BMW Serie 5: dati tecnici ufficiali della nuova generazione F10


BMW svela la nuova Serie 5 ed i primi dettagli sulla meccanica ed i contenuti tecnici. La vettura è lunga 490 cm, larga 186 ed alta 147.5; il passo è pari a 297 cm (il più lungo della categoria). Il design, molto ben riuscito da queste foto, rappresenta una naturale evoluzione delle forme della gloriosa E39 con un occhio alla produzione del passato recente. Molto di questo ritorno al passato è visibile nelle forme dei gruppi ottici (un mix di led e proiettori allo xeno), meno elaborate che sulla E60.

All’interno il passo avanti in termini di design e qualità costruttiva è già “palpabile” in fotografia. Addio , come sulla Serie 7 (con cui condivide molte tecnologie nonché la sede di costruzione), al design minimalista: si ritorno all’opulenza delle BMW anni 90, tutte radica, pelle e bottoni. Rimane lo schermo dell’IDrive che arriva a ben 10.2 pollici ora meglio integrato nel disegno della plancia. Il nuovo sistema è ora dotato di tasti di scelta rapida e di disco rigido da 80 GB.

Sofisticato il pacchetto tecnico: l’asse anteriore a doppio snodo (quadrilatero alto) è realizzato in alluminio così come l’asse posteriore “Integral V” (multilink), le portiere (-23 kg rispetto alla costruzione in acciaio), i parafanghi anteriori, il cofano motore ed i duomi delle sospensioni. Ampio l’utilizzo di acciai multifase ad alta resistenza e ad altissima resistenza che hanno consentito una resistenza media della scocca superiore del 55% al modello precedente. Peccato per il peso complessivo che sale mediamente di oltre 100 kg.




A richiesta la vettura può essere equipaggiata col sistema Adaptive Drive, composto dal Dynamic Damping Control (ammortizzatori a regolazione Elettronica) e dalla stabilizzazione attiva antirollio Dynamic Drive che riduce il coricamento laterale della vettura nelle curve percorse ad alta velocità e nei cambiamenti improvvisi di direzione.

Per chi vuole regolare fino all’ultima spillo la propria vettura è inoltre disponibile il Il Driving Dynamic Control che, in abbinamento ai sistemi suddetti, influenza la progressione del pedale dell’acceleratore, la prontezza di risposta del motore, la linea caratteristica del servosterzo e le soglie d’intervento del controllo di stabilità di guida DSC e, qualora ordinato, anche la dinamica di cambiata del cambio automatico e la linea caratteristica del Dynamic Damping Control. Non mancano ovviamente i classici sistemi inclusi nel pacchetto Efficient Dynamics come il Brake Energy Regeneration per il recupero dell’energia dissipata in fase di frenata.




Estremamente sofisticato anche lo sterzo elettromeccanico EPS con cui la la servoassistenza viene messa a disposizione da un elettromotore che entra in funzione solo quando la servo assistenza è necessaria o viene richiesta dal guidatore. Nella guida in rettilineo e in curva con angolo di sterzo costante non viene consumata dell’energia. È prevista inoltre una mappatura sport per il comande in grado di soddisfare i bmwisti DOC.

Utile il sistema Stop & Go (a richiesta): comprende la regolazione automatica della distanza dal veicolo che precede. Quando viene superata la distanza definita rispetto alla vettura che precede, il sistema adatta la velocità intervenendo sulla gestione motore e generando la pressione necessaria dei freni. Il sistema esegue automaticamente anche una riduzione della velocità fino all’arresto. In questo caso la vettura viene decelerata fino all’arresto e mantenuta ferma.




Non mancano dispositivi che avvertono in caso si superamento della linea di mezzeria o in caso sopraggiunga una vettura che si trova nell’ ”angolo morto” del retrovisore esterno. Presenti pure i proiettori adattivi, il Night Vision per la rilevazione notturna di persone ed oggetti a grande distanza, l’Head-Up-Display e potenti impianti audio a richiesta. Innovativa e mutuata dalla Serie 7 anche la strumentazione con tecnica Black Panel: l’unità è composta da un display a colori ad alta definizione, da spie di controllo e di avvertimento e da quattro strumenti circolari configurati nello stile classico di un’automobile sportiva che informano sulla funzioni principali di guida. In più, lo schermo visualizza anche le istruzioni di guida e le raccomandazioni di corsia fornite dai sistemi di navigazione, disponibili come optional.

Altra novità di rilievo è è l’Integral Active Steering,disponibile come optional: il sistema combina l’Active Steering delle ruote anteriori, disponibile già nel modello precedente, con un asse posteriore sterzante. Per la prima volta l’angolo di sterzo e la servoassistenza vengono influenzati con degli elettromotori sia davanti che dietro.




Il comparto per l’intrattenimento e la connettività è di primo ordine: in primis il ConnectedDrive che comprende informazioni sul traffico, chiamata di soccorso, servizi relativi all’automobile, d’informazione e di ufficio, pianificatori di viaggio e del tempo libero, internet e sistemi di assistenza del guidatore. La nuova Serie 5 dispone inoltre dell’ ” l’Assistente di parcheggio BMW”: Fino a una velocità di 35 km/h, dei sensori ad ultrasuoni integrati nella sede dei lampeggiatori direzionali misurano permanentemente la lunghezza e la larghezza di possibili parcheggi lungo il bordo della strada o lungo la fascia laterale vicino alla carreggiata. In questo modo il sistema cerca dei parcheggi che superano la lunghezza della vettura di almeno 1,20 metri. Quando il guidatore conferma di aver scelto il posteggio, esso è responsabile per l’attivazione del pedale dell’acceleratore e del freno, mentre a girare lo sterzo ci pensa l’auto. Il conducente viene comunque seguito da appositi indicatori visivi (telecamera posteriore) e sonori che lo aiutano a gestire il gas ed il freno.

Amplia gia al lancio la gamma propulsori: al top della gamma si pone la 550i spinta da un 4.4 otto cilindri con Twin Turbo ad iniezione diretta capace di 407 CV, 600 Nm a 1 750 – 4 500 g/min che spinge la vettura da 0 a 100 km/h in appena 5 secondi per arrestarsi ai canonici 250 km/h ( consumo di 10,4 litri/100 chilometri; 243 g/km di CO2; Euro 5). La massa complessiva è di DIN/EU 1830 / 1905 Kg. La misura secondo lo standard EU comprende il peso del guidatore stimato in 70 kg; bagalio da 7 kg e serbatoio pieno al 90%.




Le altre motorizzazioni disponibili sono un 3.0 sei cilindri in linea biturbo ad iniezione diretta (535i) con Valvetronic da 306 CV e 400 Nm a 1 200 – 5 000 g/min che spinge la vettura a 100 km/h con partenza da fermo in appena 6.1 secondi (6.0 la versione automatica) e tira fino ai 250km/h autolimitati; ottimi i consumi e le emissioni dichiarate: 8,5 (automatico: 8,4) litri /100 chilometri; 199 (automatico: 195) g/km di CO2 che le fanno rispettare le norme Euro 5. La vettura pesa DIN/UE kg 1685 / 1760 KG

Chiudono l’offerta dei motori a benzina due 6 cilindri in linea aspirati da 3000 cc. Il più potente (528i) eroga da 258 CV, 310 Nm a 2 600 – 5 000 g/min e permette alla vettura di coprire lo “0-100” in 6.6 secondi (con cambio automatico in 6,7) spingendola ai 250 km/h con un consumo medio di 7,8 (automatico: 7,6) litri /100 chilometri. Basse le emissioni: 182 (automatico: 178) g/km di CO2 ed Euro 5 anche per lei.Peso DIN/EU 1635 / 1710 KG.




La meno potente 523i equipaggia il medesimo motore capace, in questa versione, di 204 CV e 270 Nm a 1 500 – 4 250 g/min. Più tranquille in questo caso le prestazioni: 0-100 in 7.9 secondi e 238 km/h la velocità di punta (234 con l’automatico). Contenuti i consumi e le emissioni: 7,6 litri/100 chilometri e 177 g/km di CO2 che le valgono la Euro 5. Peso DIN/EU 1625 / 1700 Kg.

Ben articolata anche la gamma dei propulsori diesel: al top si posiziona (fino all’arrivo della nuova 535d) la 530d motorizzata dal 6 cilindri in linea 3.0 turbodiesel da 245 CV e 540 Nm a 1 750 – 3 000 g/min in grando di spingere la vettura ai “classici” 250 km/h e di farla schizzare da 0 a 100 km/h in appena 6.3 secondi. Contenuti i consumi e le emissioni: 6,3 (automatico: 6,2) litri /100 chilometri e 166 (automatico 162) g/km di CO2 (Euro 5). Gli ambientalisti più incalliti potranno inoltre optare per il pacchetto BluePerformance, disponibile come optional in combinazione con il cambio automatico: oltre al filtro antiparticolato diesel e il catalizzatore a ossidazione, un catalizzatore ad accumulo NOx provvede a una riduzione supplementare degli ossidi di azoto contenuti nei gas di scarico. In questo modo la vettura può rispettare le norme Euro 6. La vettura pesa DIN/ EU 1715 / 1790 kg.




La 535d è invece equipaggiata con una versione più tranquilla del 3.0 turbodiesel capace di 204 CV e 450 Nm a 1 750 – 2 500 g/min, utili per coprire lo 0-100 km/h in 7.2 secondi e spingerla ai 236 Km/h. Il consumo è pari a 6,2 (automatico: 6,1) litri/100 chilometri, mentre le emissioni sono limitate ai 162 (automatico: 161) g/km di CO2; Euro 5 anche in questo caso. Peso DIN/EU 1690 / 1765 kg.

La 520d (che verrà laciata in un secondo tempo) porterà presto al debutto il nuovo power-step del rinomato 4 cilindri 2.0 turbodiesel della casa bavarese: 184 CV e ben 380 Nm a 1 900 – 2 750 g/min. Equipaggiata con tale propulsore la nuova Serie 5 copre lo 0-100 in 8.1 e tocca i 227 (automatico: 225) km/h di velocità massima. Notevoli i valori di consumo ed emissioni: 5,0 (automatico: 5,2) litri/100 chilometri e appena 132 (automatico: 137) g/km. Euro 5. La vettura pesa DIN/EU 1640 / 1715 kg

Oltre ai tradizionali manuali a 6 rapporti (ora con lubrificazione a carter secco) , la Serie 5 può essere dotata, con tutte le motorizzazioni, del nuovo cambio automatico ad 8 rapporti, presentato per la prima volta sulla 760i. Con la funzione Sport è inoltre possibile selezionare le marce con i paddles montati al volante.


























































  • shares
  • Mail
65 commenti Aggiorna
Ordina: