Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

Scritto da: -

Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

Primissima elettrica di nuova generazione a sbarcare in Europa, e a segnare (nelle speranze e negli annunci dei costruttori) l’alba dell’era in cui l’auto a zero emissioni riuscirà a conquistare una fetta importante di mercato, la nuova Citroën C-Zero è finalmente arrivata. E noi l’abbiamo provata su strada nella verde, ecologica Malmö. Ça va sans dire, il contesto del nostro test drive è stato rigorosamente cittadino.

Un po’ per vocazione, un po’ per forza di cose, la C-Zero è un animale urbano. Solo ed esclusivamente urbano. Come tutte le elettriche del prossimo futuro, anche la nostra francesina (meglio dire franco-nipponica) ha per così dire il fiato corto: Mitsubishi, Citroën e Peugeot dichiarano ufficialmente 150 km di autonomia per le loro tre piccole gemelline ecologiche. E poi, a microfoni spenti, precisano che si tratta di un valore puramente “teorico”. Frutto dei soliti irrealistici cicli d’omologazione.

Con 100 chilometri (calcolo dichiaratamente spannometrico…) di ossigeno nelle bombole dunque, abbiamo già ristretto il campo di impiego della nostra piccola alle strade delle grandi città europee. Dove, non a caso, si stanno concentrando tutti gli sforzi delle case per siglare accordi con enti e amministrazioni cittadine al fine di agevolare diffusione e utilizzo delle elettriche. Inquadrata la questione per i suoi sommi capi, è il momento di salire con noi a bordo della C-Zero.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

INTERNI: SCARSI INDIZI “ELETTRICI”, LOOK POCO INTRIGANTE

La prima impressione che si ha dall’abitacolo dell’elettrica francese è assolutamente simile a quella trasmessa da una qualunque citycar generalista: pochi gli indizi che ne denunciano la natura di mezzo a zero emissioni, e tutti di dettaglio. Al primo sguardo, gli interni potrebbero essere intercambiabili con quelli di mille altre utilitarie: design non originalissimo, plastiche bruttine, pochi guizzi di fantasia o tocchi di colore.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

Il cruscotto e i pannelli portiera si sviluppano regolari senza raggiungere particolari vette in termini di finitura, e fatti salvi la corona del volante in pelle, la finitura lucida della console centrale e i gradevoli comandi del clima, c’è poco di che esaltarsi. Anzi, certe cadute di stile come la radio non integrata nel contesto stilistico della plancia, non ce le saremmo proprio aspettate.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

La seduta del posto guida è piuttosto alta, e a dare la sensazione di essere seduti su una sorta di micro-MPV (la C-Zero è un giocattolino lungo appena 348 cm, 5 più di una C1) contribuisce anche la particolare conformazione del parabrezza, il cui limite inferiore è molto in basso.

A proposito: la “vista” (e soprattutto la percezione degli ingombri) di cui si gode a bordo è davvero eccellente davanti -sembra di stare direttamente sulle ruote anteriori-, e anche se dietro le cose vanno un po’ peggio per via dei robusti montanti posteriori, la vettura è talmente compatta e maneggevole che si parcheggia senza il minimo problema.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

Dietro al volante trova posto un quadro strumenti dall’articolazione interna estremamente semplice. Al centro si trova il tachimetro digitale, a sinistra l’indicatore dell’autonomia residua, a destra un piccolo trip computer con contachilometri e altre indicazioni secondarie. Il grande strumento circolare centrale, che visivamente costituisce senza dubbio l’elemento principe del quadro intero, è invece un particolare indicatore che mostra a chi guida il modo in cui sta sfruttando l’auto.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

Quando la lancetta è su “Charge”, durante le fasi di rilascio e frenata, significa che il sistema di recupero dell’energia dissipata in frenata sta ricaricando le batterie, quando si muove su “Eco” vuol dire che stiamo adottando uno stile di guida ideale per minimizzare i consumi, mentre quando si spinge a fondo il pedale del gas (perdonate l’arcaismo…), l’indicatore corre rapido verso la scritta “Power” a fondoscala. Originale ed efficace.

ABITABILITA’ E BAGAGLIAIO: PICCOLA FUORI, GRANDE DENTRO

Dove la C-Zero non si batte, è nel suo formidabile rapporto tra ingombri esterni e abitabilità interna. Il propulsore del modello occupa molto meno spazio di un motore termico tradizionale e per di più la disposizione dell’unità -e quella del pacco batterie- è stata studiata appositamente per aumentare la disponibilità di spazio a bordo. Il motore elettrico è sistemato proprio sull’asse posteriore, vicino a caricatore e inverter. Le batterie si trovano invece sotto il pianale.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

Viene da sé che una simile disposizione ha dato la possibilità di sfruttare tutto lo spazio lasciato libero dal motore termico sull’anteriore. Il passo infatti raggiunge la ragguardevole misura di 255 cm. Allo stesso modo, lo spazio in altezza rubato dalle batterie sotto il pianale è stato recuperato con il semplice stratagemma di realizzare un abitacolo particolarmente alto.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

Il risultato è che -praticamente a parità di dimensioni- a bordo si gode di un’abitabilità decisamente superiore a quella di una normale C1. E nemmeno del bagagliaio (preso ovviamente per quello che è, ossia poco più di un vano da spesa settimanale) c’è troppo da lamentarsi: la sua volumetria, pari a 166 litri, è comunque significativamente superiore a quella della solita C1 (139 litri), e anche a quella della Mini (160 litri) che pure con i suoi 22 cm di lunghezza in più appartiene a tutt’altra categoria.

SU STRADA: CHE TIRO, LA PICCOLA!

Sarà stata la voglia di mettere alla frusta un’auto tutto sommato diversa da quelle che guidiamo tutti i giorni, sarà stato un inconscio bisogno fisico di scongelarsi nel freddo del primissimo mattino svedese, fatto sta che al volante della C-Zero ci siamo divertiti.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

Quell’aggeggio elettrico che quando lo accendi non ti degna neanche di un decibel di benvenuto, oltre che assolutamente ecologico (in termini di emissioni locali, ovvio…) è anche un campione di elasticità. Sì, certo, lo sapevamo tutti, ma un conto è scriverlo di fronte a un monitor, un conto è sgusciare in mezzo al traffico con un piglio da scooterone di grossa cilindrata.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

La Citroën C-Zero, che può contare su 64 CV (da 3500 a 8000 giri e 180 Nm da 0 a 2000), ti conquista per la sua disponbilità, e lo fa soprattutto a velocità ridotte: la curva di coppia del motore elettrico (qui abbinato a un cambio con due soli rapporti, uno per la marcia e uno per la retromarcia) ha infatti un andamento molto peculiare, per cui hai tutto al minimo e ai bassi regimi, ma poi progressivamente l’elasticità va via via perdendosi man mano che la vettura raggiunge regimi e velocità superiori. L’esatto opposto di un motore termico tradizionale quindi, dove tipicamente la curva di coppia ascende -con più o meno vigore- dal minimo fino ai medi.

E dunque, valori di ripresa come quello per coprire il 30-60 km/h sono da assoluto riferimento, mentre -altra caratteristica che conferma l’anima cittadina del veicolo- quando si ha a che fare con tragitti extraurbani e andature più sostenute, la sensazione di tiro diminuisce gradualmente. Con tutta quella prontezza a disposizione comunque, per raggiungere i 130 all’ora (la velocità massima della C-Zero) una volta lanciati, la vettura sembra non accusare alcun affanno, anzi…

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

Altra caratteristica sorprendente da provare sulla propria pelle è l’effetto del freno motore, che è (per rendere in qualche modo l’idea) paragonabile a quello che si può avvertire togliendo all’improvviso il gas con la prima o la seconda marcia inserita su un’auto tradizionale, anche se qui il rallentamento -pur brusco- avviene in maniera del tutto regolare, senza strappi.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

La perdita di velocità, che è in ogni caso repentina a ogni rilascio, si traduce tuttavia in una marcia a singhiozzo, che alla lunga rischia di stancare, soprattutto nel traffico congestionato, con i suoi tipici, frequenti rallentamenti. La frenata vera e propria invece, pur consistentemente supportata dall’effetto del freno motore, ha mostrato un piccolo neo: niente di preoccupante sul piano effettivo, solo una certa carenza di feeling dal pedale che si manifesta quando si vuole arrestare il veicolo da bassissima velocità.

In termini di comportamento dinamico infine, la C-Zero rappresenta davvero qualcosa dal sapore particolare nel panorama delle citycar odierne: complice la sua architettura meccanica, con motore e trazione posteriore, le carreggiate strettissime e l’altezza massima elevata (la C-Zero è 15 cm più stretta e 15 più alta di una C1!!!), la piccola elettrica ha manifestato un caratterino -come dire- “vivace”.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

Certo, la perfetta dislocazione delle batterie, sotto al pianale nella posizione più centrale possibile, ha aiutato nel posizionamento ottimale del baricentro, ma con 1120 kg a secco sul groppone, certe caratteristiche strutturali congenite, e quattro “rotelle” -davanti 145/65 R 15 (la C1, per capirci, monta di serie le 155), dietro 175/55 R 15- per di più con mescola a bassa resistenza al rotolamento, basta poco per fare un bell’incontro ravvicinato con i limiti dinamici dell’auto. Che dire? Dio benedica il giorno che hanno deciso di metterci l’ESP di serie…

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

CONSUMI, PREZZI E CONSIDERAZIONI FINALI

Citroën dichiara per la sua prima elettrica un consumo pari a 135 watt/ora per km sul ciclo misto di omologazione europeo. Per parlare in termini più comprensibili: secondo la casa il costo chilometrico dell’auto corrisponderebbe in media a 1,5 euro ogni 100 km, e al massimo -cioè viaggiando a 130 km/h- non supererebbe i 2,5 euro/100 km.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

Logicamente, le emissioni -locali- di CO2 corrispondono a 0 g/km, mentre l’autonomia, come abbiamo avuto modo di scrivere in apertura, è di 150 km “ufficiali”, ma di circa 100 “realistici”, secondo una stima assolutamente approssimativa e comunque variabile a seconda dello stile di guida che viene adottato.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

Il prezzo? Beh, l’unico aggettivo che ci viene in mente per un “cifrone” come 35.960 euro chiavi in mano è: “siderale”. Inevitabile, visto l’elevatissima caratura tecnologica dell’auto, ma ciò non toglie che si tratti di un valore a dir poco lontanissimo da quelli di una segmento A (ma anche B o C…) a propulsione tradizionale.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

In Citroën lo sanno, e proprio per questo non vedono nella loro C-Zero una macchina “da volumi”. Le previsioni di vendita parlano di 300 esemplari in Italia nell’arco di tutto il 2011 e di 4000 a livello europeo. Nell’anno successivo, il mercato continentale della C-Zero dovrebbe più che raddoppiare, raggiungendo i 9000 esemplari.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

Nella prima fase di commercializzazione, visto il listino così elevato, la quasi totalità dei clienti dovrebbero essere aziende e clienti con partita IVA. Soggetti sui quali si concentrerà in effetti lo sforzo commerciale della filiale italiana, che ha studiato proprio per loro una formula di leasing quadriennale, articolata su una prima rata da 3216 euro, seguita da altri pagamenti mensili di 466 euro e da una maxirata finale pari a 11.987 euro facoltativa.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

In alternativa a quest’ultimo pagamento, c’è il riscatto del veicolo da parte della casa costruttrice. Nell’offerta qui esposta, di tipo all-inclusive, non rientra la sola disponibilità dell’auto, ma anche una garanzia di 4 anni e tutti gli interventi di manutenzione ordinaria.

Citroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su stradaCitroën C-Zero: la nostra prova su strada

Vota l'articolo:
3.88 su 5.00 basato su 26 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by: 6 come 6

    perché vengono cancellati alcuni dei miei commenti? “Internet è uno dei veicoli più validi per la difesa della libertà, poiché offre la verità a chi vuole vederla e intenderla. Non è quindi sorprendente che alcuni organismi dimostrino di temere Internet e la sua capacità di diffondere la verità”. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by:

    onestamente me lo potessi permettere la comprerei al volo! faccio 40/50km al giorno per venire al lavoro e mi risparmieri un bel pò di soldini dal benzinaro ricaricondomi la mia macchinetta nel garage… un sogno, ma senza politiche di supporto concreto, e incentivi corposi rimarremo ancora per un pò un popolo da 300 elettriche all'anno… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by:

    scusa, ma spenderesti più di sessanta milioni (sessanta milioni!!!) per una cosa che non arriva neppure a 100km di autonomia? ma hai pensato a quanto tempo ci metti per recuperare quei soldi? guarda che la corrente non è mica gratis! e prima o poi verrà tassata come la benzina, lo stato non è mica sce mo… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by:

    @2 la macchina costa un capitale. quando troveranno come darla a tutti, l'elettricità per alimentare le auto sarà ultra-tassata come son ora benzina e diesel (come voglion fare col distributore di metano da garage, renderlo disponibile ma tassando il metano in modo marcato rispetto a quello per uso domestico) e non avremo molta convenienza.. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by: D'io

    una considerazione sul problema delle emissioni CO2 cittadine: perchè non si utilizza il sistema in voga negli anni'50-'60 per movimentare il trasporto pubblico..? Qualcuno, coi capelli grigi, si ricorda i "filobus"..? Perchè non applicare lo stesso sistema ad un lotto di auto "comunali" da prelevare nel classico parcheggio scambiatore periferico..? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by: ryan_ro

    Sbaglio o nell'articolo non si parla dei tempi di ricarica? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by: asterio

    questi praticamente aspettano soldi pubblici per far campare il progetto…. ma i soldi pubblici sono soldi nostri. Il leasing invece sembra tutto sommato l'unica strada percorribile per un provato e non è nemmeno eccessiva. C'è una cosa però che mi chiedo: le dinamo esistono da 200 anni, i motori elettrici anche, le batterie saranno anche aggiornate ma è una tecnologia in progresso vecchia sicuramente più del motore termico (anch'esso in progresso e con continui studi per migliorarlo), i materiali che servono per creare il mezzo sono paragonabili a quelli di una equivalente versione a benzina…. la domanda è: perché 38 keuro? come li si giustifica? Secondo me c'è tutto l'interesse ad usare questi mezzi per attirare l'attenzione e vendere i vecchi prodotti a benzina: sappiamo fare anche questi giocattoli elettrici, abbiamo l'animo verde, ma voi compratevi i mezzi a benzina va che i petrolieri son più contenti. In poche parole non trovo nessun motivo valido per un prezzo del genere. E' un'auto nuova che ha costi di ricerca e sviluppo analoghi a quelli di una qualunque altro nuova con un qualunque altro motore nuovo. Il motore stesso, esattamente come qualunque altra unità, può essere montato su qualunque altra vettura e, visti gli ingombri, ci starebbe ad esempio senza grossi problemi sotto al cofano di C1 (ma probabilmente ci sarebbero problemi con toyota) e C3… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by:

    e neppure di autonomia effettiva… è scritto solo "a spanne" … un mio ec x collega diceva: ad occhio si mangiano solo le tagliatelle! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by:

    Non ci siamo proprio, molto meglio la Volt dell'altro articolo a questo punto. Costa troppo (ma tutte quelle batterie si pagano care) e l'autonomia è troppo bassa, nonostante sia molto ottimistica. Il consumo dichiarato di 135 W/h è assolutamente irrealistico considerando, come termine di paragone, che è più o meno la stessa energia che si consuma tenendo accesi gli anabbaglianti e le 4 posizioni (55W x 2 più 5W x 4). Con la stessa energia ci sposti 1200Kg di auto? E chi ci crede veramente? Questi benedetti cicli di omologazione europei andrebbero seriamente rivisti, visto anche quanto sono falsi i consumi di <i>tutte</i> le auto, sempre più ottimizzate per avere risultati migliori su quei cicli ma che migliorano veramente di poco nell'utilizzo quotidiano. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 10 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by: emilx

    @kitt Guarda che i tuoi conti sono legermente sbagliati. Gli 135 Wh è l'energia necessaria per un km. e si misura in Wh, cioè W moltiplicato h non W/h. Questo significa che la potenza media necessaria per andare a 60 orari e di circa 8.1 kw. Il valore è comunque in linea con gli altri veicoli elettrici. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 11 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by: Cistòn

    A quel punto per metà del prezzo mi prendo la jazz ibrida. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 12 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by: go

    Porca vacca 36000 euro!! :-O Capisco che avra una tecnologia ma cene vuole per arrivare a tanto.. come mai? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 13 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by:

    emilix ti riporto la frase dell'articolo: <i>Citroën dichiara per la sua prima elettrica un consumo pari a 135 watt/ora per km sul ciclo misto di omologazione europeo</i> da cui ho fatto copia-incolla ed ho dimenticato di correggere l'unità di misura ;) Comuqnue quello che volevo dire io, è che mi sembra molto improbabile che per far muovere questa auto per 1 km si consumi solamente tanta energia quanta tenere accese 6 lampadine per un'ora. Tra l'altro confrontando anche solamente i dati dichiarati i conti non tornano. L'autonomia dichiarata è di 150 km. Il ciclo misto è fatto per 1/3 da quello urbano e 2/3 da quello extraurbano, e se non vado errato quello extraurbano è fatto a velocità costante di 90km/h e quello urbano ha una velocità media di 20km/h, per fare quel chilometro ci vogliono circa 67 secondi ad una potenza media di 7,2 KW che porta ad un'autonomia di circa 118 Km. Quindi loro dichiarano un consumo che comunque non porta ad ottenere un'autonomia che sempre loro dichiarano. Come si fanno anche solamente a prendere seriamente questi dati? Lo fanno apposta (confondere le idee) per nascondere alla gente che la tecnologia non è ancora matura per questo. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 14 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by:

    Con la mia smar CDI faccio 24km/l, considerando che percorro 40 km/gg, spendo circa 450€/anno. Con questa spenderei circa la metà … per ammortizzare la differenza di prezzo tra la mia (già cara) auto ci vuole quasi un secolo … per me se la tengono. Continuo a pensare che inquino meno io. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 15 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by:

    voglio vedere chi se la compra! a livello economico non la ammortizzi mai! a livello stilistico è brutta mi date 1 solo motivo per prenderla? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 16 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by: _enzo

    E' vero che le batterie occupano più spazio, ma questa piccola Mitsubishi (con logo Peugeot) è venduta da qualche anno in Giappone come kei car con motore endotermico al lavoro 660cc e ovviamente il pianale è il medesimo (pensato quindi anche per l'ibrido) perciò lo spazio interno è il medesimo. Il fatto di condividere il pianale con un'auto normale è ottimo in quanto permette di fare economie di scala e di proporre l'auto ad un prezzo inferiore. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 17 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by:

    Giusto per far vedere che i conti sono quelli: <a href='http://www.autoambiente.com/content/view/2194/173/' rel='nofollow'>http://www.autoambiente.com/content/view/2194/173/</a> Anche la Volt usando 8kWh di batteria fa 60km => 8000/60 = 133Wh/km. Poi si potrà dire che sono di più, ma non così tanto. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 18 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by:

    Ragazzi ma tutti parlano di emissioni di zero e di zero consumi di carburante, ma nessuno dice quanti KW/h consumerebbe una ricarica completa. Secondo me, calcolando il costo elevato iniziale, il costo elevato della manutenzione e delle batterie(che non costano poco e non durano una vita), a conti fatti noi consumatori non risparmieremmo nulla o quasi nulla. Inoltre l'ambiente non so fino a che punto sia tutelata visto che cmq la corrente non la troviamo nei pozzi ma la dovremmo generare con le nostre centrali. Secondo me c'è puzza di business….. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 19 su Citroën C-Zero: la nostra prova su strada

    Posted by:

    Sulla mia Mini Cooper S uso e continuerà sempre e solo ad usare olio Royal Purple. Lo prendo da Autogold Sono auto che vanno trattate bene, quindi solo il meglio in tutto Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Autoblog.it fa parte del Canale Blogo Motori ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.