Light Blue Optics: dall'Inghilerra uno specchietto intelligente con proiezione olografica

Light Blue Optics

L'azienda inglese Light Blue Optics (LBO) ha messo a punto un prototipo di specchio retrovisore intelligente, pensato sopratutto per aumentare la sicurezza attiva delle autovetture. La combinazione di navigazione satellitare, sensori di bordo e proiezione olografica ha consentito infatti di progettare un sistema che invia informazioni al conducente tramite la proiezione sul vetro dello specchio retrovisore, con una resa simile agli HUD Head-up display. Sarà quindi possibile informare visivamente il conducente del superamento della linea di mezzeria, ma sopratutto della distanza effettiva dagli altri veicoli e, in base alla velocità, se una eventuale manovra di sorpasso possa essere effettuata senza rischi.

La sfida tecnologica è sopratutto legate alla miniaturizzazione del proiettore, della grandezza di circa mezzo decimetro cubo e che funziona attraverso un sistema di lenti e cristalli liquidi, dando al guidatore una visione chiara e correttamente distanziata e consentendo ai progettisti di prevedere inedite applicazioni. I bassi costi di produzione previsti potrebbero dare via ad una diffusione di massa di questo tipo di accessori. Un prototipo del sistema è stato presentato al Sid Vehicles and Photons 2009 a Deaborn nel Michigan, ma per la produzione di serie dovremo attendere il 2013.

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: