BMW M2 Coupé 2023: ecco la seconda generazione

Con il salto generazionale cambia tutto, a partire dal telaio che questa volta è derivato dalle sorelle maggiori M3 e M4.

Finalmente! La Casa di Monaco ha svelato la seconda generazione della sua più piccola coupé sportiva, un’auto compatta chiamata ad essere una delle uniche auto pure e autentiche sopravvissute all’era dell’elettrificazione. Alcuni dati per stuzzicare l’appetito: la nuova BMW M2 Coupé 2023 monta un motore 6 cilindri in linea con 460 CV, scatta da 0 a 100 km/h in 4,1 secondi e mantiene il cambio manuale a sei marce. Ma c’è molto di più…

Un’eredità pesante…

La BMW M2 Coupé è stata per molti anni una delle preferite dagli appassionati di guida. Questa vettura è chiamata ad essere la moderna reincarnazione della vecchia BMW 2002 turbo che ha dato tanta gioia al marchio negli anni ’70, alla successiva BMW Serie 1 M Coupé e, perché non dirlo, alla precedente BMW M2 Coupé che tante passioni hanno scatenato.

M2 Coupé, M2 Coupé M Performance, M2 Competition, M2 Competition M Performance, M2 CS… era difficile annoiarsi alla guida di quello che è stato senza dubbio uno dei più grandi successi della BMW M GmbH nell’intera storia della divisione sportiva di BMW. 

Ora, con l’arrivo di questa nuova generazione, sorge la domanda se a Monaco siano riusciti a mantenere l’essenza di questo modello, soprattutto considerando che il nuovo utilizza la base della BMW M3/M4 ed è quindi un modello più grande della versione uscente. E, naturalmente, più grande significa anche più pesante e generalmente più goffa…

Per verificare se al volante è ancora percepita come una BMW M2, dovremo attendere fino ad aprile 2023, quando inizieranno a essere consegnate le prime unità.

Il telaio delle BMW M3 e M4

Come abbiamo detto prima, il nuovo modello utilizza il telaio adattato dalle BMW M3 e M4, quindi la lunghezza, la larghezza e la carreggiata sono aumentate notevolmente rispetto al modello precedente.

Si tratta di un cambio che accade nella maggior parte dei modelli. Una BMW X3 di oggi, ad esempio, è grande quanto la BMW X5 della generazione precedente, mentre la BMW X1 che sta già arrivando nelle concessionarie è grande quanto la BMW X3 della generazione precedente.

Questa tendenza a fare auto più grandi per vendere “più auto” ha una componente di rischio quando si parla di auto sportive compatte come questa, poiché può perdere alcune delle sue caratteristiche determinanti. Fortunatamente però ciò non sembra accadere per la nuova BMW M2, che mantiene il suo aspetto atletico con proporzioni da coupé muscolosa. Aiuta anche il fatto che l’altezza è l’unica dimensione che è stata ridotta rispetto al passato.

Così la nuova M2 è 214 millimetri più corta della BMW M4 Coupé e ha un passo più corto di 110 millimetri. Basterà per renderla più veloce, agile e dinamica delle sue sorelle maggiori? Vedremo. Quel che è certo è che il suo design esterno susciterà dibattito. È qualcosa di inevitabile ogni volta che BMW lancia sul mercato un nuovo modello, anche in questo caso in cui non hanno rischiato tanto quanto con la M3 e la M4 con i loro caratteristici reni anteriori verticali che fungono da griglia anteriore.

BMW M2 Coupé 2023: il nuovo design

La differenziazione di questo modello con la Serie 2 Coupé da cui deriva è evidente. Il frontale è caratterizzato da una calandra con reni BMW frameless a barre orizzontali, che hanno dimensioni contenute se le confrontiamo con i modelli sopra citati. Degna di nota è anche la presa d’aria inferiore con il tipico design BMW M, divisa in tre sezioni con contorni quasi rettangolari. Se guardiamo ai lati, le forme sono abbastanza pulite e i passaruota hanno protuberanze prominenti per dargli quell’aspetto muscoloso e potente sull’asfalto. Il posteriore, come vuole la tradizione dell’attuale BMW M, è molto potente grazie allo straordinario spoiler integrato nelle forme del cofano del bagagliaio e alla combinazione di questo con i gruppi ottici disposti verticalmente. Il diffusore, dal canto suo, è integrato nel paraurti posteriore, mantenendone il design purista e accogliendo con naturalezza i due doppi scarichi che si trovano in posizione abbastanza centrale.

Come optional il cliente può dotare l’auto di un tetto in fibra di carbonio, cosa che nella precedente BMW M2 era disponibile solo nel caso della versione CS. Scegliendolo si risparmiano sei chili rispetto al modello con tetto convenzionale. Le ruote M sono da 19 pollici all’anteriore e 20 pollici al posteriore, un pollice più larghe di quelle montate di serie sulla BMW M3 e BMW M4. In opzione ci sono anche pneumatici da circuito. La varietà cromatica è composta da due vernici solide e tre metallizzate, tra cui i colori Zandvoort Blue e Toronto Red esclusivi della nuova BMW M2.

BMW M2 Coupé 2023: gli interni

All’interno la digitalizzazione incontra la sportività. In BMW sono riusciti a mescolare con apparente buon senso elementi che non sempre vanno bene, come gli schermi con i sedili avvolgenti M in fibra di carbonio.

La plancia mette in mostra lo schermo informativo da 12,3 pollici dietro al volante, con nuove grafiche specifiche tra cui le luci che indicano il momento ottimale per cambiare marcia quando si avvicina il cut-off dell’accensione.

Lo schermo informativo centrale è da 14,9 pollici e ha una forma curva che si unisce allo schermo dietro al volante. Tutti i display sono gestiti dal BMW iDrive basato sul sistema operativo BMW ID8. Il sistema dispone inoltre di comandi touch e vocali, sistemi sempre più sofisticati come abbiamo visto sulle sue sorelle maggiori di ultima generazione, come la BMW i4 e iX.

Di serie sono il climatizzatore automatico a tre zone, il BMW Live Cockpit Plus con il sistema di navigazione BMW Maps, tra le altre cose, mentre nella lista degli optional c’è il tetto apribile in vetro e il sistema audio surround Harman Kardon. In ogni vettura sportiva che si rispetti, i sedili sono un elemento fondamentale. Nella prima BMW M2 è stato criticato il fatto che i sedili fossero gli stessi della Serie 2 Coupé, ma in questo nuovo design arrivano i sedili sportivi con superfici in Sensatec/Alcantara. Chi cerca qualcosa in più ha due opzioni: o gli esclusivi sedili M Sport con poggiatesta integrati e superfici traforate in pelle Vernasca/Sensatec, oppure i sedili avvolgenti in fibra di carbonio M progettati principalmente per l’uso in pista, con cui il peso del set è ridotto di 10,8 chili.

Il motore della nuova BMW M2 Coupé 2023 

Per quanto riguarda la meccanica, ci sono buone notizie. Non c’è traccia di ibridazione e batterie pesanti da queste parti, per mantenerla un’auto pura e autentica. Sotto il cofano c’è il noto motore a sei cilindri in linea da 3,0 litri con tecnologia M TwinPower Turbo che ora eroga 90 CV in più rispetto a prima, 460 CV in totale. La coppia massima è di 550 Nm, viene erogata tra 2.650 e 5.870 giri/min e la potenza massima si raggiunge a 6.250 giri/min e arriva a un massimo di 7.200 giri/min. Secondo BMW risponde alle classiche caratteristiche M, con risposta istantanea e erogazione di potenza lineare a tutti i regimi.

I sistemi di alimentazione e raffreddamento dell’olio sono stati progettati per resistere a forze longitudinali e laterali estremamente elevate in circuito. I comunicati parlano anche di un sound emozionante grazie al sistema di scarico specifico M con valvole a controllo elettronico. L’auto di serie è equipaggiata con il cambio M Steptronic a otto rapporti con Drivelogic, che include tre modalità di cambiata, una leva M di nuova concezione e leve del cambio al volante. I puristi possono invece ordinare il cambio manuale a sei marce con cambio assistito, disattivabile. Di serie è anche il differenziale attivo M sull’asse posteriore.

Anche le sospensioni adattive M con ammortizzatori a controllo elettronico e lo sterzo M Servotronic a rapporto variabile sono di serie. Logicamente con l’aumento delle prestazioni e della potenza, i freni devono essere all’altezza del compito. Troviamo i freni M Compound con pinze a sei pistoncini all’anteriore e freni a pistoncino singolo e pinza flottante al posteriore.

Il sistema consente di alternare tra due impostazioni per la sensazione e la risposta del pedale. Da parte sua, il Dynamic Stability Control DSC include la modalità M Dynamic e il sistema integrato di limitazione dello slittamento delle ruote. Il sistema M Drive Professional include di serie il controllo di trazione M che consente di regolare l’intervento del sistema di limitazione dello slittamento delle ruote fino a dieci livelli. Anche l’M Drift Analyzer e l’M Laptimer fanno parte della dotazione standard.

Ultime notizie su Novità

Tutto su Novità →