Salone di Ginevra 2019: 20 anni di Pagani Zonda

L’edizione 2019 del salone di Ginevra sarà l’occasione per Pagani automobili di celebrare i 20 anni della mitica Zonda. In Svizzera sarà così presente una C12 con numero di telaio 001 completamente restaurata e pronta per essere ammirata dal grande pubblico. Oltre all’iconica super car, Pagani esporrà un esemplare estremamente raro di Huayra roadster con finiture in fibra di carbonio a vista

Sono passati ormai vent’anni quando al salone di Ginevra del 1999, Pagani automobili presentava al mondo la sua prima creazione: la Zonda C12. Un veicolo rivoluzionario con linee futuristiche e alcuni aspetti ripresi più dal mondo dell’aeronautica che dell’automobile, come ad esempio l’abitacolo, più simile a una cabina di pilotaggio.

Sin da subito, Zonda ha saputo attirare attenzioni e riconoscimenti: grazie alle sue inconfondibili forme e alle sue prestazioni le è stato anche assegnato il titolo di prima vera hypercar della storia. La ricchezza di questa vettura è data dai materiali pregiati e raffinati con cui è stata costruita, uno su tutti la fibra di carbonio, e dall’abilità degli artigiani che ne hanno curato ogni aspetto, dalla progettazione all’assemblaggio alle finiture: la Pagani Zonda è come un abito di alta sartoria fatto su misura e curato in ogni minimo particolare, 20 anni fa come oggi.

La C12 poteva inoltre contare su di una solida base meccanica e tecnica, frutto della stretta collaborazione che Horacio Pagani siglò negli anni ’90 con il costruttore tedesco Mercedes-Benz. Proprio dalla Germania arriva il potentissimo motore posto sotto il cofano in carbonio della Zonda: un 6.0 litri V12 da 450 CV progettato dai tecnici di AMG ed in grado di portare l’auto costruita a San Cesario sul Panaro a velocità incompatibili con il codice della strada.

20 anni dopo, in occasione dell’89° edizione del salone di Ginevra, avremo l’opportunità di ammirare una Zonda C12, completamente restaurata per l’occasione, e identificata con il numero di telaio 001, con livrea Puro Silver originale e interni che non hanno subito nessuna modifica, pronta a confermare il mito e il fascino di Pagani nel mondo dell’automobile.

Salone di Ginevra 2019: Pagani Huayra Roadster

Al salone di Ginevra 2019, Pagani non omaggerà solo il passato ma offrirà una dimostrazione di ciò che l’atelier italiano è in grado di realizzare anche nel presente. A far bella mostra di sé alla kermesse svizzera, infatti, un esemplare estremamente raro e unico di Huayra roadster con livrea blu tricolore e fibra di carbonio a vista con finiture in bianco Malta in grado di restituire ancora più dinamismo ed esclusività al veicolo.

Gli interni riprendono la trama bianca e blu della carrozzeria, con sedili in pelle confezionati da abili artigiani e con rifiniture realizzate con materiali pregiati e raffinati e lavorati con estrema cura e attenzione. La Huayra Roadster è, attualmente, l’automobile di produzione del marchio Pagani, che ha chiuso il 2018 con un +35% sul volume totale di vendita proprio grazie a questo veicolo.

Il brand si dimostra così in continua espansione sul mercato globale dell’automobile: “nel 2018 Pagani ha voluto ampliare la propria rete di distribuzione con l’apertura di due nuovi concessionari in Australia e in Germania. Per noi è fondamentale essere vicini ai nostri clienti per poter loro offrire il miglior servizio possibile mantenendo la nostra esclusività in ogni territorio”, ha commentato Horacio Pagani, fondatore dell’omonimo marchio.

 

 

Ultime notizie su Salone di Ginevra

Il salone di Ginevra è una delle tre principali rassegne europee dedicate al settore delle quattro ruote, l’unica a cadenza annuale: le esposizioni di Parigi e Francoforte – il primo ad inizio ottobre, il secondo a metà s [...]

Tutto su Salone di Ginevra →