Top Gear: Chris Evans abbandona

Confermati gli altri conduttori, a partire da Matt LeBlanc, il cui rapporto con Evans era arrivato ai ferri corti

Chris Evans insieme a The Stig
Tanto tuonò che alla fine piovve. Chris Evans lascia la conduzione di Top Gear, in quella che doveva essere la stagione della rinascita, del nuovo corso, del rilancio senza il trio terribile, e che invece proprio con il conduttore color "pel di carota" famosissimo nel Regno Unito, ha subito una battuta d'arresto prevedibile nel risultato sì, ma non con tali numeri. Già, perchè i dati di ascolto e, sopratutto, di critica, hanno bocciato la nuova conduzione di Top Gear, aizzando i propri indici proprio nei confronti di Evans, mentre LeBalc, Reid, Harris hanno ricevuto delle critiche più favorevoli.

Come detto quindi, non si tratta di un fulmine a ciel sereno, e le avvisaglie c'erano state sia per le schermaglie - vere o presunte - tra lo stesso LeBlanc (il Joy di friends, grande appassionato di auto e Formula Uno) e Evans.

Oggi dunque arriva il tweet ufficiale del commentatore: "mi fermo con Top Gear. Ho fatto del mio meglio ma talvolta non è abbastanza. Sento che il farmi da parte sia la cosa migliore per essere d'aiuto alla causa". Come a dire, faccio questo atto di magnanimità, mi faccio da parte io. Ecco, è probabilmente proprio questo l'atteggiamento che il pubblico ha contestato a Evans: sagace, sfrontato, leggermente altezzoso. Un piccolo Jeremy Clarkson (nelle intenzioni degli autori) a cui però mancava la verve e sopratutto il carisma e l'autorevolezza di chi vive di auto, ne sa fino in fondo, e le ama visceralmente. Ma sopratutto, di chi ne riesce a parlare con referenzialità. Non è un caso che le puntate meno criticate dal pubblico, siano state quelle in cui Reid e Harris hanno avuto maggior spazio per le prove. Il tutto, al netto dei già citati litigi che avrebbero portato LeBlanc al classico "out out".

Che Evans, il cui contratto valeva fino al 2018, non mancherà evidentemente all'emittente che, attraverso le parole di Mark Linsey, direttore degli studi BBC, si è cosi espressa: "Le dimissioni di Chris sono una sua volontà. Ci ha detto che questa è la cosa migliore per lo spettacolo. Crede fermamente che lo spettacolo rimarrà nelle migliori mani, sia per quanto concerne i presentatori che la produzione." Nel suo sito, Top Gear ha aggiunto una postilla: "Tutti a TopGear.com augurano a Chris tutto il meglio per il futuro". Insomma, parole di commiato. Come nei migliori divorzi.


  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: