Stellantis: accordo con Vulcan Energy per la fornitura di litio green

L’agreement è finalizzato all’approvvigionamento carbon neutral della materia prima essenziale per le batterie dei veicoli elettrificati: è un capitolo-chiave nel potenziamento delle strategie di sviluppo Stellantis.

Gli obiettivi sono chiari, e si inquadrano nel maxi-programma di riposizionamento del Gruppo annunciato all’inizio di luglio in occasione dell’EV Day, e che prevede – nell’arco dei prossimi cinque anni – un monte-investimenti complessivo nell’ordine di 30 miliardi di euro per la definizione di un’identità corporate all’insegna dell’elettrificazione e della riorganizzazione strategica di ciascuno dei 14 marchi che fanno capo alla “big Alliance” tra Fca e Psa.

La pagina che scrive un nuovo capitolo verso la definizione dei piani green di Stellantis arriva con l’annuncio di un accordo vincolante con Vulcan Energy Resources – società che ambisce ad assumere un ruolo leader a livello globale come produttore di litio in grado di azzerare le emissioni nette di gas serra – attraverso il quale Vulcan fornirà in Europa idrossido di litio da impiegare per la realizzazione dei sistemi di accumulo a bordo della prossima generazione di veicoli elettrificati Stellantis. L’”agreement”, che si articolerà su un’ottica di cinque anni, prevede l’inizio delle spedizioni nel 2026.

Concreta risposta alle esigenze eco friendly

Michelle Wen, responsabile della Divisione Purchasing and Supply Chain di Stellantis, osserva che il nuovo accordo assume un ruolo essenziale nel “capitolato” di evoluzione sostenibile ed accessibile per il Gruppo:

“Stellantis sta portando avanti in modo energico e veloce la sua strategia di elettrificazione. Questo accordo è un’ulteriore prova del fatto che possediamo lo spirito competitivo giusto per mantenere i nostri impegni. La libertà di muoversi con mezzi sicuri, puliti ed economicamente accessibili rappresenta una forte aspettativa delle nostre società e il nostro impegno è quello di fornire risposte all’altezza di queste richieste”.

La prospettiva stimata da Stellantis prevede che, entro il 2030, oltre il 70% dei suoi veicoli venduti in Europa e più del 40% di quelli venduti negli Stati Uniti siano a basse emissioni, con soluzioni a completa elettrificazione per ognuno dei 14 brand che fanno capo alla “big Alliance”.

Produzione carbon neutral

Ragionando in termini di progetti e cifre, l’accordo di fornitura nasce da una mission di decarbonizzazione della supply chain per i sistemi di accumulo agli ioni di litio e dei veicoli elettrici: il progetto “Zero Carbon Lithium” da parte di Vulcan – che in uno stabilimento situato in Germania, nell’alta valle del Reno, utilizza energia geotermica per produrre idrossido di litio per batterie ricavato dalle brine, senza l’uso di combustibili fossili e con un minimo consumo d’acqua, riducendo così la produzione di carbonio nella filiera dei metalli per batterie – si prefigge la riduzione delle distanze fisiche nel trasporto delle sostanze chimiche a base di litio nel “Vecchio Continente”. “La nostra sede in Germania, vicina alle gigafactyory europee di Stellantis, è coerente con questa strategia. Siamo fiduciosi che la relazione tra Vulcan e Stellantis sarà duratura e produttiva, e permetterà a entrambe di realizzare le nostre comuni ambizioni di sostenibilità e decarbonizzazione”, dichiara Francis Wedin, Managing director di Vulcan. Nei cinque anni di durata dell’agreement, si prevede la fornitura a Stellantis di un quantitativo di idrossido di litio che sarà compreso fra 81.000 e 99.000 tonnellate.

Ultime notizie su Ibride/elettriche

Tutto su Ibride/elettriche →