Ferrari: ad agosto andrà all'asta una 250 Mille Miglia del 1953

La casa d'aste Bonhams batterà il 14 agosto una straordinaria Ferrari 250 Mille Miglia del 1953, guidata anche da Phill Hill. Potrebbe raggiungere i 9 milioni di euro.

1953_ferrari_250_mille_miglia

Il 14 agosto è una data che gli appassionati del marchio Ferrari dovranno necessariamente appuntarsi sul calendario. Fra circa 3 settimane verrà inaugurata l’asta Quail Lodge a Carmel (California), evento gestito dalla casa Bonhams e durante il quale verranno messi all’incanto dieci straordinari modelli con il Cavallino sul cofano. Fra queste c’è anche una 250 Mille Miglia del 1953, vettura allestita per partecipare a gare di durata e posseduta inizialmente dal pilota e collezionista statunitense Bill Devin.

Leggi anche: ad inizio agosto finirà all'incato la F40 di Rod Stewart

L’esordio in gara risale al settembre del 1963, quando giunse terza al III Annual Members' Madera organizzato dallo Sports Car Club of America San Francisco. Devin la prestò qualche ora dopo a Phill Hill, che si aggiudicò l’evento principale. La livrea odierna risale invece all’ottobre dello stesso anno, quando la 250 MM partecipò alla gara Stead Air Force Base. Devin vendette la sportiva nel giugno 1954; da questo momento l’auto inizia un lungo peregrinare, che la porta fino al garage del conte Vittorio Zanon di Valgiurata (è il 1986).

Leggi anche: l'ultima Ferrari andata all'asta? Ha raggiunto i 13 milioni di euro

Il nobile la guidò alla Mille Miglia del 1987 e se ne privò qualche mese dopo, affidandola agli olandesi della Rudi Pas/Classic Car Associates. Da qui arriva poi in Giappone, acquistata da Mr. Shimada, che la guida solo qualche mese e poi la riconsegna alla Rudi Pas. La Ferrari 250 Mille Miglia trova la sua collocazione definitiva pochi mesi dopo, quand’è acquistata dal museo Maranello Rosso. L’auto monta un V12 da 3 litri e 240 CV, che garantisce – secondo le rilevazioni di Car & Driver – uno 0-100 km/h in 5.1 secondi ed uno 0-160 km/h in 13.7 secondi. Potrebbe raggiungere i 9 milioni di euro.

  • shares
  • Mail