Lotus Emira: la nuova sportiva della Casa di Hethel

Finalmente svelata la nuova Lotus Emira, l’ultima auto sportiva della Casa di Hethel, destinata a sostituire le precedenti Elise, Exige ed Evora.

Ecco la nuova Lotus Emira, l’inedita sportiva a motore centrale della Casa di Hethel, attesa all’imminente Festival of Speed 2021 di Goodwood. Erede delle precedenti Elise, Exige ed Evora, porta al debutto la nuova piattaforma modulare del costruttore britannico ed è stilisticamente in linea con la hypercar Evija a propulsione elettrica.

Con i motori di Toyota e Mercedes-AMG

Inizialmente, la nuova Lotus Emira sarà disponibile nella versione speciale First Edition in serie limitata al prezzo base di circa 72.000 euro, con il propulsore a benzina 3.5 V6 biturbo di origine Toyota da 406 CV di potenza e 430 Nm di coppia massima che consentirà di raggiungere la velocità massima di 290 km/h, accelerando da 0 a 100 in 4,5 secondi. Nel corso dell’estate del 2022, invece, sarà proposta con l’unità a benzina 2.0 i4 Turbo di Mercedes-AMG da 365 CV di potenza, anche in abbinamento al cambio automatico DCT a doppia frizione.

Dimensioni, colorazioni e personalizzazioni

Tra le caratteristiche della nuova Lotus Emira figurano la lunghezza di 441 cm, la larghezza di 190 cm, l’altezza di 123 cm e il passo di 258 cm, la massa di 1.405 kg e il volume complessivo di 359 litri per i bagagli. Per la carrozzeria saranno previste le colorazioni Seneca Blue, Hethel Yellow, Shadow Grey, Magma Red, Nimbus Grey e Dark Verdant, mentre l’abitacolo sarà caratterizzato dagli interni in pelle Nappa di colore nero, rosso, grigio e marrone chiaro, oppure dagli interni in Alcantara di colore nero con le cuciture a contrasto di colore grigio, rosso e giallo. Infine, sarà dotata dei cerchi in lega da 20 pollici di diametro con gli pneumatici Goodyear Eagle F1 Supersport.

Ultime notizie su Lotus

Lotus viene fondata nel 1952 e deve i propri natali ad una fra le personalità più geniali dell’intero panorama automobilistico, famosa per le sue idee rivoluzionarie. A Colin Chap [...]

Tutto su Lotus →