Opel Frontera: la storica fuoristrada compie trent’anni

La storia della fuoristrada Opel Frontera, introdotta nel 1991 e prodotta fino al 2003 nelle varianti Sport a 3 porte e Station Wagon a 5 porte.

Trent’anni fa, in occasione del Salone di Ginevra 1991, fu svelata la Opel Frontera, sviluppata in sinergia con l’allora consociata Isuzu. A livello meccanico era dotata del telaio a longheroni e traverse, nonché della trazione integrale 4×4 inseribile anche per l’uso stradale. La gamma, invece, comprendeva i modelli Frontera Sport e Frontera Station Wagon.

Con la carrozzeria a 3 e 5 porte

La Opel Frontera Sport aveva la carrozzeria a passo corto con la configurazione a tre porte, la dotazione completa di hard top e il motore a benzina 2.0 da 115 CV di potenza. La Opel Frontera Station Wagon, invece, era caratterizzata dalla carrozzeria a passo lungo con la configurazione a cinque porte, mentre la gamma delle motorizzazioni comprendeva il propulsore 2.4 a benzina da 125 CV e l’unità 2.3 Turbodiesel da 100 CV di potenza. Negli anni 1993 e 1994, la Opel Frontera fu la fuoristrada più venduta sul mercato europeo.

Prodotta fino al 2003

Nel 1998 debuttò la seconda generazione della Opel Frontera, nota anche come Frontera B ed equipaggiata con la trazione integrale permanente Non Stop 4×4 a controllo elettronico. La relativa gamma, invece, prevedeva il motore a benzina 2.2 16V da 136 CV di potenza e 200 Nm di coppia massima, il propulsore diesel 2.2 DTI 16V da 115 CV di potenza e 260 Nm di coppia massima, più l’unità a benzina 3.2 V6 da 205 CV di potenza e 290 Nm di coppia massima per la declinazione Limited. La fuoristrada della Casa del Fulmine fu prodotta fino al 2003, presso l’impianto inglese di Luton del partner tecnico IBC Vehicles.

Ultime notizie su Opel

Opel viene fondata nel 1895 dal tedesco Adam Opel, inizialmente specializzato nella produzione di macchine da cucire. La sua attività si sviluppa rapidamente e già nel 1886 [...]

Tutto su Opel →