Dacia Spring: la prova su strada dell’elettrica per tutti

La Dacia sdogana le auto elettriche con la Spring, che grazie agli incentivi ed al prezzo contenuto diventa accessibile a tutti

Si chiama Dacia Spring, è elettrica, ed ha il prezzo di una citycar. Il modello ad impatto zero più richiesto del momento è l’ideale per la città e con il suo aspetto da mini crossover fa subito simpatia. L’abbiamo provato per le strade della Capitale dove ha mostrato tutto il suo potenziale.

Esterni: si veste da crossover per seguire il trend del momento

Se le prime auto ibride avevano un’immagine sacrificata alla funzione, le elettriche attuali seguono la strada opposta, e infatti l’estetica riprende le mode del momento. La Spring è l’esempio calzante di questo trend, come dimostrano l’altezza da terra di oltre 15 cm, e le protezioni in plastica dedicate alla parte bassa della carrozzeria ed ai passaruota.

Le proporzioni ci indicano che è più corta di un’utilitaria, grazie alla lunghezza di 3,73 metri, ma la personalità non le manca, e viene enfatizzata dalla calandra cromata e dai gruppi ottici sdoppiati. L’esemplare del test inoltre presenta degli elementi colorati che arricchiscono ulteriormente il corpo vettura e dei cerchi in lega da 14 pollici che le regalano persino un pizzico di grinta.

Interni: c’è tutto quello che serve ma le plastiche sono dure

Sprazzi di colore si ritrovano all’interno nella parte centrale della plancia e nelle cuciture dei sedili e, in parte, aiutano a rendere più apprezzabili le plastiche rigide poco piacevoli al tatto. Più appagante la strumentazione digitale, anche se bisogna letteralmente spingere con un dito il comando situato all’interno della stessa per visionare le varie informazioni del computer di bordo.

Ritornano i pulsanti degli alzavetri al centro della plancia, come sui modelli del recente passato del brand, ma al posto di un elemento che simula la leva del cambio c’è un rotore più idoneo ad un’auto elettrica. Il sistema d’infotainment presenta un display touchscreen da 7 pollici compatibile con Android Auto e Apple CarPlay, che sfrutta la sinergia con gli smartphone per richiamare i comandi vocali dell’assistente Google o di Siri, e consente di gestire alcuni comandi da remoto tramite l’app MyDacia. Per quanto riguarda lo spazio a bordo, 4 persone viaggiano abbastanza comodamente, mentre il bagagliaio sufficiente ampio, da 290 litri, non presenta il divano frazionato.

Al volante: ideale per la guida cittadina, meno a suo agio fuori le mura

La Spring non nasce per essere un’elettrica che ti attacca al sedile, come dimostrano i 19,1 secondi necessari per scattare da 0 a 100 km/h, e i 45 CV della sua unità elettrica. Ma in città quello che serve è l’agilità, e con la sua larghezza contenuta questa Dacia, forte anche di uno sterzo molto leggero, sguscia nel traffico come un salmone che risale la corrente. Inoltre, l’assetto è piuttosto morbido, per cui le buche di Roma non rappresentano mai un grande problema.

Di contro, quando si esce fuori dalle mura, per affrontare un percorso extra urbano, il rollio si fa sentire e il sottosterzo invita ad una guida meno disinvolta. Poco male, la batteria da 27,4 kWh assicura un’autonomia di circa 230 km, per cui è meglio non spingere troppo sull’acceleratore per non vedersi ridurre i km a disposizione; in ogni caso, per poter fare più strada con un pieno d’energia si può sempre propendere per la modalità Eco che però comporta una riduzione della potenza ad appena 31 CV.

Una volta a casa si può mettere in carica per recuperare il 100% dell’energia in 14 ore, mentre quando si ha fretta, con l’ausilio delle colonnine rapide a corrente continua, ed il cavo dedicato disponibile tra gli optional, in meno di 1 ora è possibile ricaricare il pacco batteria all’80%.

Prezzo: 9.660 euro con gli incentivi

Il prezzo della Dacia Spring parte da 19.900 euro ma con gli incentivi è stato un vero boom di vendita considerato che poteva essere acquistata con meno di 10.000 euro, 9.660 euro con un’auto da rottamare. Per cui, chi vive in città e utilizza l’auto prettamente su percorsi urbani difficilmente gli rimane indifferente.

Infatti, oltre al prezzo contenuto, non bisogna dimenticare i vantaggi che attualmente offrono le elettriche, visto che non pagano il parcheggio sulle strisce blu e transitano liberamente nella ZTL. Inoltre, la Spring offre 4 posti, un bagagliaio di buone dimensioni, e non ha concorrenti “naturali”. Quindi, bisogna riconoscere che la Dacia ha avuto l’ennesima intuizione vincente con questo modello.

Ultime notizie su Test Drive

Tutto su Test Drive →