Xpeng G3: il crossover cinese pronto al debutto in Europa

A due anni dalla presentazione (CES 2018), il primo modello a ruote alte e zero emissioni prodotto da Xiaopeng Motors si prepara a sbarcare nel “Vecchio Continente”. Prima tappa, la Norvegia.

Poco conosciuto in Europa (a differenza, ad esempio, degli USA dove possiede una filiale tecnica a Mountain View, nel cuore della Silicon Valley, ed è quotato a Wall Street), il giovane marchio cinese Xiaopeng Motors – fondato nel 2014 dagli ex manager di GAC Group Henry Xia ed He Tao – annuncia il prossimo esordio in Europa di Xpeng G3. Si tratta, più nello specifico, del compact-crossover elettrico svelato in occasione del CES-Consumer Electronics Show di Las Vegas 2018.

Strategia di graduale introduzione

Palcoscenico di esordio di Xpeng G3 nel “Vecchio Continente” sarà la Norvegia. Una scelta che, viene da ipotizzare, non nasce a caso: il Paese scandinavo è da molto tempo nelle prime posizioni quanto a diffusione dell’auto elettrica. Per diversi anni ai vertici europei quanto a nuove immatricolazioni di autoveicoli “zero emission”, la Norvegia è stata soltanto di recente “scalzata” (seppure di stretta misura) dalla Germania: cifre alla mano, nel 2019 le nuove auto elettriche immesse in circolazione sono state, rispettivamente, 90.000 e 103.000.

Sondare il terreno

Un primo lotto di 100 esemplari di Xpeng G3 sono sbarcate sul territorio norvegese: l’obiettivo è registrare il gradimento del pubblico. Se tutto andrà come previsto, la strategia di espansione Xpeng procederà, nel 2021, con l’introduzione del nuovo “elettro-Sport Utility” hi-tech in alcuni dei principali mercati europei.

Si punta su prezzo, performance e dotazioni

Sotto i riflettori dei vertici di Xiaopeng Motors – fra gli investitori ci sono alcuni colossi dell’e-commerce e della finanza, come Alibaba (il cui ex dirigente He Xiaopeng è, dall’agosto 2017, presidente del giovane brand cinese), Sequoia Capital China, la Qatar Investment Authority e Mudabala, fondo sovrano di Abu Dhabi – ci sono dotazioni tecnologiche di nuova generazione, una buona autonomia di marcia ed un prezzo che potrebbe rivelarsi concorrenziale, in rapporto alla fascia di mercato cui appartiene il compact-crossover G3, in produzione da novembre 2018.

  • Potenza massima: 198 CV
  • Velocità massima: 170 km/h
  • Tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h: 9”8
  • Percorrenza massima dichiarata: 450 km
  • Capacità di accumulo: 66 kWh
  • Tempo di ricarica dal 30% all’80%: circa mezz’ora.

Il prezzo di vendita dovrebbe aggirarsi nell’ordine di 34-35.000 euro.

“Base di partenza” di Xpeng G3 è la piattaforma “skateboard” SEPA-Smart Electric Platform Architecture, condivisa con la berlina di fascia medium e di impostazione sportiva Xpeng P7, presentata verso la metà del 2020 negli USA in concomitanza con il suo esordio alla Borsa di New York.

Guida semiautonoma di Livello 2.5

L’equipaggiamento fa leva su un sistema di infotainment intelligente proprietario, denominato Xmart OS, comprendente un sistema operativo ed impianto di navigazione con aggiornamenti over-the-air, assistente vocale con riconoscimento di voce naturale con cui è possibile regolare temperatura abitacolo, sedili e altre funzioni di bordo, interfaccia smartphone con controllo delle App da remoto, modulo di applicazioni dedicato, connettività V2X (Vehicle-to-Everything) ed un potente firewall che assicura tre livelli di protezione dei dati.

I sistemi di ausilio attivo alla guida di Xpeng G3 vengono racchiusi nel modulo XPilot, che per quantità di sistemi ed avanzato controllo risponde ad un livello 2.5 di guida semiautonoma. In base alle versioni, la dotazione comprende:

  • 20 sensori
  • 12 radar ad ultrasuoni
  • 5 telecamere HD
  • 3 radar a onde cortissime
  • Assistenza avanzata per le manovre di parcheggio, anche a controllo vocale
  • Frenata autonoma di emergenza con riconoscimento pedoni
  • Forward Collision Warning
  • Blind-spot Detection
  • Limitazione automatica della velocità in base alle condizioni del traffico e della segnaletica stradale
  • Cambio di corsia assistito (eseguibile in automatico dopo che il conducente abbia attivato l’indicatore di direzione specifico)
  • Cruise Control adattivo che integra il Traffic-jam Assist
  • Adaptive Turning Control, funzionale alla riduzione autonoma della velocità prima dell’ingresso in curva
  • Visualizzazione, nell’ampio display centrale da 15” “tablet-style” (che ad una prima occhiata sembrerebbe simile al layout Tesla), delle condizioni del traffico per i tragitti impostati e suggerimenti sui percorsi da utilizzare per facilitare la guida
  • Lane Centering Control di mantenimento della corsia di marcia, con Lane Departure Warning.
  • Rear-cross Traffic Alert.

I Video di Autoblog