Maserati: Alfieri a Modena dal 2020

Confermati gli investimenti di Maserati per il futuro, nonché la piena occupazione per gli addetti e l'arrivo della nuova Alfieri.


Nella giornata dell'11 febbraio 2019, presso la sede principale di Maserati in Via Ciro Menotti a Modena, si è tenuto l'incontro con istituzioni e organizzazioni sindacali per parlare del futuro della Casa del Tridente. Il manager Harald Wester, amministratore delegato di Maserati, ha confermato il ruolo importante dello storico stabilimento di Modena.

Infatti, è stata ribadita la missione strategica dell'impianto di Maserati, come già evidenziato nel piano industriale 2018-2022 di FCA e attualmente in fase di revisione. Sarà valorizzata sia l'esperienza che la conoscenza dei 1.350 addetti alla produzione, per la realizzazione di auto sportive ad alte prestazioni ed elevato contenuto tecnologico.

Inoltre, Wester ha confermato gli investimenti di Maserati per il rinnovamento e l'aggiornamento delle linee di produzione, in vista dell'assemblaggio dei nuovi modelli. Nello specifico, nel corso del prossimo autunno inizieranno i lavori di aggiornamento delle linee di produzione ed entro il primo semestre del 2020 partirà la produzione dei primi esemplari di preserie del primo modello di nuova generazione.

Stando al piano industriale svelato lo scorso giugno, la nuova supercar del Tridente sarà rappresentata dalla Maserati Alfieri, versione di serie dell'omonima concept car esposta al Salone di Ginevra del 2014. Oltre alla tradizionale variante coupé, la relativa gamma comprenderà anche la declinazione cabriolet e la versione a propulsione ibrida Plug-In. Attualmente, invece, presso l'impianto di Modena sono assemblate le Maserati GranTurismo e GranCabrio, nonché la Alfa Romeo 4C.

  • shares
  • Mail