Renault vende le proprie quote Daimler

L’1,54% del capitale di Stoccarda in mano al Gruppo francese viene collocato sul mercato: si punta ad incassare 1,14 miliardi di euro; la collaborazione industriale verrà mantenuta.

L’alleanza con Daimler andrà avanti, ma soltanto sul fronte delle collaborazioni industriali; dal punto di vista finanziario, la “Marque à Losanges” proseguirà senza l’alleato di Stoccarda. È, in sintesi, il contenuto di una nota diffusa da Renault, in cui viene annunciato il collocamento sul mercato di tutta la partecipazione nelle quote capitale Daimler, che ammonta all’1,54%. Le quote residue saranno vendute ad investitori qualificati, secondo un processo di bookbuilding accelerato.

Renault diminuisce il debito

Cifre alla mano, le azioni Daimler in mano a Renault e che vengono messe in vendita sono circa 16,45 milioni, ad un prezzo nominale di 69,50 euro: con questa strategia, il colosso francese guidato da Luca de Meo potrà contare su un incasso nell’ordine di circa 1,14 miliardi di euro che servirà a velocizzare i programmi di riduzione del proprio debito. Del resto, Renault Groupe aveva di recente informato i propri investitori che il 2021 sarebbe stato un anno impegnativo, a fronte di un 2020 che si era concluso con una perdita netta di 8 miliardi di euro, un risultato finanziario peggiore del previsto. Ancora più nello specifico, il debito inserito nell’ultimo bilancio Renault sotto la voce “attività automotive” è di 3,58 miliardi di euro, laddove la medesima posizione finanziaria era stata, nel 2019, in attivo per 1,73 miliardi di euro; e, in dodici mesi, l’indebitamento lordo è cresciuto a 17,7 miliardi di euro da 11,8 miliardi.

Daimler “tira”

L’operazione, accolta favorevolmente dal mercato – sebbene i 69,50 euro ad azione siano inferiori rispetto alla quotazione del titolo Daimler (72,09 euro) raggiunta alla chiusura delle contrattazioni di giovedì 11 marzo alla Borsa di Francoforte – giunge in una fase finanziaria particolarmente felice per Daimler AG. In seguito alle prime concrete performance del processo di elettrificazione, in effetti, in questo primo scorcio di 2021 il Gruppo tedesco ha guadagnato più del 25%.

Operazione prettamente finanziaria

Come si accennava in apertura, l’annuncio della vendita delle quote Daimler nel portafoglio Renault ha valenza esclusivamente finanziaria: la partnership industriale fra i due Gruppi, creata nel 2010 quando alla guida dei due “big player” c’erano rispettivamente Dieter Zetsche (Daimler) e Carlos Ghosn (Renault Groupe) non viene interessata. A questo proposito, è da segnalare una recente ripresa in vigore della collaborazione tecnica fra i due Gruppi: una serie di indiscrezioni, trapelate a metà febbraio 2021 e riportate da un “lancio” Ansa, avevano puntato i riflettori su un programma, in avanzata fase di sviluppo, volto alla collaborazione su una nuova generazione di veicoli commerciali di grandi dimensioni, da commercializzare tanto a marchio Mercedes quanto Renault, e che verrebbero realizzati anche in configurazione 100% elettrica. I rumors hanno rivelato che la produzione si concentrerà negli stabilimenti Renault di Batilly (nord est della Francia), in favore dell’ottimizzazione dei costi di sviluppo ed industriali.

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Mercedes

Mercedes viene fondata nel 1902 ed è l’azienda a cui tutto ricondurre quando si parla di automobili. Non è infatti azzardato considerare Mercedes come un vero e proprio sinonimo di aut [...]

Tutto su Mercedes →