Audi Q5 Sportback: prima prova del SUV-Coupé

Il nuovo SUV-coupé tedesco affascina per le sue forme sinuose, si dimostra ottimo per viaggi confortervoli e superbo quando si desiderano emozioni forti

La lettera “Q” per Audi identifica una vasta e completa gamma di SUV che spazia dalla piccola Q2 e arriva alla Q8, mentre la parola Sportback, legata a questa lettera dell’alfabeto, specifica che si tratta di modelli a ruote alte che risultano caratterizzati da un aspetto sportivo che strizza l’occhio alle coupé. Ora anche la celebre Q5, ovvero il SUV più venduto della Casa di Ingolstadt, viene declinata in versione Sportback, completando così un’offerta per tutti i gusti e le esigenze.

La nuova Audi Q5 Sportback  sfoggia le forme accattivanti di una coupé, unite alla presenza scenica e alla versatilità un crossover spazioso e tecnologico, il tutto senza rinunciare all’efficienza di una gamma propulsori che punta sull’elettrificazione. Per scoprire e toccare con mano le caratteristiche e le qualità della camaleontica Audi Q5 Sportback siamo andati nelle Langhe piemontesi, terra di antichi sapori e di vini eccellenti che si distingue per le sue strade collinari mozzafiato, ricche di curve che si snodano tra i filari dei vigneti.

Design muscoloso e filante

La nuova Q5 Sportback sfoggia un design muscoloso e nello stesso tempo filante. La zona anteriore è dominata dalla nuova ed aggressiva  mascherina single frame esagonale chiamata a separare la firma luminosa Full LED (optional i proiettori Matrix LED). Più in basso e posizionato alle due stremità del fascione paraurti troviamo l’alloggiamento dei fendinebbia incorniciati da finiture in nero lucido che esaltano la forte presenza su strada. Ampia la collezione di cerchi in lega disponibile con misure fino a 20 pollici.

La fiancata ha una linea di cintura che risulta rastremata verso l’alto nella parte posteriore e si sposa in modo armonico con il terzo montante molto inclinato che strizza appunto l’occhio alle coupé. Un’altra grande novità è il lunotto posteriore molto spiovente letteralmente avvolto da uno spoiler che ha funzioni sia estetiche che aerodinamiche.

Giochi di luci

Specifica per questa versione è il diffusore con finiture orizzontali, impreziosito da una linea cromata che corre lungo tutta l’ampiezza del veicolo. Con l’allestimento S line, disponibile a richiesta, l’aspetto della vettura diventa ancora più sportivo e grintoso. Di sicuro impatto sono i fari posteriori OLED (optional a richiesta), che risultano raggruppati in piccoli segmenti e sono dotati di layout tridimensionale. Questi speciali proiettori permettono di poter comporre diversi “giochi di luci”, grazie alla possibilità di scegliere la loro sequenza quando ci si avvicina o ci si allontana dal veicolo.

Sportiva, ma spaziosa

Lunga 4,69 metri, ovvero 7 millimetri in più rispetto ad Audi Q5, la Sportback è larga di 1,84 metri e vanta un passo di 2,82 metri che permette di ospitare comodamente cinque persone adulte. L’altezza è invece pari 1,66 metri, appena 2 millimetri in meno rispetto ad Audi Q5, quindi lo spazio per la testa dei passeggeri che si siedono dietro non viene assolutamente limitato. Decisamente ampio il vano bagagli che vanta una capacità di carico di 510 litri che possono diventare ben 1.480 litri se si abbatte il divano posteriore (frazionabile 40:20:40). Un tasto specifico posizionato nel bagagliaio abbassa l’assale posteriore di 55 mm in modo da agevolare le operazioni di carico.

Abitacolo sportivo e hi-tech

Entrati nell’abitacolo si viene catapultati nel medesimo ambiente lussuoso e sportivo che avevamo potuto apprezzare poco tempo fa durante la prova della Q5 “normale”. I materiali sono decisamente di livello superiori, la maggior parte delle plastiche sono morbide al tetto, ma anche quelle un po’ più dire sono esenti da critiche e da fastidiosi scricchiolii. Anche gli inserti color argento regalano un aspetto premium, mentre a secondo dell’allestimento e degli optional è possibile avare sedili rivestiti in pelle, misto pelle e sedili sportivi ad alto contenimento. Particolarmente bello è il volante a tre razze, dall’ottima impugnatura e capace di racchiudere la maggior parte dei comandi multimediali.

All’estremità superiore della console centrale troviamo il display da 10 pollici a forma di tablet che permette di sfruttare le numerose funzionalità dell’infotainment MIB 3 di ultima generazione. Il display schermo di tipo “touch”, mentre non trova più posto la precedente manopola sulla console centrale. Dalla nostra esperienza abbiamo potuto apprezzare un impianto multimediali veloce e intuitivo che permette di gestire tantissime funzioni: impianto audio ad alta fedeltà, navigazione satellitare con mappe 3D e informazioni sul traffico in tempo reale e soprattutto la connettività per smartphone, cosa ormai per molti utenti fondamentale, grazie alla compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto.

Per i più “smanettoni” Non manca l’assistente virtuale Alexa che permette di gestire la domotica, non passa in secondo piano nemmeno il sofisticato sistema “Car-to-X” che permette di “dialogare” con altri veicoli o con infrastrutture dotate della medesima tecnologia con l’obiettivo di prevedere eventuali pericoli, come incidenti, ostacoli sulla carreggiata, code improvvise, etc.

La strumentazione 100% digitale si basa su uno schermo da 12,3 pollici che può essere settato nella grafica a seconda dei propri gusti oppure delle esigenze di guida, riportando in modo chiaro e sempre ben visibile qualsiasi informazioni di cui abbiamo bisogno, anche quelle legate alla navigazione. La praticità e il confort offerto da questa vettura passa anche per la presenza prese usb-2 e usb-3, per il potente climatizzatore automatico tri-zona e per la base dedicata alla ricarica wireless dello smartphone.

Come da tradizione, la sicurezza viene messa al primo posto: il merito va ai numerosi dispositivi ADAS, come ad esempio l’Audi pre sense city con frenata automatica d’emergenza (certe volte un po’ invasivo), il cruise control adattivo, il controllo dell’angolo cieco, la chiamata d’emergenza e servizi connessi.

Gamma propulsori

La gamma di propulsori è composta da mild hybrid da 12 e 48 volt, a cui si aggiunge l’ibrido plug-in con due livelli di potenza. Si parte con i diesel 2.0 litri da 161 e 204 CV e i sei cilindri diesel da 286 CV e 341 CV (SQ5). Sul fronte dei benzina troviamo il 2.0 litri (45) TFSI da 265 CV, mentre al vertice della gamma si posiziona la variante ibrida plug-in proposta in due step di potenza: la 50 TFSI da 299 CV e la 55 TFSI e da 367 CV. Entrambe le versioni sono equipaggiate da una batteria da 17,9 kW che permette di percorrere fino a 62 km in modalità zero emissioni. La ricarica della batteria dura appena 2,5 ore se si usa una colonnina rapida da 7,4 kW.

Primo contatto su strada

Nel nostro primo contatto con l’Audi Q5 Sportback abbiamo avuto il piacere di guidare la versione diesel 40 TDI quattro S tronic da 204 CV e 400 Nm di coppia, e anche la plug-in 55 TFSI da quattro S tronic 367 CV. Non nascondiamo che la vera sorpresa è stata proprio quest’ultima versione con tecnologica ibrida ricaricabile che consente di percorrere circa 60 km con una sola carica di energia. Questa variante permette l’accesso alle ZTL delle grandi città, oltre ad offrire numerosi vantaggi, soprattutto fiscali. Tramite l’Audi Drive Select è possibile scegliere la modalità di guida preferita, comprese quella che 100% elettrica, la modalità che predilige il confort e quella che offre più sportività.

Plug-in da 367 CV: sportiva in formato SUV

Scegliendo questa ultima modalità (dynamic), se si devono affrontare curve e saliscendi, tipici delle zone collinari e di montagna, la Q5 Sportback si trasforma da elegante e confortevole SUV in una rabbiosa e divertentissima sportiva di razza.  La spinta e sempre corposa e a tratti brutale, merito della potenza e dell’abbondante coppia già disponibile intorno ai 1,300 giri. Ovviamente le doti del motore vengono coadiuvate da un cambio automatico rapido e privo di incertezze, utilizzabile anche in modalità sequenziale, anche se quella automatica consente di  concentrare tutti i propri sensi sull’uso dello sterzo e ai pedali.

A stupire è inoltre l’handling della vettura nonostante le dimensioni e le masse in gioco. La vettura si dimostra infatti agilissima nei cambi di direzione più veloci. Il merito va all’ottimo telaio e alle sospensioni pneumatiche adattive che permettono di variare l’altezza da terra dell’auto su cinque livelli, con un’escursione massima che arriva a quota 60 mm. Nella guida veloce l’assetto si abbassa di 15 mm ed opera in maniera armonica con il sofisticato sterzo a demoltiplicazione variabile che garantisce una precisione davvero impressionante.

Divertente anche sullo sterrato

Durante un breve, ma divertente percorso sterrato abbiamo invece provveduto ad alzare fino a 45 mm rispetto allo standard, trasformando questo SUV premium in un veicolo da “rally raid”, grazie anche alla presenza della trazione integrale quattro, in grado di gestire la coppia in maniera automatica.

Diesel potente ed elastico

Audi non dimentica chi per lavoro o altri motivi effettua migliaia di chilometri e necessita di una vettura comoda, anche sportiva, ma soprattutto che offre prestazioni elevate e consumi contenuti. Per rispondere a queste esigenze troviamo la Q5 Sportback 40 TDI, anch’essa oggetto di un nostro breve test. La vettura risulta equipaggiata con il nuovo 2.0 litri turbo diesel da 204 CV e 400 Nm di coppia massima, dotato di sistema mild hybrid a 12 V che – secondo i dati dichiarati – promette un risparmio di carburante di 0,3 litri ogni 100 km.

Potenza e coppia vengono gestirti dal cambio automatico S tronic a sette rapporti dotato di paddle al volante che si rileva sempre reattivo e non delude mai anche quando si ricercano le cambiate fulminee. Bisogna precisare che nonostante questa motorizzazione abbia una buona potenza e una generosa coppia, le prestazioni della vettura non sono certo fulminee – considerando anche l’elevata massa in gioco – ma risultano più che sufficienti a regalare una guida sciolta e rilassata che non disdegna accelerazioni decise quando si deve affrontare un sorpasso

Prezzi

La Audi Q5 Sportback viene proposta ad un prezzo di listino che parte da 54.250 euro, relativo alla versione entry-level mild-hybrid, e raggiunge gli 86.000 euro della versione SQ5, mentre la plug-in parte da 62.750 euro.

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Audi

Audi viene fondata nel 1910 e rappresenta un’evoluzione della precedente August Horch Automobilwerke GmbH. August Horch è un ex fabbro e poi ingegnere, fondatore della A. Horch & Cie ed uno [...]

Tutto su Audi →