Spesa per autoveicoli: nel 2018 oltre 195 miliardi, l’11,1% del PIL

Che il settore automobilistico e quello dei trasporti su strada diano un contributo di assoluto rilievo all’economia nazionale è risaputo. L’Osservatorio Promotec ha quantificato in 195 miliardi la spesa destinata agli autoveicoli nel 2018.

195,3 miliardi, un importo apri all’11,1% del PIL nazionale. Questa è la spesa che le famiglie e le imprese italiane sosterranno nel 2018 per l’acquisto e la gestione degli autoveicoli (non solo delle autovetture, ma anche di veicoli commerciali, veicoli industriali e autobus) circolanti. La stima è stata fatta dall’Osservatorio Autopromotec, che ipotizza un aumento del 3,3% rispetto alla stessa spesa relativa al 2017, quando ammontava a 189 miliardi.

Al primo posto tra le voci di spesa c’è quella relativa ai carburanti, che nel 2018 ha pesato per ben 60,7 miliardi di euro e corrisponde al 31,1% del totale delle spese destinate agli autoveicoli. Rispetto al 2017 c’è da registrare un aumento dell’ 8,3%, dovuto soprattutto ai rincari dei prezzi di benzina e gasolio, in parte minore all’aumento dei consumi.

Spesa per autoveicoli 2018

La spesa per l’acquisto di autoveicoli si piazza la secondo posto ed è pari a 50,3 miliardi, contro i 50,2 del 2017. Un aumento lievissimo, pari allo 0,2%. La terza voce di spesa è quella destinata alla manutenzione degli autoveicoli, che assorbe circa un quinto della spesa totale: 39,3 miliardi nel 2018 contro i 38,4 del 2017. L’incremento delle spese di manutenzione è dovuta sia all’aumento del parco circolante (stimato dall’Osservatorio Autopromotec dell’ 1,3%) sia alla crescita dei prezzi per la manutenzione e la riparazione (+1,3%).

Al quarto posto la spesa per le assicurazioni RCA, incendio, furto e accessorie nel 2018 si attesta a 17,7 miliardi, una cifra rilevante che rispetto al 2017 è aumentata di poco: lo 0,3% in più. I pedaggi autostradali – che rappresentano la quinta tra le voci di spesa per gli autoveicoli – pesano per 8,3 miliardi sulle tasche di famiglie ed aziende, con una crescita rispetto al 2017 del 3,4%. Tra i motivi dell’incremento c’è l’aumento del traffico sulle tratte a pagamento e, in misura minore, gli adegamenti tariffari.

Seguono i ricoveri e i parcheggi, a cui vanno circa 8 miliardi con un incremento dell’1,1% sul 2017, e le tasse automobilistiche che hanno dato al sistema un gettito di 6,9 miliardi (+1,2% sul 2017). In chiusura di graduatoria troviamo i pneumatici (4,1 miliardi, +2,5% sul 2017).

Lo studio dell’Osservatorio Autopromotec non tiene conto di altre spese come le multe e i interessi pagati per i finanziamenti dedicati all’acquisto degli autoveicoli. Nonostante la mancanza di queste due voci, quello che emerge con grande chiarezza è quanto il settore automobilistico e dei trasporti su strada dia un contributo di assoluto rilievo all’economia nazionale, quantificato per il 2018, come si diceva in apertura, per l’11,10% del PIL.

 

Ultime notizie su Dati vendita automobili

Sono lontanissimi gli anni in cui nel nostro paese si immatricolavano quasi 2.5 milioni di automobili nuove. Era un periodo di benessere, di tranquillità economica, durante il quale nessuno prestava troppa attenzione ad un settore che da lì a [...]

Tutto su Dati vendita automobili →