Volkswagen e BMW, multe salate per il “cartello” in Germania

Dalla Commisione Europea sono in arrivo delle grosse sanzioni pecuniarie per BMW e Volkswagen, ree di aver dato vita a un cartello clandestino.

Dopo anni di indagini si sta per chiudere, in Germania, l’inchiesta che ha avuto come protagoniste alcune delle Casa automobilistiche autoctone più importanti, come BMW e Volkswagen, le quali avrebbero raggiunto un accordo per formare una sorta di cartello. Questa unione aveva come scopo quello di condividere decisioni strategiche e tecniche sul fronte delle emissioni inquinanti, violando quelle che sono le normative previste dall’antitrust.

A Bruxelles hanno riscontrato queste infrazioni e sono pronti a elargire le relative sanzioni ai due colossi dell’automobile tedesca, che dovrebbero aggirarsi intorno al miliardo di euro, per quanto riguarda il brand bavarese, mentre quello di Wolfsburg andrebbe incontro a un sostanzioso sconto, per essersi autodenunciata. In tutto questo Daimler al momento non viene sanzionata.

Il caso

L’accusa è stata lanciata dalla testata tedesca Der Spiegel, successivamente ci ha pensato la Commissione europea – a partire dal 2017 –  a fare chiarezza sulla vicenda. Il caso portato alla luce dal giornale, sosteneva che centinaia di dirigenti delle cinque principali società automobilistiche tedesche (Daimler, BMW, Volkswagen, Audi e Porsche) avessero organizzato incontri e riunioni con l’obiettivo di coordinare, insieme e in modo segreto, lo sviluppo di modelli, di determinare i costi e scegliere i fornitori. Le Case, in questa maniera, avrebbero aggirato le normative antitrust che vietano esplicitamente accordi clandestini, ma soprattutto avrebbero limitato lo sviluppo tecnologico sul fronte dei dispositivi per la riduzione delle emissioni inquinanti, e di conseguenza danneggiato i consumatori europei.

Dalle risultanze preliminari dell’indagine pubblicate nel 2019, BMW, Daimler e Volkswagen avrebbero raggiunto degli accordi illegali sulle tecnologie di depurazione dei gas di scarico, formalizzando tempi e specifiche per l’introduzione di convertitori catalitici Scr per i motori diesel e di filtri antiparticolato per quelli a benzina. Le società avrebbero, quindi, alterato la concorrenza e negato ai consumatori l’opportunità di acquistare veicoli più rispettosi dell’ambiente e dell’ecologia.

BMW non ammette le colpe

Le vicende hanno visto le parti coinvolte difendersi in modo differente. Daimler ha denunciato fin da subito le pratiche scorrette, e in questo modo ha evitato la pena pecuniaria, Volkswagen, invece, prima ha negato e poi si è autodenunciata. BMW ha sempre negato qualsiasi accusa, sottolineando come gli incontri fossero determinati nel trattare argomenti di natura tecnica e in alcun modo avevano come fine quello di danneggiare i consumatori.

La Casa bavarese in sede di giudizio non ha convinto gli inquirenti e non potrà beneficiare di eventuali forme di sconto legate alla collaborazione. In ogni caso, BMW non hanno mai nascosto l’intenzione di difendersi con tutti i mezzi legali possibili dalle accuse della Commissione europea, ricorrendo anche ai più alti gradi di giudizio della giustizia europea come la Corte del Lussemburgo.

Ultime notizie su Mercato auto

Tutto su Mercato auto →