Nuova Alfa Romeo Giulietta: Imparato pensa ad un’erede

Jean-Philippe Imparato vuole competere ad armi pari con Bmw e in una interessante intervista rilasciata alla stampa svela i futuri piani Alfa Romeo.

Nel mirino dell’Alfa Romeo c’è il marchio Bmw, di conseguenza la Casa del Biscione tenterà di contrastare con una gamma totalmente rinnovata ogni modello presente nell’offerta del Costruttore premium tedesco.

Questa affermazione, che ad alcuni potrebbe sembrare piuttosto ardita, arriva direttamente dalla bocca di Jean-Philippe Imparato, CEO del brand Alfa Romeo. Imparato ha avuto l’arduo compito dai vertici del Gruppo Stellantis di risollevare le sorti della Casa di Arese, ormai da troppi anni impegnata in un rilancio che stenta ad arrivare. Il numero uno di Alfa ha rilasciato ad Autonews Europe un’interessante intervista durante la quale il manager francese di origini italiane ha spiegato quali saranno le prossime mosse che la Casa del Biscione effettuerà nel prossimo futuro.

Imparare dal passato per guardare al futuro

Durante la sua intervista, l’ex manager Peugeot ha ammesso che Alfa Romeo ha “abusato” della vendita di troppe auto a km “0” – in particolare Giulia e Stelvio – fondamentalmente per mantenere attive le fabbriche italiane, una scelta che però deve ormai restare un ricordo del passato. Tra gli obiettivi imminenti di Alfa Romeo troviamo il debutto negli Stati Uniti della nuova Tonale entro la fine del 2022.

Il mercato statunitense è considerato fondamentale per il Costruttore italiano, di conseguenza verranno offerti nuovi e appetibili modelli, con configurazioni specifiche per questo mercato. Ad esempio, la Tonale verrà proposta con un motore 2.0 litri turbo benzina – non elettrificato – da 260 CV, abbinato alla trazione integrale. Sottolineiamo che questo powertrain non verrà introdotto invece sul mercato europeo.

Dopo Tonale arriva il turno di Brennero

Come se non bastasse, Alfa Romeo dovrebbe lanciare un nuovo modello ogni anno (o una significativa novità) fino al 2030. Nel 2024 dovrebbe arrivare il turno del nuovo B-SUV Brennero che si posizionerà per prezzo e dimensioni al di sotto della Tonale e vanterà una versione 100% elettrica che motori termici tradizionali. La vettura sarà realizzata su un’evoluzione della piattaforma CMP di PSA, attualmente utilizzata da auto come la Peugeot e208, la Opel e-Corsa e tanti altri modelli.

Il mercato Usa fondamentale per Alfa Romeo

Al contrario, le nuove Giulia e Stelvio dovrebbero sfruttare la piattaforma Stellantis STLA Large che potrà essere abbinata sia alla trazione posteriore che a quella integrale. Imparato ha inoltre dichiarato senza termini che: ”Una presenza stabile in America è fondamentale per il successo generale del marchio. Per raggiungere questo obiettivo, la prossima generazione di Giulia e Stelvio devono soddisfare le aspettative del mercato statunitense per l’infotainment e l’elettrificazione”.

In arrivo una nuova Giulietta?

L’ultima, ma forse più importante notizia diffusa da Imparato riguarda il possibile ritorno dell’Alfa Romeo Giulietta, l’apprezzata hatchback cinque porte che è andata in pensione nel 2020 senza un’erede, nonostante i 10 anni di onorata carriera e gli oltre 480mila esemplari prodotti. A proposito della nuova Giulietta, Imparato ha detto che si sta seriamente ragionando ad un nuovo modello premium che potrà competere ad armi pari con Bmw Serie 1, ma anche Audi A3 e Mercedes Classe A.

Ultime notizie su Anticipazioni

Anticipazioni, bozzetti e foto spia delle auto in arrivo nei prossimi anni

Tutto su Anticipazioni →