Opel

Opel viene fondata nel 1895 dal tedesco Adam Opel, inizialmente specializzato nella produzione di macchine da cucire. La sua attività si sviluppa rapidamente e già nel 1886 – quando Benz e Daimler presentano la loro automobile – Opel produce 20.000 macchine da cucire l’anno. Adam dà ulteriore impulso alla sua attività e si trasforma prima in costruttore di biciclette e poi in distributore di pneumatici Michelin per il mercato francese. In questo periodo Opel rende espliciti due elementi della propria filosofia: la ricerca del miglior rapporto qualità/prezzo e l’attenzione verso le competizioni, ritenute un veicolo ideale di promozione. Carl Opel, figlio maggiore di Adam, inizia dunque a correre (e vincere) su una bicicletta realizzata a Russelsheim. Adam Opel scompare però nel 1895.

L’azienda viene quindi gestita dalla moglie Sophie, dai numerosi figli e dal cognato Georg. Insieme decidono di investire nel nascente mercato dell’automobile. Nel 1901 l’azienda del fulmine costruisce la sua prima motocicletta e stipula un accordo con Darracq per la costruzione sul licenza delle sue automobili, che vengono smontate ed analizzate con massima attenzione: la qualità costruttiva viene infatti indicata come un elemento fondamentale. La prima Opel debutta nell’autunno 1902 ed utilizza un motore bicilindrico da 10/12 CV. Viene commercializzata fino al 1906. Nel 1909 viene lanciata una fra le Opel più fortunate di sempre: è la 4/8 HP Doktorwagen, considerata una fra le antesignane delle vetture di massa. Prima della guerra Opel introduce un motore quattro cilindri da ben 12.300 cc.

Con il passare degli anni Opel dedica attenzioni via via crescenti alla produzione in grande serie. Lancia pertanto la Laubfrosh, disponibile soltanto in verde e ben presto destinata a rivelarsi un vero e proprio successo. Nel 1928 Opel detiene il 37.5% del mercato tedesco e l’anno seguente viene pressoché assorbita dal gruppo General Motors, che ne acquista l’80%. Il supporto di GM permette al fulmine di superare con scarse conseguenze la crisi del 1929. Fra il decennio seguente ed il secondo dopo guerra vengono introdotte automobili storiche come la Kapitain, la Kadett e la Rekord. Nel 1982 tocca alla Corsa, seguita quattro anni dopo dalla Omega e nel 1990 dalla Calibra. La gamma odierna è composta dalle Adam, Corsa, Astra, Insignia, Agila, Meriva, Zafira, Mokka, Antara, Ampera e Cascada. Tutti gli aggiornamenti sul marchio del fulmine.

Sconti Opel: la Crossland X a 14.900 euro

L'Opel Crossland X viene proposta con un risparmio di quasi 4.000 euro sul prezzo di listino: scopri i dettagli della... Continua...

Opel Insignia GSi: velocissima al Nurburgring

L'Insignia GSi nettamente più veloce della OPC tra gli stretti cordoli del Nurburgring, nonostante qualche cavallo in... Continua...

Opel Grandland X, Lohscheller: "Quando il Crossover ha tutto il nostro DNA"

Michael Lohscheller: Grandland X: è eleganza e e feeling di guida da vera auto tedesca Continua...

Opel Zafira: la monovolume compatta sempre più connessa

Massima connettività sulla Zafira, grazie al nuovo sistema d'infotainment Navi 4.0 IntelliLink di Opel. Continua...

Car sharing, il Gruppo PSA lancia Free2Move negli USA

Il Gruppo PSA sta per tornare negli Stati Uniti. La prima mossa è stata la presentazione della app di car sharing... Continua...

Opel Grandland X: prezzo e primo contatto su strada

Opel Grandland X: i prezzi le nostre impressioni nel primo contatto su strada. Continua...

Free2Move: il Lease secondo PSA si evolve

il gruppo PSA ha appena ufficializzato l'evoluzione del suo servizio di noleggio a lungo termine e car sharing, due... Continua...

Sconti Opel: la Karl Rocks a 10.350 euro

L'Opel Karl Rocks viene proposta con un risparmio di quasi 3.000 euro sul prezzo di listino: scopri i dettagli della... Continua...

Foto spia Opel Astra GSi

Giungono nuove foto della prossima Astra GSi: nessun camouflage, paraurti anteriore differente, doppio scarico... Continua...

Opel al Salone di Francoforte 2017 Live

Tra le tante proposte di Opel al Salone di Francoforte, a rubare la scena è il Suv di segmento C Grandland X. Continua...