Usare gli smartphones in auto: Huawei P9 Plus Test Drive

Come si comportano i nostri smartphone quando siamo in automobile? Li proviamo nella nostra nuova rubrica sull’uso dei cellulari in auto.

Fanno ormai parte della nostra vita, li usiamo dalla mattina presto fino alla sera tardi: gli smartphone ci hanno ormai conquistato. Se i nostri amici di Mobileblog sono specializzati e vi possono raccontare ogni dettaglio, qui ci concentreremo sull’aspetto che più ci interessa: come usare il cellulare in automobile. Ovviamente non ci riferiamo al telefonare o messaggiare in macchina, comportamento pericoloso e vietato dal codice della strada. Testeremo le qualità del telefono come navigatore o come qualità di connessione audio bluetooth o del vivavoce interno piuttosto che rispondere alla domanda “scalda o no”? Insomma, tutte quelle funzioni relative all’usare lo smartphone in auto.

[rating title=”Huawei P9Plus” value=”7″ value_title=”Test Drive Autoblog Mobile” layout=”left”]Partiamo allora con Huawei, che ha ufficializzato il P9 Plus in contemporanea con il P9 lo scorso 6 aprile 2016 presentandolo come la versione speciale del P9, top di gamma della casa cinese, dotato di un ampio display di 5,5 pollici, sensibile a diversi livelli di pressione, e con una RAM più capiente della versione standard.

Le funzioni speciali che caratterizzano questo smartphone o phablet sono la doppia fotocamera realizzata in collaborazione con Leica e il pannello Press Touch in grado di rilevare diversi livelli di pressione, ma che purtroppo sono entrambi poco utili all’utilizzo e alla valutazione del device come navigatore in auto.

Dopo aver scaricato Waze e TomTom Navigator, ho usato lo smartphone per una settimana in auto con una staffa come se fosse un navigatore tradizionale. Il phablet in questo momento è acquistabile anche su Amazon, ad un prezzo di circa 630 euro.

Display e Design: elegante ma troppa cornice

Il design elegante del Huawei P9 Plus ricalca quello del P9, ma offre dimensioni leggermente più ampie, specificatamente di 152,3 x 74,2 x 6,98 mm, per ospitare un display di 5,5 pollici. Avvolto da un sottile unibody di metallo opaco, caratterizzato da angoli stondati, il Huawei P9 Plus risulta elegante e questo gli permette di integrarsi perfettamente su qualsiasi plancia, dalle più ricercate alle più spartane.

Il pannello anteriore, rivestito di vetro 2.5D, è completamente privo di tasti, e i tasti fisici si trovano tutti lungo il lato destro del dispositivo, mentre lo slot per SIM e microSD trova spazio a sinistra. In questo modo il display risulta pulito consentendo una migliore visualizzazione di mappe e percorsi, anche se potrebbe diventare scomodo se si deve interagire con il device attraverso i tasti coperti dai bordi della staffa.

Il display è illuminato dalla tecnologia AMOLED invece che IPS. La risoluzione è di 1920 x 1080 pixel. Dopo aver scaricato Waze e TomTom ho notato subito dalla visualizzazione delle mappe colori più vivaci e brillanti sul pannello AMOLED del P9 Plus rispetto a quelli offerti dall’IPS del P9. Purtroppo due cose non mi sono piaciute dello schermo del P9 Plus: i colori sono leggermente tendenti al blu/verde e troppa cornice nera intorno alle mappe. Il primo è uno dei difetti, se di difetto si tratta, dei display AMOLED e il secondo è una caratteristica di questo device che non ho trovato ad esempio sull’S7 Edge.

Durante la navigazione in auto in condizioni di luce naturale intensa lo smartphone tende diventare un piccolo specchio e a riflettere le immagini, visibili e fastidiose specialmente sulla cornice nera intorno alle mappe.

Audio e Batteria: voce chiara e mai spento

La qualità delle chiamate è ottima, i rumori di sottofondo vengono filtrati abbastanza bene e permette di capire l’interlocutore senza problemi. Lo stesso vale per la persona con cui si parla, il microfono riproduce in modo nitido la voce e questo è importante se si deve parlare con il vivavoce mentre lo smartphone fa il navigatore sulla plancia.

Il microfono dedicato alla cancellazione del rumore si trova nella parte superiore mentre non c’è un altoparlante stereo, perché purtroppo è assente sul P9 Plus. Le indicazioni del navigatore sono chiare e nitide.

Huawei P9 Plus è provvisto di 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna, e supportato dal promettente processore Kirin 955, accompagnato da GPU mali-T880 del P9. La navigazione, il ricalcolo del percorso e le zoommate sulla mappe sono fluenti e senza intoppi.

La batteria da 3400 mah fa il suo dovere e mi ha permesso senza fatica di arrivare ad un giorno e mezzo di autonomia. Quando ho utilizzato lo smartphone per la navigazione pedestre sono arrivato ad un giorno scarso. In auto invece si può sfruttare la ricarica rapida, che permette di ricaricare lo smartphone completamente in soli 110 minuti, mentre con un’ora di ricarica si può ottenere il 70% di autonomia.

Specifiche tecniche: numeri da primo della classe

Tipo: Phablet
Produttore: Huawei
Dimensioni: 152,3 x 75,3 x 6,98 mm
Peso: 162 g
Capacità della batteria: 3400 mAh
Dimensioni del display: 5,5 pollici
Schermo: 1920 x 1080 pixel (401 ppi)
Fotocamera frontale: 8 megapixel
Fotocamera posteriore: 12 megapixel
Flash: LED
Versione Android: 6.0 – Marshmallow
Interfaccia utente: Huawei EMUI
RAM: 4GB
Memoria interna: 64GB
Memoria removibile: microSD
Chipset: HiSiliconKirin 955
Numero di core: 8
Velocità di clock: 2,5 GHz
Connettività: HSPA, LTE, Bluetooth 4.2

Conclusioni: Navigatore con troppi riflessi

Un buon telefono, con vivavoce chiaro e forte e una batteria con ottima durata. Peccato i riflessi che lo rendono poco performante come navigatore satellitare e per il “cornicione” obsoleto.

Pro
Ricezione ottima;
Autonomia della batteria sorprendente;
Contro
Troppa cornice nera intorno alle mappe;
Effetto specchio in situazioni con molta luce.

Ultime notizie su Gadget

Gadget

Tutto su Gadget →