OPE, il motore a pistone oscillante

OPE - motore a pistone oscillante

Si chiama OPE, vale a dire "Oscillating Piston Engine" o "motore a pistone oscillante" e viene definito rivoluzionario dai suoi inventori della Rotoblock in quanto consentirebbe risparmi in fatto di peso e complessità costruttiva rispetto a un tradizionale motore a pistoni.

Per comprendere alcuni aspetti di questo innovativo motore a combustione interna è utile osservare l'animazione del suo funzionamento, dove si possono notare due gruppi coassiali di 4 pistoni (disposti a croce e, seppur ricurvi, simili a quelli delle nostre auto) oscillare a destra e a sinistra all'interno di un grande "cilindro" toroidale fino a formare fra loro 2 camere di combustione contemporanee.

Scendendo un po' più nel tecnico (pur senza essere ingegneri...) si possono notare le due bielle che danno il moto oscillante agli alberi motore, così come si può vedere il "cilindro" ruotare su se stesso fino a far corrispondere luci di immissione e di scarico nel punto in cui avvengono le singole fasi del ciclo di funzionamento.
Esiste già il video dove l'OPE realizza i primi giri in autonomia, con la sola propria potenza; possiamo dire che questo motore è agli inizi di una strada lunga e difficile!

Il brevetto della Rotoblock non è certo una novità assoluta, visto che motori toroidali dal principio di funzionamento simile risalgono al motore Tschudi del 1968, ma rimane comunque la promessa di un miglior rapporto peso/potenza e la possibilità di essere alimentato da combustibili alternativi, idrogeno compreso.

Per il momento gli ideatori considerano il propulsore adatto a qualsiasi impiego, dai piccolissimi motori per modelli radiocomandati ai generatori elettrici, fino alle vetture. A questo scopo la Rotoblock ha anche annunciato una collaborazione con Apollo Energy Systems per lo sviluppo di un sistema di propulsione ibrida per auto che utilizzi l'OPE.

  • shares
  • Mail
41 commenti Aggiorna
Ordina: