli specchietti retrovisori diventa presto fastidiosa nei trasferimenti autostradali.

Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada

Guidando nel traffico, magari con il sistema start-stop attivato tra i semafori, il Multiair si fa apprezzare per l'ottima elasticità e la silenziosità ai bassi regimi, mentre l'assetto segue le sconnessioni in maniera composta, senza per questo rinunciare ad una buona rigidità quando è possibile forzare qualche curva. Il consumo medio durante la prova è stato di circa 10 km/l, un valore probabilmente migliorabile con una guida più attenta e non sfruttando spesso la modalità più sportiva, ma resta la piacevole sensazione di tornare a guidare motori a benzina sportiveggianti al posto dei “soliti” diesel, per quanto evoluti, silenziosi ed efficienti. La casa dichiara per questo propulsore un consumo extraurbano di soli 4.6 l/100km, con emissioni pari a 134 g/km di CO2.

Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada

Al nostro rientro al centro prove di Balocco ad aspettarci ci sono le Quadrifoglio Verde e la pista di collaudo: l'impatto estetico della versione più cattiva è davvero positivo, anche se esteticamente pochi dettagli la rendono unica rispetto al pack sport opzionale per le altre motorizzazioni. Anche sedili, volante e finiture sono simili alla vettura già provata, quando ci saremmo aspettati un po' più di esclusività da un modello che porta un nome così “pesante” come Quadrifoglio Verde. Il 1750 Tbi, qui nell'inedito powerstep da 235 Cv, si fa perdonare subito per l'attesa con un rombo più grintoso, ma sempre molto (troppo ?) discreto.

Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada

I chilometri a nostra disposizione non sono molti ed il manettino DNA va subito in modalità sportiva: l'impianto frenante maggiorato e l'assetto specifico si fanno sentire già alla prima curva. La Giulietta più cattiva della gamma ha un inserimento preciso ed istantaneo, il posteriore segue ed esegue senza fare una piega, sembra quasi di non aver chiesto abbastanza alle ruote da 18”. Il ritmo aumenta ancora ed in frenata il posteriore allarga quel tanto che basta per inserirsi meglio in curva, dove il sottosterzo emerge solo sbagliando le traiettorie oppure esagerando con l'acceleratore: in ogni caso l'elettronica ci mette una pezza con invidiabile trasparenza, senza mai soffocare l'entusiasmo del pilota, ma correggendo i movimenti e dosando la potenza in maniera fluida. I cambi di direzione ad alta velocità mostrano un rollio limitato, i freni sopportano le staccate al limite senza variare il feeling del pedale e lo sterzo non trasmette mai reazioni di coppia, anche quando i 340 Nm di coppia ed il differenziale Q2 lavorano al massimo delle loro possibilità.

Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada

Sul tratto più veloce, appoggiando la quinta marcia ad oltre 170 km/h, siamo costretti a rallentare per completare il percorso e la Quadrifoglio Verde si riporta docile a velocità di crociera. Sono bastate poche curve al limite per avere la sensazione di padroneggiarla al meglio, con un buon mix tra prestazioni e sicurezza, anche se qualche pilota più smaliziato potrebbe trovare l'asse posteriore multilink fin troppo “educato”. Il setup della Quadrifoglio Verde e delle altre Giulietta testate è sviluppato per un target di clienti molto ampio ed anche parlando con i tecnici che hanno sviluppato il modello è evidente la volontà di donare a Giulietta un carattere brillante ma anche molto docile, puntando tutto sulla precisione dei comandi e sulla sensazione immediata di controllo ed agilità. Del propulsore, qui abbinato al cambio manuale come tutte le auto provate, possiamo dare un voto positivo, anche se la sua erogazione così corposa può ingannare circa la reale disponibilità di cavalli sotto al cofano.

Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada

Alfa Romeo prevede di consegnare circa 40.000 Giulietta entro la fine del 2010, per arrivare a circa 100.000 esemplari annui a regime, il 50% dei quali destinati all'Italia. Assemblata a Cassino, debutterà a Maggio in Italia, mentre il resto d'Europa dovrà attendere Giugno e Luglio (per i mercati con guida a destra). La gamma, con prezzi a partire da 20.300 €, comprende propulsori Turbo Euro5 1.4 120 Cv, 1.4 Multiair 170 Cv, 1750 Tbi 235 Cv, 1.6 Mjet 105 Cv e 2 litri mjet 170 Cv. Sarà disponibile sia il cambio manuale a 6 rapporti, sia il nuovo TCT doppia frizione (solo per Multiair 170 Cv ed Mjet 170 Cv), mentre il sistema Start-Stop è di serie su tutti i modelli, escluso il Tbi. Alfa Romeo si aspetta un grande successo della versione 1,6 Mjet, capace di 320 Nm di coppia massima, con un consumo medio di soli 3.7 l/100km.

Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada

Già a Maggio saranno diffusi i risultati dei crash test EuroNCap, dai quali Alfa si aspetta il massimo dei voti: nell'attesa una vettura utilizzata in un test di urto frontale a 64 km/h è stata presentata ai giornalisti, mostrando una perfetta accessibilità all'abitacolo ed un corretto assorbimento dell'urto. Harald Wester ha dichiarato che sono allo studio soluzioni bifuel per la vettura, visto il grande interesse del mercato europeo per l'alimentazione metano e gpl. Ben diversa, invece, la sua posizione sulle motorizzazioni ibride, ormai al centro dell'attenzione grazie alla collaborazione con Chrysler: un vero ibrido ha nei costi delle batterie il suo punto debole, tale da rendere impossibile il punto di pareggio per l'utente medio a causa del prezzo di listino elevato. Secondo le ricerche di mercato, inoltre, l'ibrido è ancora visto come un elemento a rischio affidabilità. Su questo tema e su molti altri, comunque, Wester è rimasto comunque molto vago, in attesa della conferenza stampa di Marchionne del prossimo 21 Aprile, quando il gruppo esporrà i progetti futuri.

Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada
Alfa Romeo Giulietta: prova su strada

  • shares
  • Mail
272 commenti Aggiorna
Ordina: