Nissan Qashqai 1.3 DIG-T 158 CV Xtronic: la prova su strada

Tecnologicamente amichevole, mantiene il family feeling nello stile e con il mild hybrid diventa elettrificata

Se non fosse esistita la Nissan Qashqai di prima generazione, oggi non saremmo qui a parlare del fenomeno dei crossover, che ormai la fanno da padrone nel combattutissimo segmento C ed hanno conquistato anche il B. Ma l’originale è sempre l’originale, per cui andiamo a vedere come è cambiata la capostipite della categoria per confrontarsi con le sempre più numerose concorrenti dei giorni nostri.

Look moderno e rassicurante

L’aspetto più interessante nel design della Qashqai di terza generazione è che il look è stato rivisto senza perdere quella continuità stilistica con i modelli precedenti. Certo, la modernità è insita nei fari anteriori a freccia, nella rivisitazione della calandra, e in quei tagli sui paraurti che le donano una maggiore dinamicità.

La fiancata mette in risalto l’andamento del terzo finestrino e vede il prolungamento delle firme luminose posteriori, mentre dietro c’è una scritta Qashqai dai caratteri importanti sopra la targa, e non manca uno spoiler che avvolge il lunotto. In tutto sono 4 i centimetri in più rispetto al modello precedente, per cui la lunghezza rimane quasi invariata, ma questa vettura nasconde diverse novità sottopelle.

Abitacolo moderno e tecnologia amichevole

A bordo della nuova Qashqai l’ambiente appare di stampo premium, soprattutto sulla variante Tekna che non rinuncia quasi a nulla. Infatti, troviamo la strumentazione digitale da 12,3 pollici, ed era ora, ed un display da 9 pollici per l’infotainment che si collega allo smartphone senza fili e si gestisce in maniera semplice.

Questo non vuol dire però che non sia moderno, visto che è possibile anche inviare una destinazione al navigatore via telefono con l’app dedicata. La novità più significativa però riguarda l’head-up display dalle dimensioni record: ben 10,8 pollici, che in effetti consente di non abbassare mai lo sguardo durante la guida. Insomma, la Qashqai è al passo con i tempi ma non mette mai in soggezione con effetti speciali. Lo spazio è ideale per 4 persone, volendo ci si può stare anche in 5, mentre il bagagliaio è cresciuto di ben 74 litri, arrivando a 504 litri utili.

Tutto bene quindi? Quasi, i comandi del climatizzatore non sono sempre visibili in determinate condizioni di luce, il volante tende a trovarsi leggermente più in basso di quanto si vorrebbe anche quando viene regolato per la propria statura, e le tasche nelle portiere hanno un’ampiezza limitata.

Comoda, morbida, all’occorrenza decisa

L’esame della guida è fondamentale, soprattutto per via del fatto che le sospensioni posteriori multilink sono riservate alla Tekna + ed alla variante a trazione integrale. Per le altre c’è il ponte torcente, che nella dinamica non crea particolari interferenze, a parte la tendenza nel trasmettere le asperità più importanti in maniera piuttosto netta.

Quando l’asfalto non è particolarmente rovinato il comfort è massimo, e se si spinge di più sull’acceleratore si avverte una sorta di ritardo da parte della trasmissione. La vettura della nostra prova monta il 1.3 sovralimentato con l’ibrido leggero da 158 CV, e può contare su quei 18 CV ulteriori, rispetto al modello da 140 CV, che fanno sempre comodo.

Il brio non le manca, ed i 9,2 secondi necessari per coprire il classico 0-100 km/h lo dimostrano, ma quello che conquista di questa Qashqai è l’equilibrio generale, perché è precisa in curva senza essere troppo rigida e, grazie ad un sano rollio, rimane molto comunicativa. L’ibrido leggero è ideale come approccio al cambiamento che conduce all’elettrificazione, visto che è meno invasivo nella guida, e i consumi sono buoni, con circa 13-14 km/l di media, ma per chi fa tanti chilometri la soluzione arriverà dalla versione ibrida con il motore a combustione interna che fungerà da generatore.

Prezzo: la Tekna parte da 38.440 euro

Con un allestimento ricco come può essere quello identificato dalla sigla Tekna, la Qashqai da 158 CV con cambio Xtronic ha un costo di 38.440 euro, per non rinunciare a nulla c’è la variante Tekna + da 41.740 euro, che diventano 43.740 euro aggiungendo la trazione integrale.

Ultime notizie su Test Drive

Tutto su Test Drive →