Automotoretrò Automotoracing 2019: grande successo

Oltre settantamila spettatori allo spettacolo delle auto e moto storiche e d’epoca a Torino. Oltre alle esposizioni di Automotoretrò, le gare di Automotoracing 2019. A Giandomenico Basso e Silvia Franchini il primo trofeo “La grande sfida”.

L’edizione 2019 di Automotoretrò e Automotoracing si è conclusa con successo. La manifestazione dedicata alle auto e moto storiche, allestita a Torino nei padiglioni di Lingotto Fiere e svoltasi dal 31 gennaio al 3 febbraio, ha richiamato ben 72.600 visitatori. Anche dal punto di vista commerciale gli oltre mille espositori possono ritenersi soddisfatti, date le centinaia di trattative private andate a buon fine. Sono naturalmente le marche italiane ad aver fatto la parte del leone: quindi Alfa Romeo, Lancia, Fiat, Ferrari, Abarth e Maserati. In particolare sono state scambiati esemplari di fascia media di prezzo, tra i 20 e 90mila euro. Le punte hanno superato i 150mila euro. Sono state esposte oltre tremila vetture.

 

Automotoracing 2019: Trofeo “La grande sfida”

Per la prima volta Automotoracing ha organizzato il trofeo “La grande sfida”. Otto tra i più titolati piloti del panorama italiano si sono sfidati a bordo di vetture attuali di classe R5. Inoltre otto donne tra le migliori del rally nazionale hanno animato un’altra gara, tutte a bordo di Peugeot 208 R2.

Questi erano i piloti partecipanti, i quali si sono misurati in prove a tempo e ad inseguimento su un tracciato di 1.000 metri ricavato intorno al Lingotto: Andrea Nucita, Alessandro Perico, Giando Basso, Davide Riccio, Alberto Mussa, Edoardo Cornaglia, Monica Caramellino, Laura Galliano, Sara Micheletti, Silvia Franchini, Giuliana Pozzi, Camilla Gallese e Marina Iacampo. Il trofeo è stato vinto da Giandomenico Basso, al volante di una Hyundai i20 R5, e da Silvia Franchini.

L’organizzatore di Automotoretrò e Automotoracing 2019, Beppe Gianoglio, ha commentato: “Siamo molto soddisfatti dell’edizione 2019 e anche se nelle giornate di venerdì e sabato il clima è stato avverso, la grande partecipazione testimonia il fermento e l’interesse in continua crescita verso il mondo dei motori.  La copiosa nevicata non ha fermato neanche lo show in pista, con le evoluzioni su auto da drifting e quad, né il trofeo «La grande sfida», accolto calorosamente dal folto pubblico. Da domani inizieremo a lavorare alla rassegna del 2020, che ci auguriamo possa essere ancora migliore“.

Ultime notizie su Auto storiche

Nel nostro paese viene considerata automobile storica (o d’epoca) una vettura che abbia superato il 20° anno di vita. Il proprietario deve tuttavia iscriverla in uno fra i club federati ASI (Automotoclub Storico Italiano) o [...]

Tutto su Auto storiche →