Renault: con Software République una nuova alleanza per la mobilità del futuro

L’AD Luca De Meo illustra, insieme ai partner dell’iniziativa (Atos, Dassault Systèmes, STMicroelectronics e Thales) il progetto che punta ad una sostanziale evoluzione del modo di interpretare lo scenario dei trasporti.

La mobilità è in costante evoluzione, e procede di pari passo con lo sviluppo delle tecnologie di digitalizzazione e connettività. Niente di nuovo sotto il sole, viene da pensare: da diverso tempo, i “big player” del comparto automotive promuovono strategie di trasformazione della rispettiva immagine verso un concetto ben più ampio di corporate vision. Non più “semplici” Costruttori, quanto fornitori di servizi in un’accezione sempre più ampia, e che abbraccia sempre più termini-chiave come sostenibilità e “democratizzazione”.

Come sempre più spesso avviene, il raggiungimento di nuovi obiettivi strategici viene perseguito con la creazione di nuove, e sempre più ampie, alleanze con realtà leader nei settori cruciali per il futuro dei sistemi di trasporto completamente connessi, forniti di tecnologie di intelligenza artificiale, provvisti di software proprietari, sicuri da eventuali rischi di attacchi informatici ed animati da modelli “digital twin”, cioè espressioni digitali di realtà fisiche (questo, grazie allo sviluppo dell’Internet of Things, risulta vantaggioso in termini di velocità di esecuzione di idee e progetti). Nasce da qui “Software République”: un nuovo ecosistema rivolto all’innovazione delle tecnologie di smart mobility e creato dall’alleanza fra Renault e quattro società leader a livello internazionale in trasformazione digitale, innovazione sostenibile, tecnologie di microelettronica, connettività, big data, intelligenza artificiale e cybersecurity. Si tratta, nella fattispecie, di Atos, Dassault Systèmes, STMicroelectronics e Thales.

L’unione fa la forza

Insieme, i cinque “colossi” nei rispettivi campi d’azione hanno dato vita al programma “Software République”, svelato in una diretta streaming animata dai propri “numeri uno”: Luca De Meo per Renault, Élie Girard per Atos, Bernard Charlès di Dassault Systèmes, Jean-Marc Chéry di STMicroelectronics e Patrice Caine per Thalesche. Come si accennava in apertura, “Software République” punta ad unire i punti di forza di ciascuna delle società che partecipano al programma per lo sviluppo e la commercializzazione congiunta di sistemi IT e software che vengano messi al servizio di un’offerta di mobilità quanto più ampia possibile ed all’insegna della sostenibilità per il settore pubblico e privato (ovvero regioni, aziende ed imprese e cittadini).

Aperti a nuove partnership

Il progetto illustrato nel primo pomeriggio di venerdì 9 aprile rappresenta, in prima analisi, un “braccio operativo” volto al sostegno dei programmi di avanzata digitalizzazione illustrati da Luca De Meo lo scorso gennaio durante la presentazione del piano Renaulution finalizzato, anche, alla creazione di un “hub” d’eccellenza nell’IT funzionale al supporto delle iniziative della “Marque à Losanges” che puntano su una nuova immagine del Gruppo transalpino come fornitore di servizi di mobilità “a tutto tondo”.

Per questo, uno dei punti fermi di Software République consiste nell’avere un approccio open source verso l’esterno: si intende, cioè, favorire l’attenzione da parte di grandi aziende e PMI, poli universitari e start-up a livello europeo e mondiale ed appartenenti a più settori diversi – dall’energia alle telecomunicazioni alle assicurazioni -, per arricchire il portafoglio di competenze e potenziare i processi integrativi fra software e hardware in ottica di soluzioni up-to-date per la mobilità futura.

De Meo: “Un impegno collettivo e aperto”

L’amministratore delegato di Renault, Luca De Meo, sintetizza così le finalità del programma “Software République”: “Nella nuova catena del valore della mobilità,  i sistemi di intelligenza a bordo dei veicoli ne costituiscono il nuovo motore, dove si concentra gran parte delle ricerche e degli investimenti. Di fronte a questa sfida tecnologica, la nostra scelta è di assumere un approccio collettivo e aperto. Non ci sarà alcun centro di gravità su una singola figura: il valore di ciascuno verrà moltiplicato per gli altri. L’esperienza in cybersecurity, microelettronica, energia e gestione dei dati ci permetterà lo sviluppo di soluzioni uniche e all’avanguardia, a servizio della mobilità a basse emissioni di CO2, condivisa, responsabile ed europea”.

Un ecosistema sostenibile e intelligente

Tra le principali finalità di “Software République”, la creazione e la commercializzazione di sistemi integrati e servizi che siano in grado di migliorare, ottimizzandolo, il traffico urbano e, dunque, garantire al pubblico una serie di soluzioni “new gen” responsabili nei confronti delle emissioni e che siano altresì adattabili alle più varie esigenze. In questo senso, sono state individuate tre principali aree di cooperazione:

  • Sviluppo di sistemi intelligenti che favoriscano la connettività sicura fra il veicolo ed il suo ambiente digitale e fisico;
  • Sistemi di simulazione e gestione di dati per ottimizzare i flussi a vantaggio di aree territoriali e aziende;
  • Un ecosistema energetico che semplifichi le modalità di ricarica, in cui ad esempio l’auto elettrica, collegata ad un terminale compatibile, venga riconosciuta in automatico e l’addebito del costo della ricarica sia fatturato senza alcuna azione da parte dell’utente.

Per promuovere l’innovazione, “Software République” si incaricherà inoltre di creare nuovi investimenti che andranno a beneficio delle start-up più promettenti ed alla realizzazione di un incubatore volto alla realizzazione di un ambiente virtuale, nel quale le giovani realtà che operano nel campo delle nuove tecnologie e della smart mobility potranno progettare, sviluppare e sperimentare le proprie soluzioni.

Mobilità del futuro: un nuovo Eldorado

Del resto, la mobilità di domani – che poggia su tre grandi pilastri: elettrica, connessa ed autonoma – è in procinto di animare un mercato globale dalle potenzialità enormi: un recente studio a cura di Boston Consulting Group ritiene che il valore del mercato mondiale della mobilità è destinato ad aumentare del 60%, entro il 2035, fino a raggiungere una cifra complessiva nell’ordine di 11.000 miliardi di euro.

Anche il quartier generale è eco friendly

In quest’ottica di vocazione alla sostenibilità, la sede di Software République sarà a Gyancourt, presso il Technocentre Renault in un edificio chiamato “Odyssée”: uno spazio moderno ed eco-responsabile di 12.000 metri quadri, realizzato interamente in legno, provvisto di pannelli fotovoltaici a ricoprire i 1.000 metri quadri di tetto del complesso. In termini di paragone rispetto ad un edificio convenzionale, indica Renault, il “taglio” alle emissioni di CO2 è nell’ordine di una tonnellata per metro quadro.

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Ibride/elettriche

Tutto su Ibride/elettriche →