Gordon Murray annuncia una nuova piattaforma elettrica

Per lo sviluppo della nuova architettura l’imprenditore sudafricano ha creato una nuova divisione denominata Gordon Murray Electronics.

Gordon Murray ha annunciato la creazione di una nuova divisione della sua azienda volta a sviluppare una nuova piattaforma 100% elettrica che servirà da base per un nuovo crossover compatto e un furgone. L’intenzione dell’ingegnere è sviluppare la tecnologia per concedere in licenza la sua produzione a terzi.

Gordon Murray sembrerebbe più impegnato che mai, visto che oltre allo sviluppo delle varianti del primo modello del marchio che porta il suo nome, è stato recentemente coinvolto anche in progetti come TVR o altri che non sono stati ancora annunciati pubblicamente .

Gordon Murray Electronics

L’ultima grande novità dell’ingegnere sudafricano è stata la creazione di una nuova divisione della sua azienda, Gordon Murray Electronics, finalizzata allo sviluppo di tecnologie e piattaforme per modelli a batteria, per le quali si avvarrà della sua vasta esperienza con iStream.

Telai più leggeri ed economici

Dopo aver lasciato la McLaren nel 2004, Gordon Murray ha sviluppato una nuova tecnologia di produzione che ha permesso di creare telai più leggeri ed economici, utilizzando alluminio e materiali compositi. Tecnologia che ha sviluppato grazie alla sua vasta esperienza in Formula 1 e supercar. Questa tecnologia avrebbe dovuto generare la prima auto sportiva a 4 ruote di Yamaha, ma nel 2019 la società giapponese ha annunciato che stava annullando completamente il progetto automobilistico per concentrarsi sulle altre divisioni.

iStream

Lo scopo di questa nuova divisione di Gordon Murray è sviluppare un’architettura elettrica pura in grado di ospitare senza grandi modifiche due modelli di tipologie così diverse come un crossover e un furgone commerciale, entrambi alimentati esclusivamente da batterie. Questi utilizzeranno la vasta esperienza di Murray con la tecnologia iStream e, secondo le parole dell’ingegnere, saranno posizionati nel segmento B, quindi possiamo pensare a un SUV delle dimensioni della Nissan Juke.

Le intenzioni di Murray non passano attraverso la produzione di questi modelli con il suo marchio, poiché intende sviluppare questa tecnologia solo per concedere in licenza la loro produzione a terzi, come fece a suo tempo con iStream. Per questo verrà sviluppata una serie di prototipi iniziali il cui scopo sarà di fungere da banchi di prova e show-car per mostrare le capacità della sua piattaforma.

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Novità

Tutto su Novità →