Elon Musk apre a petrolio e gas, ma solo a breve termine

Il magnate sudafricano ora spera nelle energie non rinnovabili per salvare la civiltà. E chiede il ritorno del nucleare.

Uno dei grandi obiettivi di Elon Musk è guidare la transizione verso l’uso delle energie rinnovabili. Nel campo della mobilità, lo sta realizzando di pari passo con Tesla. Ma l’interesse della sua azienda non è solo per le auto elettriche, poiché offre anche soluzioni per la casa – pannelli, tetti solari e batterie – e potrebbe persino diventare un fornitore di elettricità al dettaglio. Tuttavia il magnate sudafricano ha fatto notizia dopo aver assicurato che il mondo ha bisogno di continuare a utilizzare energia non rinnovabile. Almeno per ora, insomma, Elon Musk apre a petrolio e gas. 

Elon Musk apre a petrolio e gas per salvare la civiltà

Durante la sua presentazione a una conferenza sull’energia in Norvegia, Elon Musk ha assicurato che per sostenere la civiltà è necessario continuare ad estrarre petrolio e gas; approfittare delle energie non rinnovabili, convinto che sia utile all’avanzamento dello sviluppo delle fonti di energia rinnovabile.

“Realisticamente penso che dobbiamo usare petrolio e gas a breve termine, perché altrimenti la civiltà crollerà. Una delle sfide più grandi che il mondo abbia mai dovuto affrontare è la transizione verso l’energia sostenibile e un’economia sostenibile. Ci vorranno alcuni decenni completare questo passaggio.”

Elon Musk apre a petrolio e gas: misure straordinarie per tempi straordinari

Le dichiarazioni di Elon Musk non hanno tardato a guadagnare spazio tra i titoli dei giornali, come ogni volta che l’imprenditore più ricco al mondo si esprime in pubblico su un tema delicato. Soprattutto quando si tratta di attività legate alle sue iniziative. La sua posizione non dovrebbe però sorprendere troppo. Lo scorso marzo, infatti, poco dopo l’inizio della guerra in Ucraina, Musk aveva chiesto un aumento della produzione di petrolio e gas, al fine di limitare la dipendenza commerciale di molte regioni dalla Russia.

Odio dirlo, ma dobbiamo aumentare immediatamente la produzione di petrolio e gas. Tempi straordinari richiedono misure straordinarie“, aveva postato sul suo account Twitter, tra l’incredulità di molti. Nella sua giustificazione, il CEO di Tesla e SpaceX ha assicurato che le soluzioni di energia sostenibile esistenti non possono ancora sostituire le esportazioni di idrocarburi.

Sì anche al nucleare

Ma la richiesta di Elon Musk non è finita qui. Pochi giorni dopo ha chiesto infatti anche il riavvio delle centrali nucleari europee per contrastare l’interferenza russa nella disponibilità di energia nel continente. “Si spera che ora l’Europa riavvii le centrali nucleari dormienti e aumenti la produzione di energia di quelle esistenti“, aveva pubblicato. E sebbene l’energia nucleare non sia rinnovabile, non emette gas inquinanti nell’atmosfera. Ecco perché potrebbe qualificarsi come una soluzione verde intermedia.

Tornando al suo intervento all’evento norvegese, l’imprenditore ha colto l’occasione per dare la sua opinione sulla realtà energetica del nord Europa. Ha affermato che la produzione di energia eolica nel Mare del Nord, combinata con pacchi batteria stazionari, potrebbe essere una fonte di energia sostenibile cruciale, soprattutto durante l’inverno. Nonostante ciò ha convenuto che la Norvegia continui con l’estrazione di gas e petrolio. “Penso che un’ulteriore esplorazione sia giustificata a questo punto”, ha detto.

Promesse su Tesla e SpaceX

Oltre ai suoi commenti sull’uso delle energie non rinnovabili, Elon Musk ha parlato anche dei prossimi obiettivi delle sue aziende. Il magnate ha assicurato che i suoi sforzi, entro la fine la fine dell’anno, si concentreranno sull’assicurare che l’astronave di SpaceX possa compiere il suo tanto atteso volo orbitale. Quanto a Tesla, ha previsto che il sistema di guida completamente autonomo potrebbe essere definitivamente disponibile – e non solo in versione beta – negli Stati Uniti.

“Le due tecnologie su cui mi sto concentrando, cercando di realizzarle prima della fine dell’anno, stanno portando la nostra astronave in orbita e le auto Tesla ad essere in grado di guidare da sole. L’obiettivo è avere una guida autonoma ampiamente disponibile, almeno negli Stati Uniti Stati e potenzialmente in Europa, in attesa dell’approvazione della normativa”.

Non dimentichiamo che Tesla è stata recentemente oggetto di critiche negli Stati Uniti, dopo aver annunciato un nuovo aumento di prezzo per il pacchetto di guida totalmente autonoma. Secondo Elon Musk, dopo il rilascio della versione beta 10.69.2, il prezzo passerà da 12.000 a 15.000 dollari. Modifica che entrerà in vigore dal prossimo 5 settembre.

Ultime notizie su Auto Elettriche

Tutto su Auto Elettriche →