Salone di Francoforte 2013: Rolls Royce Phantom Celestial

Il cielo stellato non è nemmeno optional! Gli acquirenti della Rolls Royce Phantom Celestial possono infatti contare sullo Starlight Headliner, che riproduce il cielo della notte in cui la Phantom andò in vendita.

Dieci anni di Rolls Royce Phantom. Ecco l'esemplare celebrativo

Era il 1 gennaio 2003 quando Rolls Royce consegnò la prima Phantom. Il marchio inglese ha ricordato tale avvenimento ed introdotto per l’occasione una serie speciale di notevole levatura, denominata Phantom Celestial e realizzata in esemplare unico. La berlina è qui proposta in versione LWB e si caratterizza per la disponibilità di pelle Dusk e finiture di color ghiaccio, abbinamento con il quale l’azienda inglese vuole riprodurre un cielo stellato. A tale elemento rimanda anche il pannello posteriore: si chiama Starlight Headliner ed adotta 1.000 fibre ottiche, disposte per ricordare il cielo nella notte del 1 gennaio 2003. L’autenticità dell’opera è garantita dal South Downs Planetarium.

L’elaborazione è poi completata da specifici cerchi in lega, da alcune finiture inedite e dal set per i pic nic, cui si abbinano porcellane Nymphenburg ed un orologio con incastonati quattro diamanti. Nessuna modifica al V12 6.7 da 460 CV e 720 Nm. Restituisce uno 0-100 km/h in 5.9 secondi ed allunga finché la berlina non raggiunge i 240 km/h, consumando 16 litri di benzina ogni 100 chilometri. La trasmissione è automatica ad 8 marce, novità introdotta dalla versione Series II. Quest’ultima adotta inoltre nuovo e più moderno sistema di navigazione satellitare con visualizzazione tridimensionale delle mappe, una maggior offerta di POI e la possibilità di impostare la navigazione intermedia.

In plancia viene poi collocato un display da 8.8 pollici che si interfaccia con le telecamere di parcheggio anteriori, laterali e posteriori e viene comandato da 8 pulsanti, disposti su un’apposita plancetta.

Dieci anni di Rolls Royce Phantom. Ecco l'esemplare celebrativo
Dieci anni di Rolls Royce Phantom. Ecco l'esemplare celebrativo

  • shares
  • Mail