FIA GT Macau: l'incidente si trasforma in un maxi tamponamento!

16 vetture coinvolte dopo la toccata a muro di Juncadella alla curva Police. Un vero e proprio ingorgo

Che il circuito di Macao sia praticamente unico per le sue caratteristiche è un qualcosa di assodato. Immaginatevi un tracciato come quello di Montecarlo ma decisamente più veloce in alcuni tratti, più sinuoso in molti suoi tratti e più "inerpicato" tra palazzi e grattacieli. Più che un circuito assomiglia ad un budello in alcuni tratti, una pista da bob su cui sfiorare i muretti.

Simbiotico e simbolico in alcuni sui tratti, ha ovviamente tra le sue controindicazioni la pericolosità ma anche la sua larghezza...relativa. Ne sa qualcosa il gruppo di vetture protagoniste della Fia GT World Cup. Al primo giro della qualifing race, Daniel Juncadella è finito a muro alla curva Police.

Gara conclusa per lui certo, ma anche per praticamente tutte le auto che sopraggiungevano. Macau infatti è talmente particolare come circuito che si corre il più delle volte "a memoria". Non si ha visibilità di cosa possa accadere più avanti, dunque l'incidente ha comportato ad un maxi tamponamento con sedici vetture coinvolte.

As they say, you never know what's around the corner .. Glad everyone's OK after this one, me included. #macaugp #fiagtworldcup #lap1

Posted by Mirko Bortolotti Official on Saturday, November 18, 2017

Di queste sedici, solo otto hanno potuto poi riprendere la corsa. Fortunatamente nessun pilota coinvolto è rimasto ferito. Per la cronaca, la qualifing race si è poi conclusa al sabato e ha dato il via alla gara di domenica che ha visto trionfare il nostro Edoardo Mortara sulla propria Mercedes AMG GT-R davanti ad uno scatenato Robin Frijns.

gt-fia-macau-incidente.jpg

  • shares
  • Mail