Renault Megane E-Tech electric: prova, prezzo, allestimenti

Il nuovo crossover a zero emissioni punta molto su tecnologia versatilità e divertimento di guida.

Svelata come anteprima mondiale al Salone di Monaco, la Megane E-Tech Electric è da poco sbarcata nelle concessionarie italiane, nel frattempo siamo volati in Spagna, nella soleggiata Marbella, per provarla in anteprima e scoprire le caratteristiche di questo modello particolarmente importante per il Costruttore della Losanga. Questo perché la Megane E-Tech electric è la vettura a zero emissioni del Costruttore francese a basarsi sull’inedita e tecnologica piattaforma CMF-EV, dedicata esclusivamente alle vetture ricaricabili con energia elettrica. Inoltre questo nuovo SUV accompagna idealmente la Casa del Rombo su un nuovo percorso che porterà il costruttore d’oltralpe a proporre in Europa modelli esclusivamente a batteria a partire dal 2030.

Design esterno

Rispetto all’omonima hatchback con motore termico che tutti conosciamo, proposta anche nella variante station wagon, la Megane E-Tech Electric risulta leggermente più compatta – 421 cm contro 436 – e, trattandosi di un crossover, ovviamente più alta (+6 cm), raggiungendo i 151 cm. La vettura sfoggia un design evoluto, ma che richiama immediatamente l’ultimo linguaggio stilistico Renault, a partire dal frontale dove troviamo la sottile firma luminosa a forma di ”C” dotata di tecnologia LED che si unisce in un unico elemento con il rinnovato simbolo della losanga, che debutta su questo modello.

Nello stesso elemento ottico troviamo il baffo si estende fino alla lama in contrasto che impreziosisce la zona inferiore – dove troviamo anche le prese d’aria – ed è in grado di regalare un tocco di sportività alla vista d’insieme. Questo soprattutto se si osserva la vettura lateralmente, considerando che l’elemento in contrasto ricorda una freccia, rimarcando così la sportività e la dinamicità che descrivono anche la vista laterale. Le portiere sono personalizzate con una vistosa nervatura che lambisce le protezioni di colore scuro personalizzate con incisioni laser. Sopra troviamo un’originale linea di cintura posizionata molto in alto.

Quest’ultima assume una forma decisamente particolare nel montante “C” che si presenta rastremato ed è chiamato a nascondere la maniglia della portiera posteriore. Non manca un tocco d’eleganza offerto dalla cornice cromata che sovrasta le portiere e avvolge il montante precedentemente citato.  Se le maniglie posteriori sono nascoste nei montanti, quelle anteriori sono a filo con le portiere e vengono fuori quando ci si avvicina con le chiavi in tasca (apertura keyless).

Degni di nota i grandi cerchi (da 18 o 20 pollici) che risultano avvolti da pneumatici a basso attrito al rotolamento. Sportività ed eleganza vanno a braccetto anche nella zona posteriore dove ritroviamo all’altezza del diffusore l’elemento color ori a forma di freccia – questa volta di dimensioni ridotte – e i sottili proiettori LED che si estendono lungo tutta la larghezza del portellone posteriore e, come nella zona anteriore, risultano uniti dal logo del Costruttore. Infine troviamo il lunotto posteriore di piccole dimensioni e piuttosto inclinato che risulta praticamente avvolto dall’ampio spoiler di colore nero.

Abitabilità

La Megane Electric vanta un abitacolo molto spazioso e una dinamica di guida divertente (di cui parleremo più avanti): il primo dettaglio è frutto di un passo di ben 270 cm abbinato a sbalzi corti. Tutto questo è stato possibile grazie all’uso della piattaforma modulare CMF-EV che ospita un motore elettrico compatto e una batteria alta solo 11 cm.

Quest’ultima ha permesso di ottenere un baricentro più basso di ben 9 cm rispetto a quello delle Megane termiche. Questo si traduce in una comoda abitabilità per cinque persone adulte, inoltre non manca spazio per i rispettivi bagagli, grazie ad un vano regolare che mette disposizione una capacità di 440 litri con i sedili posteriori in uso. La versatilità dell’elettrica francese passa anche per i numerosi  vani modulabili che sono stati ricavati sotto il bracciolo, in direzione del tunnel centrale, permettendo così di stivare oggetti di tutte le dimensioni che risultano sempre a portata di mano.

Interni e tecnologia

La nuova Megane E-Tech elettrica punto tanto sulla tecnologia, la vettura infatti vanta un abitacolo hi tech caratterizzato da una plancia che avvolge letteralmente il guidatore con due ampli display, inoltre sottolineiamo che questa nuova Megane può contare su sofisticate tecnologie di ultima generazione che fanno il loro debutto per la prima volta su una Renault. Tra queste spicca l’interfaccia OpenR Link (sviluppato in collaborazione con LG), composta da due già citati grandi schermi in grado di offrire numerose funzionalità facilmente fruibili.

Si parte dalla strumentazione 100% digitale che sfrutta uno scherno da 12,3 pollici. Quest’ultimo risulta lambito nella parte sinistra da un display da 12 pollici che si sviluppa in senso verticale e fornisce le informazioni dell’infotainment. L’interfaccia sfrutta il sistema operativo Android Automotive e offre la connettività per smartphone Apple CaPlay e Android Auto. Come se non bastasse, il sistema operativo Android offre Google Maps già installato, di conseguenza non c’è bisogno di collegare il proprio telefono per sfruttare questa funzionalità.

L’interfaccia grafica risulta molto fluida e velocissima, grazie all’uso della piattaforma hardware Snapdragon Automotive Cockpit di Qualcomm. Il display OpenR (prodotto da Continental) sfrutta un vetro temperato che resiste ad ogni tipo di urto, ma anche graffi, inoltre è in grado di garantire una operatività fino a 15 anni. Anche la visibilità offerta risulta eccellente, per merito della presenza un rivestimento antiriflesso, senza dimenticare che regolano la luminosità in base alla luce esterna.

Per intrattenersi durante i viaggi si possono sfruttare le funzionalità dell’impianto hi-fi Harman Kardon da 410 watt e nove canali che garantisce un suono pieno e pulito, degno di una sala concerti. Sotto il display verticale troviamo i pochi tasti fisici presenti: per l’esattezza si tratta di quelli dedicati alla regolazione del clima (di conseguenza facilmente utilizzabili senza sfruttare eventuali sotto menu dell’infotainment, mentre per i comandi più avanzati bisogna utilizzare quest’ultimo).

Vicino troviamo la base per la ricarica wireless per smartphone, dispositivo che però può dare fastidio al ginocchio destro ai guidatori di stazza maggiore. Sempre in questa zona troviamo i comandi del sistema Multi-Sense di ultima generazione che mette a disposizione tre differenti modalità di guida denominate Eco, Comfort e Sport. Tramite queste modalità è possibile regolare la risposta di sterzo e acceleratore, inoltre questi comandi possono essere settati anche tramite l’uso di comandi vocali. Infine il sistema permette di scegliere anche il colore dell’illuminazione d’ambiente LED, disponibili in 48 tinte che cambiano tonalità anche automaticamente a secondo del giorno e della notte.

Attenzione all’ambiente

Per rispettare la sua indole attenta all’ambiente, Renault ha scelto per la Megane elettrica una serie di materiali ecosostenibili che risultano piacevoli alla vista e anche al tatto. Si tratta di materiali riciclati che non hanno nulla da invidiare a quelli “tradizionali” utilizzati dalle auto premium. Sulla versione da noi provata i sedili e la plancia risultano rivestiti in tessuto e ecopelle che risultano piacevoli sia alla vista che al tatto.

Prova su strada

Appena ci siamo messi al volante della nuova Renault Megane abbiamo immediatamente sfatato un mito: nonostante le forme da crossover parliamo di un’auto che risulta davvero piacevole da guidare. Gli ingegneri Della Casa della Losanga hanno fatto un lavoro eccellente, sfruttando il già citato baricentro basso di 9 cm (offerto dalla piattaforma CMF-EV e dalla posizione delle batterie) che risulta esaltato dalle sospensioni posteriori multilink e da uno sterzo particolarmente sensibile e diretto.

Il risultato è una vettura che scivola sulle curve in maniera egregia, offrendo reazioni sempre sincere e ampiamente prevedibili. Nel caso si esageri un tantino con l’esuberanza del propulsore da 220 CV e 300 Nm, sempre pronta a spingere generosamente ad ogni accelerata, intervengono i sistemi elettronici che riportano tutto alla “normalità”. Degno di nota anche la massa che è stata contenuta leggermente al di sopra della soglia dei 1.600 kg, un risultato davvero pregevole. I dati dichiarati parlano di uno scatto da 0 a 100 km/h effettuato in circa 7 secondi, mentre il recupero dell’energia in frenata può essere gestito tramite le palette al volante che permettono di scegliere tra 4 differenti livelli, con quello più potete che permette di guidare con un solo pedale.

Il telaio rigido e le ruote da 215 con cerchi da venti pollici fanno il resto, aiutati dal settaggio sport del sistema Multi-Sense che interviene sull’erogazione della potenza e sulla risposta acceleratore e sterzo. Quest’ultimo merita una lode a parte: la corona piatta nella parte superiore e leggermente anche in quella inferiore vanta un diametro perfetto, inoltre il suo funzionamento (di tipo elettrico) è stato calibrato in maniera sopraffina, ottenendo così un rapporto di demoltiplicazione sceso a 12, cosa che ha permesso di aumentare la precisione e la reattività.

Ovviamente quando si vuole godere del rilassante piacere di guida dell’elettrico basta selezionare il settaggio confort (oppure personalizzare a piacimento le varia funzionalità) e con una leggera pressione del pedale si viaggerà a dir poco ovattati. La visibilità anteriore e laterale e eccellente, un po’ meno quella posteriore a causa del piccolo lunotto e della presenza dei grandi montanti. Un problema che si risolve facilmente grazie allo specchietto posteriore centrale che ha sia l’opzione manuale che digitale, sfruttando le telecamere esterne, senza dimenticare le immagini tramesse sul display centrale durante le fasi di retromarcia e il sistema di telecamere a 360°.

Ricarica elettrica

Per quanto riguarda il delicato argomento relativo ai tempi di ricarica, la Mégane E-Tech Electric mette a disposizione caricatori di bordo in corrente alternata da 22 kW (di serie su tutte le versioni), a cui si aggiunge quello DC da 85 kw della versione EV40 e da 130 kW offerto sulla variante EV60. Quest’ultimo, ovvero il più performante, promette di ottenere ben 300 km di autonomia con soli 30 minuti di ricarica. Come se non bastasse, si può approfittare dell’innovativo ed utilissimo servizio Mobilize Charge Pass che permette di pagare comodamente la ricarica con il proprio smartphone su una lunga lista di colonnine appartenenti ad altrettanti fornitori di energia senza avere l’obbligo di sottoscrivere più abbonamenti.

Gamma, motorizzazioni e prezzi

La gamma della Megane elettrica è semplice e ben strutturata: si parte da due livelli di potenza, rispettivamente da 130 e 220 Cv e due tipi di batterie, ovvero la EV40 da 40 kWh che garantisce un’autonomia di 300 km (ciclo di omologazione Wltp) ed EV60 da 60 kWh per un’autonomia di circa 470 km (Wltp).

La gamma si suddivide in tre differenti allestimenti denominati Equilibre, Techno e Iconic, a cui si aggiungono le versioni Evolution ed Evolution Extend Range studiate appositamente per la clientela business. I prezzi di listino partono da 37.100 euro per le versioni con la batteria più piccola EV40 e da 41.700 per la variante con batteria EV60. Chi desidera può approfittare del finanziamento Valore Futuro Renault che – ad esempio – per la versione Techno EV60 optimum charger prevede un canone mensile a partire da 300 euro.

Ultime notizie su Novità

Tutto su Novità →