Indice di carico degli pneumatici: che cos’è e come scegliere quello giusto

Ogni gomma viene progettata per sopportare un carico massimo alla più elevata velocità ammissibile: facciamo chiarezza sull’argomento.

Oltre all’indicazione delle misure, della tipologia di pneumatico (estivo, invernale, 4 Stagioni), dell’indice di velocità e della data di produzione (settimana e anno), sul fianco di ciascuno pneumatico viene riportato anche l’indice di carico. In questa guida ne analizziamo tutte le caratteristiche: cosa si intende per indice di carico, dove viene riportato sulla carta di circolazione del veicolo, quali sono le sue funzioni, la scelta dell’indice di carico esatto, cosa succede se si montano pneumatici con un indice di carico errato, e se sia conveniente adottare un set di gomme con un indice di carico superiore a quello riportato sul libretto. Si tratta di informazioni della massima importanza, perché strettamente correlate alla sicurezza stradale.

Cos’è l’indice carico pneumatici

Tecnicamente, l’indice di carico consiste nella codificazione del massimo carico sopportabile da uno pneumatico quando viaggia alla massima velocità ammissibile (codice di velocità). L’indice di carico viene indicato con una sigla numerica a due o tre cifre: l’indicazione di ogni valore corrisponde, appunto, all’indice di carico massimo per ogni gomma. Secondo il Codice della Strada, è possibile montare un set di pneumatici con un indice di carico superiore rispetto a quello indicato nella carta di circolazione, ma non inferiore: in caso di accertamento dell’infrazione, si rischia (art. 78 comma 3 Codice della Strada) una sanzione amministrativa da 430 euro a 1.731 euro e il ritiro della carta di circolazione.

Indice di carico: dove si trova sul libretto

L’indice di carico pneumatici viene riportato nel terzo riquadro in basso a sinistra della carta di circolazione: in pratica, nello spazio che indica la tipologia di gomme utilizzabili per quel veicolo.

Indice carico pneumatici: a cosa serve

Come si accennava più sopra, la funzione dell’indice di carico consiste nel codificare, mediante sigla numerica a due o tre cifre, il carico massimo che può gravare su ogni pneumatico alla massima velocità ammissibile, cioè in relazione all’indice di velocità (anche questo viene riportato nel terzo riquadro della carta di circolazione).

Cosa indica

L’indice di carico degli pneumatici viene sempre riportato (nel libretto, nella carta di circolazione e sul fianco della gomma) insieme al codice di velocità. Si tratta, in effetti, di semplificare, mediante una sigla alfanumerica, il massimo carico studiato per quello specifico pneumatico (indice di carico) alla massima velocità ammissibile (codice di velocità).

Come sceglierlo

La scelta dell’indice di carico degli pneumatici non va mai fatta “alla leggera”: per conoscere quale indice di carico è il più adatto in relazione al tipo di veicolo che si guida nonché alle personali necessità di trasporto, bisogna sempre guardare le indicazioni della Casa costruttrice riportate nel libretto di uso e manutenzione (così come sulle targhette presenti in corrispondenza della porta lato guida e dietro lo sportello del bocchettone di rifornimento carburante), e i valori indicati nella carta di circolazione. L’indice di carico va considerato quando si progetta di sostituire le gomme, e si pensa di scegliere pneumatici di misura diversa rispetto a quelli di primo equipaggiamento o, più in generale, che in quel momento equipaggiano la vettura.

Tabella indici di carico pneumatici

Di seguito l’elenco degli indici di carico, secondo la numerazione progressiva riportata: la tabella riporta l’indice di carico degli pneumatici (indicazione sullo pneumatico, nella carta di circolazione e nel libretto di uso e manutenzione del veicolo) e la capacità di carico dello pneumatico espressa in kg.

  • Indice di carico 20: peso massimo ammissibile sullo pneumatico 80 kg;
  • 22: peso massimo 85 kg;
  • 24: peso massimo 85 kg;
  • 26: peso massimo 90 kg;
  • 28: peso massimo 100 kg;
  • 30: peso massimo 106 kg;
  • 31: peso massimo 109 kg;
  • 33: peso massimo 115 kg;
  • 35: peso massimo 121 kg;
  • 37: peso massimo 128 kg;
  • 40: peso massimo 136 kg;
  • 41: peso massimo 145 kg;
  • 42: peso massimo 150 kg;
  • 44: peso massimo 160 kg;
  • 46: peso massimo 170 kg;
  • 47: peso massimo 175 kg;
  • 48: peso massimo 180 kg;
  • 50: peso massimo 190 kg;
  • 51: peso massimo 195 kg;
  • 52: peso massimo 200 kg;
  • 53: peso massimo 206 kg;
  • 54: peso massimo 212 kg;
  • 55: peso massimo 218 kg;
  • 58: peso massimo 236 kg;
  • 59: peso massimo 243 kg;
  • 60: peso massimo 250 kg;
  • 61: peso massimo 257 kg;
  • 62: peso massimo 265 kg;
  • 63: peso massimo 272 kg;
  • 64: peso massimo 280 kg;
  • 65: peso massimo 290 kg;
  • 66: peso massimo 300 kg;
  • 67: peso massimo 307 kg;
  • 68: peso massimo 315 kg;
  • 69: peso massimo 325 kg;
  • 70: peso massimo 335 kg;
  • 71: peso massimo 345 kg;
  • 72: peso massimo 355 kg;
  • 73: peso massimo 365 kg;
  • 74: peso massimo 375 kg;
  • 75: peso massimo 387 kg;
  • 76: peso massimo 400 kg;
  • 77: peso massimo 412 kg;
  • 78: peso massimo 425 kg;
  • 79: peso massimo 437 kg;
  • 80: peso massimo 450 kg;
  • 81: peso massimo 462 kg;
  • 82: peso massimo 475 kg;
  • 83: peso massimo 487 kg;
  • 84: peso massimo 500 kg;
  • 85: peso massimo 515 kg;
  • 86: peso massimo 530 kg;
  • 87: peso massimo 545 kg;
  • 88: peso massimo 560 kg;
  • 89: peso massimo 580 kg;
  • 90: peso massimo 600 kg;
  • 91: peso massimo 615 kg;
  • 92: peso massimo 630 kg;
  • 93: peso massimo 650 kg;
  • 94: peso massimo 670 kg;
  • 95: peso massimo 690 kg;
  • 96: peso massimo 710 kg;
  • 97: peso massimo 730 kg;
  • 98: peso massimo 750 kg;
  • 99: peso massimo 775 kg;
  • 100: peso massimo 800 kg;
  • 101: peso massimo 825 kg;
  • 102: peso massimo 850 kg;
  • 103: peso massimo 875 kg;
  • 104: peso massimo 900 kg;
  • 105: peso massimo 925 kg;
  • 106: peso massimo 950 kg;
  • 107: peso massimo 975 kg;
  • 108: peso massimo 1.000 kg;
  • 109: peso massimo 1.030 kg;
  • 110: peso massimo 1.060 kg;
  • 111: peso massimo 1.090 kg;
  • 112: peso massimo 1.120 kg;
  • 113: peso massimo 1.150 kg;
  • 114: peso massimo 1.180 kg;
  • 115: peso massimo 1.215 kg;
  • 116: peso massimo 1.250 kg;
  • 117: peso massimo 1.285 kg;
  • 118: peso massimo 1.320 kg;
  • 119: peso massimo 1.360 kg;
  • 120: peso massimo 1.400 kg.

Conseguenze del montaggio di pneumatici con indice di carico sbagliato

L’adozione di un set di pneumatici con indice di carico inferiore rispetto a quello riportato nel libretto del veicolo è sempre un errore in quanto incide negativamente sulla sicurezza di marcia, tant’è vero che – come evidenziato più sopra – il Codice della Strada la sanziona. Le conseguenze possono essere gravi:

  • Gli pneumatici si usurano più rapidamente;
  • Un’eccessiva pressione su una gomma può provocarne lo scoppio e causare un incidente;
  • La stabilità del veicolo è inferiore;
  • I dispositivi di sicurezza attiva (ABS, controllo trazione) sono programmati in relazione al tipo di gomme scelte dalla Casa costruttrice del veicolo: se si montano pneumatici non conformi, possono verificarsi alcuni problemi anche ai sistemi elettronici di assistenza alla guida;
  • Se avviene un incidente, nel caso in cui emerga che il veicolo era equipaggiato con pneumatici non conformi alle indicazioni del Costruttore e a quanto riportato nella carta di circolazione la Compagnia assicuratrice può rifiutarsi di pagare l’indennizzo.

Indici di carico superiori a quelli omologati: conviene?

Nulla vieta di montare pneumatici con indice di carico superiore a quello indicato nel libretto del veicolo (lo stesso vale per il codice di velocità). Ci sono tuttavia dei pro e dei contro, che riassumiamo di seguito.

Vantaggi

  • Minore usura delle gomme anche nelle condizioni di carico elevato;
  • La guida è più precisa;
  • Il veicolo mantiene un assetto più stabile (ovviamente, tenuto conto del fatto che il carico è stato sistemato in maniera corretta e molle e ammortizzatori sono in buone condizioni).

Svantaggi

  • Il veicolo può risultare più “rigido” alla guida, con minore comfort per gli occupanti;
  • Può verificarsi una maggiore resistenza al rotolamento, con un leggero aumento del consumo di carburante.

Ultime notizie su Pneumatici

Tutto su Pneumatici →