Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per il 2012 - Intervista a Maurizio Boiocchi e Paul Hembery

Nel corso della presentazione delle nuove gomme Pirelli per la stagione di Formula 1 2012, abbiamo avuto l’opportunità di fare quattro chiacchiere con il direttore Ricerca & Sviluppo dell’azienda italiana, Maurizio Boiocchi, e con il direttore di Pirelli Motorsport, Paul Hembery. Li abbiamo intervistati per voi.

La stagione 2011 ha segnato il ritorno di Pirelli nel Circus della Formula 1: qual è il bilancio di questo “nuovo” debutto?

Maurizio Boiocchi: "Erano diciannove anni che non avevamo modo di partecipare alla Formula 1. La chiusura del contratto di Bridgestone, che pensavamo rinnovasse nuovamente per un anno o due, possibilità in cui confidavano anche FIA e FOTA, ha messo Pirelli nelle condizioni di potersi fare avanti. Abbiamo fatto degli incontri, sia tecnici che di business, con degli aspetti commerciali ed alla fine siamo partiti a maggio del 2010. Facendo un consuntivo da questa data sino ad oggi, direi che siamo molto orgogliosi del risultato ottenuto. Gli strettissimi tempi che avevamo a disposizione sembravano non essere coerenti con quello che ci apprestavamo ad affrontare e sono stati l’angoscia di tutti questi mesi. Un ostacolo che siamo riusciti a superare grazie ad un team di persone giovani, motivate e molto appassionate di Formula 1; siamo riusciti a fare quello che sembrava impossibile. Dopo un inizio con qualche incertezza da parte di alcuni team per la durata degli pneumatici, le squadre hanno imparato a capire che le nostre gomme non erano quelle della Bridgestone e poi alla fine dell’anno ci han detto: “Adesso durano troppo”. La gente - scherza Boiocchi sorridendo - non è mai contenta! Comunque cercheremo anche quest’anno, specie dopo aver progettato delle mescole con scelte tecnicamente più “aggressive”, di far contenti tutti."

Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto


Paul Hembery: "Il Bilancio è molto positivo: non è un nostro giudizio, bensì quello dato da tutte le squadre che hanno preso parte al campionato, da Bernie Ecclestone e dal pubblico. Pirelli ha dato qualcosa in più alla Formula 1, un “po’ di anima” se vogliamo; qualcosa che non esisteva prima con gli altri gommisti. Ora, avendo in mano i dati e l’esperienza di diciannove gare, siamo ancora più sicuri per il 2012. Abbiamo imparato che la Formula 1, anche nell’ottica della monofornitura, è uno sport molto esigente e che richiede perfezione, sempre più di quanto si potrebbe immaginare. Questo è il dna della F1, il motorsport più competitivo che esista nel mondo. Per noi andare avanti in questa esperienza significa la volontà di replicare quello che abbiamo creato nel 2011. Non sarà facile perché mancherà quell’elemento di sorpresa che abbiamo avuto all’inizio della stagione 2011, quando il cambiamento è stato forte; ma a fine stagione tutte le squadre hanno imparato ad usare e gestire le gomme. Pirelli per il 2012 ha deciso di introdurre piccole modifiche, tre mescole nuove; perché l’anno scorso si è registrato una differenza troppo elevata nel picco di prestazioni tra le mescole usate in gara, fino ad 1.5 secondi. E questo ha creato una situazione in cui le strategie in gara sono diventate molto simili verso la fine della stagione: i vari team hanno sfruttato le mescole più morbide, prestazionalmente superiori, usando tutti e tre i treni disponibili all’inizio delle gare ed utilizzando quelle più dure solo per il fine gara. Nei casi peggiori anche all’ultimo giro. Questo perché la mescola dura aveva meno degrado, ma generava un divario prestazionale troppo grande rispetto alle gomme morbide. Ecco perché nel 2012 le gomme saranno molto più simili nel loro picco prestazionale, con differenze al giro sotto al secondo."

Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012

Quante persone lavorano al settore Pirelli dedicato alla Formula 1?

Maurizio Boiocchi: "Cinquanta persone svolgono l’attività più legata alla pista, coordinati da Paul Hembery; una trentina si occupano dello sviluppo dei calcoli in base alle informazioni provenienti dai diversi tracciati, mentre una decina sono responsabili del monitoraggio delle mescole. Poi ovviamente abbiamo la fabbrica, con circa 130/140 persone dedicate in gran parte alle gomme di F1. Uno schieramento che non è immenso, considerando che in ogni gara si portano dai 1000 ai 1100 pneumatici; se poi piove c’è anche da fare montaggio e smontaggio. Inoltre ogni team esige un servizio assolutamente eccellente."

Dottor Boiocchi, durante la presentazione delle nuove gomme, abbiamo notato la forte valorizzazione grafica del logo Pirelli, del nuovo brand “Cinturato” e delle diverse cromie sulle spalle degli pneumatici: possiamo dire che questa scelta, oltre a rendere più chiaro che tipo di coperture stanno adottando le monoposto nelle specifiche fasi di gara, rilancia ulteriormente l’immagine del brand Pirelli?

Maurizio Boiocchi: "Si; direi che la Formula 1 è entrata molto bene in una strategia di premium company, come ribadito anche dal dottor Tronchetti Provera, volta a vedere Pirelli che cresce. Abbiamo un piano triennale 2010/2013 col target di passare da 52 milioni di pneumatici prodotti annualmente a 78 milioni. In questa strategia rientrano nuove fabbriche, nuovi mercati; soprattutto dove ancora non siamo molto conosciuti come marchio, come in Cina, in Russia ed altre parti del mondo. Avere dalla nostra parte la visibilità che garantisce la Formula 1, rappresenta per noi una grande opportunità per riqualificare il nostro marchio ed imprimerlo nella memoria di tutte le persone che seguono la F1 come un brand competitivo e di alto livello tecnologico."

In questa ottica di valorizzazione del brand, c’è la possibilità che queste grafiche arrivino anche sugli pneumatici di serie, dedicati alle vetture stradali al altissime prestazioni, o a quelle per cui Pirelli realizza dei set specifici?

Maurizio Boiocchi: "Certamente si: Il P Zero Silver ad esempio, che abbiamo presentato in anteprima al GP di Monza e presenteremo in occasione degli imminenti test in programma ad Jerez, e che sarà in commercio a partire da Aprile/Maggio, si caratterizza proprio per questo rilancio grafico. La scritta silver è infatti realizzata in colore argento, un aspetto estetico caratterizzante per un pneumatico realizzato mediante un impianto robotizzato che è un parente strettissimo di quello che abbiamo usato per fabbricare gomme di Formula 1."

La stagione di F1 conclusa vi ha consentito di raccogliere nuovi dati, progettare una nuova famiglia di pneumatici ed evolvere una serie di tecnologie di alto livello: quanto di tutto questo arriva al prodotto di grande serie?

Maurizio Boiocchi: "Se abbiamo dei progettisti tanto bravi e dotati di un know-how aziendale così forte da renderli capaci di progettare pneumatici per la Formula 1, essi saranno sicuramente in grado di progettare prodotti stradali con caratteristiche tecnologiche non meno che eccellenti. Tuttavia il vero valore aggiunto della F1 risiede appunto nel know-how e nella velocità di ottimizzare le conoscenze e gli strumenti che abbiamo a disposizione, non soltanto per le competizioni ma anche per le gomme stradali. La divisione dedicata alla Formula 1 fa parte della nostra struttura di ricerca e sviluppo di cui è parte integrante: chi progetta per la F1 lavora fianco a fianco a chi si dedica allo sviluppo di pneumatici invernali, ai “Cinturato”, ai P Zero da gara ed a quelli stradali. Un gruppo unico appunto."

Paul Hembery: "Esiste sicuramente un trasferimento di tecnologie dal motorsport al mondo delle auto di serie; ma succede anche il contrario. Questo sia a livello di simulazioni, ricerca, sia a livello di mezzi di produzione. Ci sono anche processi produttivi che abbiamo sviluppato per la Formula 1, derivati da processi produttivi per il nostro alto di gamma. Ovviamente una mescola di F1 non sarà mai utilizzata nella stessa ottica di un prodotto stradale; tuttavia ci sono concetti a livello chimico che sono strettamente collegati alla produzione per veicoli stradali. Essi garantiscono certamente un legame molto importante fra il motorport in generale ed il prodotto stradale."

Il regime di “monogomma”, che vede Pirelli come fornitore unico, non rischia di diventare pericoloso per quanto riguarda lo sviluppo tecnico? Quali sono gli stimoli che portano Pirelli a fare ricerca in assenza di “avversari diretti” come Michelin o Bridgestone.

Maurizio Boiocchi: "Il tema della fornitura unica risiede nei grandi costi e nel fatto che i team, tendenzialmente, preferiscono avere “l’effetto pneumatico” neutrale sulla competizione e sul suo sviluppo. Altrimenti, scegliendo il gommista sbagliato, potrebbero ritrovarsi con la migliore monoposto tuttavia incapace di vincere. Dal nosro punto di vista lo stimolo a far sempre meglio è costante: il contratto per la fornitura di pneumatici da F1 dura appena 3 anni, un tempo irrisorio dal punto di vista degli investimenti progettuali e di quelli sulla conoscenza del mondo della F1; di conseguenza lavoriamo contro noi stessi per diventare sempre più bravi e non dare modo ai team ed agli organizzatori di aver bisogno di un fornitore migliore di Pirelli."

Paul Hembery: "Ovviamente nel regime di monogomma, la ricerca diventa più lenta nel senso che non possiamo innovare con lo stesso passo che si potrebbe avere in un’ottica di competizione fra gommisti. Questo è vero. Ma non vuol dire che non ci sia innovazione, perché la Formula 1 richiede tantissimo alle gomme e sono pochi i gommisti che possono produrle per questo tipo di competizione. Non a caso i complimenti più importanti che abbiamo ricevuto lo scorso anno, sono venuti da altri costruttori di pneumatici che hanno partecipato alla Formula 1 in passato, che hanno ben presente cosa significhi fare gomme per la Formula 1. Quindi, se da un lato è vero che il passo con cui si muovono ricerca e sviluppo è leggermente più lento, d’altra parte il ritorno a livello di immagine, di interesse del pubblico nelle F1 per quanto riguarda le gomme è stato molto superiore al passato. Fra i costruttori di gomme esistono 2 teoremi: in un’ottica di competizione fra gommisti, quando una squadra vince non è mai per merito delle gomme; quando perde è invece sempre colpa del pneumatico. Se invece si è in un’ottica di monofornitura, allora il pubblico parla di gomme solo quando ci sono problemi, come successo ad Indianapolis. Quindi la situazione per i gommisti è molto difficile nel motorsport, tanto che viene quasi da chiedersi perché le aziende decidano di cimentarsi in queste attività. Tanto più dal momento che è difficile creare interesse. Noi invece siamo riusciti a creare quasi una competizione con noi stessi: abbiamo generato una situazione in cui le squadre hanno in mano un prodotto che insieme ai piloti devono gestire al meglio, facendo la differenza. E questo è senz’altro il segreto del nostro successo nel 2011."

Qual è la differenza principale tra l’impegno che Pirelli sta impiegando nella Formula 1 rispetto alle altre competizioni del Motorsport in cui l’azienda è impegnata?

Maurizio Boiocchi: "La differenza in questo tipo di impegno sta negli interlocutori: in F1 si dialoga con quelli che ritengo essere i migliori tecnici al mondo, dotati di competenze e talvolta mezzi straordinari. Quando si affronta il WRC o il Grand-Am in Nord America si ragione e si parla con dei livelli decisamente più bassi, sia di potenzialità in termini di know-how, di strumenti, risorse da parte dei team, che di sofisticatezza del veicolo. Una vettura da Rally è relativamente semplice rispetto ad una F1, così come le risorse di una squadra di Formula 1 sono, in termini di investimenti, estremamente più consistenti. In questo senso, la Formula 1 non ha quasi un limite: diventa così importante avere la soluzione migliore, quella più competitiva che tutto il resto va in secondo piano. Tutte le altre competizioni invece si trovano prima o poi a fare i conti con le risorse a disposizione, con i mezzi e con l’abilità delle persone impiegate."

Da un punto di vista tecnico, ma anche industriale, qual è il target di Pirelli per la stagione di Formula 1 del 2012?

Maurizio Boiocchi: "Tenere sempre alta l’attenzione sulla qualità del prodotto, portare in pista pneumatici senza difetti, senza problemi; ed al tempo stesso consentire, attraverso strategie il più articolate possibile, la fornitura del set di “Prime” ed “Option” migliore per ogni vettura in gara; questo in maniera che i piloti possano giocarsi ogni GP in maniera più paritetica rispetto a quanto non è successo nel 2011, dove abbiamo visto una RedBull inarrivabile: questo perché, o la macchina era davvero straordinaria, o ha saputo interpretare meglio regolamenti e scelta dei pneumatici. La speranza è quindi quella di poter consentire a certi team di fare più una strategia sulle gomme Prime e ad altri una basata più sulle Option, dando quindi la possibilità di essere più competitivi a tutti."

Paul Hemebery: "Nel 2012 il nostro target è contribuire a creare interesse nella Formula 1 come avvenuto nel 2011. Quello di Pirelli è un ruolo piccolo ma importante, nel senso che le gomme rimangono un elemento fondamentale nelle strategie dei GP. Questo è il principale obiettivo."

Se è vero che la sinergia fra Pirelli ed i vari team si è rivelata cruciale per lo sviluppo delle gomme, con quale dei team riuscite a relazionarvi meglio?

Maurizio Boiocchi: "Siamo abbastanza affiatati con tutti: abbiamo cercato di essere molto equilibrati, cercando di non prendere le parti di nessuno in particolare. Questo è stato proprio uno dei primi obiettivi perseguiti nell’ottica di evitare eventuali ed infondate accuse di favoritismi. Tutti i team si sono rivelati estremamente collaborativi. Con le squadre più piccole il tema rimane maggiormente collegato alla disponibilità di risorse: sono veramente più in difficoltà rispetto alle Scuderie di punta, dotate quasi all’eccesso in questo senso."

Un’ultima domanda per Paul, grande appassionato del pallone ovale: che ne pensi della Nazionale Italiana di Rugby?

Paul Hemebry: "Visto il numero veramente esiguo di giocatori di cui disponete in tutta Italia rispetto ad altri Paesi in cui si gioca questo sport, a livello rugbystico state facendo decisamente un miracolo."

Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dabhi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto
Pirelli: ad Abu Dhabi la presentazione degli pneumatici di F1 per la stagione 2012 - Nuove foto

Intervista curata da: Omar Abu Eideh e Rosario Scelsi

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: