Lamborghini Huracàn Tecnica: caratteristiche e prestazioni

Il nuovo “anello di congiunzione” fra le versioni Evo e la “estrema” STO (da cui eredita meccatronica e telaio) si adatta alla guida in pista ed ai tragitti sulle strade ordinarie.

La lineup delle ultracoupé “di punta” per Sant’Agata Bolognese, che già annovera Evo RWD (trazione posteriore), Evo AWD (trazione integrale) ed STO (Super Trofeo Omologata), si arricchisce di una quarta proposta, chiamata ad inserirsi su un livello intermedio, e più “vicino” ad STO: si tratta di Lamborghini Huracàn Tecnica, inedita configurazione a due ruote motrici che porta in dote l’architettura di motorizzazione “Super Trofeo Omologata” in abbinamento ad una più ampia possibilità di impiego.

Vale a dire: “estrema” in pista – come si conviene ad un modello che nei propri geni mantiene un’allure manifestamente “corsaiola” – quanto sfruttabile nelle situazioni di guida più tranquille senza richiedere un eccessivo sforzo alla raffinatissima meccatronica.

“Sorella” di STO

In effetti, l’unità motrice adottata da Lamborghini Huracàn Tecnica è, come si accennava in apertura, la medesima di Huracàn Super Trofeo Omologata: il V10 da 5,2 litri aspirato eroga una potenza massima di 640 CV a 8.000 giri/min ed una coppia massima di 565 Nm a 6.500 giri/min, gestiti da una trasmissione automatica LDF sette rapporti con comando a doppia frizione, e trazione posteriore. In termini di paragone, si parla di 30 CV in più rispetto ad Huracàn Evo. Uno step tecnologico che, su strada, si traduce – secondo i dati dichiarati da Lamborghini – in 325 km/h di velocità di punta, in 3”2 per lo scatto da 0 a 100 km/h ed in 9”1 per l’accelerazione da 0 a 200 km/h. Analogamente ad Huracàn STO, l’engineering meccatronico ha riguardato un preciso studio sull’impianto di scarico, ridisegnato in ordine all’ottenimento di un “sound” progressivamente più “pieno” agli alti.

Telaio e aerodinamica: le novità

Fra le peculiarità dinamiche di Lamborghini Huracàn Tecnica, allestita su una monoscocca in alluminio e fibra di carbonio (il peso a secco è 1.379 kg, per un rapporto peso/potenza di appena 2,15 kg/CV), la presenza del retrotreno direzionale – utile ad assecondare la notevolissima “cavalleria” del V10 aspirato – che si integra in un raffinato modulo di controllo elettronico ed in tre programmi di guida: Strada, Sport, Corsa. Anche l’aerodinamica è stata “riveduta e corretta” rispetto ad Huracàn Evo: l’alettone posteriore fisso ed un 35% in più di deportanza si affiancano ad un -20% di resistenza all’avanzamento.

Abitacolo ed equipaggiamenti

All’interno, la musica non cambia. Ovvero: l’ambiente-abitacolo di Lamborghini Huracàn Tecnica strizza l’occhio ai super-appassionati della guida (e non potrebbe essere altrimenti, considerata la “base di partenza”). Ecco, quindi, i sedili anatomici regolabili in altezza, le cinture di sicurezza a quattro punti (indispensabili nei “track-day”) ed il “pacchetto” infotainment che aggiunge la telemetria e l’”archivio” dei tempi sul giro e delle destinazioni di tragitto al modulo multimediale HMI.

Te la “vesti” come vuoi

Fedelmente alla filosofia Lamborghini, anche la novità Huracàn Tecnica si rivolge ad una platea quanto più vasta di enthusiast. Finizioni cromatiche e dotazioni, di serie e a richiesta, sono state scelte per accontentare chi preferisce uno stile lussuoso, e chi punta la propria attenzione ad un’immagine sportiva “tout court”. Le tinte carrozzeria standard sono otto, e l’esclusivo programma “Ad Personam” di Lamborghini rende disponibili più di 200 opzioni di verniciatura aggiuntive, nonché nuove finiture interne in Alcantara create specificamente per Huracàn Tecnica e ulteriori opzioni dedicate, come motivi e colori per le cuciture, o ancora la possibilità di far ricamare, in vari colori, il motivo “Tecnica” sulla seduta. In aggiunta alle opzioni esclusive pensate per questo modello, il programma Ad Personam di Lamborghini offre ai clienti la possibilità di personalizzare la loro Huracán Tecnica con una gamma di colori e finiture pressoché illimitata.

La scheda tecnica

Telaio e carrozzeria

  • Telaio: ibrido in alluminio e fibra di carbonio;
  • Scocca: alluminio e materiale composito;
  • Sospensioni: indipendenti, a doppi triangoli;
  • Molle e ammortizzatori: molle in acciaio, ammortizzatori idraulici a controllo elettromagnetico “MagnaRide”;
  • Controllo elettronico stabilità ESC: regolabile attraverso il dispositivo “ANIMA”;
  • Sterzo: servocomando elettromeccanico;
  • Freni: dischi carboceramici autoventilanti e forati “a croce” da 380 mm x 38 mm all’anteriore e 356 mm x 32 mm al posteriore, con pinze fisse monoblocco in alluminio a 6 pistoncini all’anteriore e 4 pistoncini al posteriore;
  • Cerchi: da 8.5×20” all’anteriore, da 11×20” al posteriore;
  • Pneumatici: Bridgestone Potenza da 245/30 R 20 all’anteriore e 305/30 R 20 al posteriore.

Dimensioni e pesi

  • Lunghezza: 4,57 m;
  • Larghezza: 1,93 m (2,24 m con gli specchi retrovisori esterni);
  • Altezza: 1,16 m;
  • Passo: 2.620 mm;
  • Carreggiata anteriore: 1.668 mm;
  • Carreggiata posteriore: 1.624 mm;
  • Raggio di sterzata: 11,5 m;
  • Peso a secco: 1.379 kg;
  • Rapporto peso/potenza: 2,15 kg/CV;
  • Distribuzione dei pesi: 41% sull’anteriore, 59% sul posteriore;
  • Capacità serbatoio carburante: 80 litri;
  • Capienza del vano bagagli: 100 litri.

Motore

  • Architettura: 10 cilindri a V di 90°;
  • Alesaggio x corsa: 84,5 mm x 92,8 mm;
  • Cilindrata complessiva: 5.204 cc;
  • Rapporto di compressione: 12,7:1;
  • Distribuzione: 4 valvole per cilindro con regolazione variabile continua;
  • Lubrificazione: a carter secco;
  • Centralina di gestione motore: Bosch MED17 “Master Slave”;
  • Impianto di raffreddamento: raffreddamento acqua e olio a flusso incrociato;
  • Trattamento dei gas di scarico: due catalizzatori con sonda Lambda;
  • Classe di inquinamento: Euro 6;
  • Potenza massima: 640 CV a 8.000 giri/min;
  • Coppia massima: 565 Nm a 6.500 giri/min.

Trasmissione

  • Cambio: LDF sette rapporti doppia frizione, caratteristiche di cambiata variabili attraverso il sistema “ANIMA”;
  • Frizione: doppio disco da 187 mm di diametro;
  • Trazione: posteriore.

Valori prestazionali dichiarati

  • Velocità massima: 325 km/h;
  • Tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h: 3”2;
  • Tempo di accelerazione da 0 a 200 km/h: 9”1;
  • Spazio di frenata da 100 km/h a 0: 31,5 m.

Ultime notizie su Coupè

Il termine francese ‘coupé’ viene utilizzato per descrivere una vettura d’impostazione sportiva, a due porte, meno funzionale rispetto alla berlina da cui solitamente trae origine. Una coupé – dal verbo couper, ovvero [...]

Tutto su Coupè →