Ford GT Alan Mann Heritage Edition: tributo alle corse

La nuova Ford GT Alan Mann Heritage Edition onora con stile la tradizione sportiva della casa automobilistica a stelle e strisce.

La Ford GT Alan Mann Heritage Edition è un tributo alla storia del marchio. Il modello, in serie limitata, rende omaggio ai due prototipi sperimentali leggeri Ford GT del 1966, portati in pista dal team britannico Alan Mann Racing. Un modo per celebrare il ruolo svolto da quegli esemplari nello sviluppo del modello.

Il loro spirito rivive nella nuova supercar dell’Ovale Blu, con la sua carrozzeria leggera in fibra di carbonio vestita coi colori della storica squadra corsa inglese. La livrea si offre allo sguardo con la caratteristica miscela di rosso e oro del team d’oltremanica, unita a tocchi contemporanei di materiali compositi a vista, con accenti Frozen White. Gli interni riprendono queste alchimie cromatiche. Il numero 16, piazzato su più punti, sottolinea ulteriormente la connessione storica.

La Ford GT Alan Mann Heritage Edition sarà esposta al Chicago Auto Show 2022 (12-21 febbraio), insieme al prototipo originale AM GT-1 del 1966. Il motore non cambia e resta il V6 biturbo da 3.5 litri della GT “standard”, coi suoi 660 cavalli di potenza massima. Con questo allestimento prosegue la scia dei modelli celebrativi in edizione limitata che la casa dell’ovale blu dedica alle sue vicende storiche.

La nuova serie speciale interpreta in chiave moderna lo spirito dell’antesignana. Si tratta della settima figlia della Heritage Edition. I precedenti modelli della famiglia includono la Ford GT ’66 del 2017, la GT ’67 del 2018, la GT ’68 Gulf Livery del 2019, la GT ’69 Gulf Livery del 2020, la GT ’66 Daytona del 2021. Non è ancora noto il numero di esemplari in cui prenderà forma la nuova Ford GT Alan Mann Heritage Edition, ma presto il dato dovrebbe essere offerto alla conoscenza. Le prime consegne sono previste per il primo trimestre di quest’anno.

Ultime notizie su Super Car

Ultime notizie sulle supercar più belle: foto e video, commenti.

Tutto su Super Car →