Auto volante Toyota: futuro tra cielo e barche

Auto volante Toyota, il progetto Sky Drive del collettivo Cartivator comincia a mostrare i primi progressi.

Auto volante Toyota

L'auto volante Toyota è ancora in fase di sviluppo ma la casa giapponese fa sul serio: la scelta di finanziare “SkyDrive” sta portando i primi risultati. E nel frattempo il gruppo nipponico guarda non solo al cielo ma anche al mare con una flotta di barche destinata ad arricchirsi. In realtà il progetto dell'auto volante Toyota è nato nel 2012 quando Tsubasa Nakamura, a capo del team, ha vinto una scommessa con i colleghi.

 

Così è nato Cartivator, un team di ricerca formato da alcuni giovani dipendenti volontariamente arruolati.  Ora l'auto volante è ancora in fase di sviluppo del motore e dei sistemi di stabilizzazione. Un piccolo test è stato mostrato sabato 3 giugno alla stampa come riporta AP: la gabbia in alluminio con otto eliche si è alzata in aria ma è atterrata con un po' di affanno dopo pochi secondi.  Niente di preoccupante dato che il primo volo a bordo è previsto nel 2019 e l'obiettivo è accendere il braciere olimpico alle Olimpiadi di Tokyo 2020 e vendere i primi modelli dal 2023. Dovrebbe avere tre ruote per farla appoggiare a terra mentre in aria quattro rotori basteranno per lanciarla a 100 km/h di velocità e a un’altezza di 10 metri. Le dimensioni dovrebbero essere di circa 3 metri di lunghezza e 1,3 metri di lunghezza.

"L'obiettivo di Cartivator è quello di fornire una transizione senza soluzione di continuità dalla guida al volo, come nel mondo di Ritorno al Futuro" ha detto il leader del progetto Tsubasa Nakamura. Oltre al colosso giapponese, molti big del settore stanno già lavorando alle “aereoauto”: il colosso Airbus è pronto per i primi test mentre Uber punta a essere la prima compagnia a lanciare un taxi terra-aria. Negli ultimi anni, Toyota ha puntato molto sulla robotica e l'intelligenza artificiale, investendo un miliardo di dollari in una società di ricerca e sviluppo nella Silicon Valley.

La casa giapponese non guarda solo all'auto volante ma anche alle acque, che restano comunque una piccola parte dell'impero: l'attività di Toyota Marine ha avuto inizio nel 1997 e finora Toyota ha venduto 845 imbarcazioni contro i 10 milioni di veicoli all'anno in tutto il mondo. Attualmente commercializza quattro modelli tra cui il recente motoscafo-cabinato Toyota Marine Ponam 31 ma presto potrebbe entrare a listino il Lexus Yacht: funziona con due motori a gas e presenta un design curvo e snello, ispirato a un delfino e a una vettura Lexus. Il prezzo non è ancora stato comunicato ma sarebbero già molti gli americani che hanno espresso interesse per il mezzo.

  • shares
  • Mail