BMW Serie 2: voci sulla trazione posteriore

Secondo la stampa britannica la prossima Serie 2 Gran Coupé potrebbe conservare la trazione posteriore, nonostante la Serie 1 da cui dovrebbe derivare sia passata all'anteriore.

La prossima BMW Serie 2 Grand Coupé continuerà ad avere la trazione posteriore? E’ quanto ipotizza la rivista britannica Auto Express basandosi su una recente dichiarazione del capo ingegnere della casa bavarese. La nuova Serie 2 è attesa per il 2020, quindi fra pochi mesi, seguendo la berlina compatta a due volumi Serie 1 (svelata alla fine di maggio) a cui è stata finora associata. Ma la prossima Serie 1 sarà a trazione anteriore, basata sulla piattaforma UKL utilizzata anche per la Mini. Allora come è possibile che per la coupé Serie 2 si scelga una soluzione diversa?

 

BMW Serie 2 2020: trazione posteriore?


Auto Express fonda il proprio ragionamento su quanto ha detto Klaus Fröhlich, capo ingegnere della BMW, durante l’evento NextGen del 25 giugno. Rispondendo ad una domanda dei giornalisti sulla prossima i4, egli ha precisato che nascerà dalla piattaforma CLAR, “quella per le nostre auto a trazione posteriore, dalla prossima serie 2 alla X7”. Da qui l’ipotesi che la Serie 2 possa utilizzare un’architettura differente rispetto a quella della Serie 1, interrompendo quindi la stretta parentela strutturale fino ad ora esistita fra i due modelli.

Di conseguenza la nuova Serie 2 Gran Coupé sarebbe molto più vicina alla Serie 3 che non alla serie 1, grazie alle somiglianze nel design e anche al passo allungato. E ci sarebbe la possibilità aggiuntiva di attingere alla scuderia di motori della 3, compreso un sei cilindri per ottenere una prossima M2 ancora più infuocata. Per non parlare di un’ipotetica versione con la trazione integrale xDrive. Tuttavia nulla si sa di preciso al momento, queste sono ancora solo delle ipotesi.

  • shares
  • Mail