Volkswagen: arriva la dura sentenza per il Dieselgate

Volkswagen sarà costretta a risarcire i suoi clienti dopo l'ultima sentenza emanata dalla Corte Federale di Cassazione tedesca. Una sentenza che rappresenta a tutti gli effetti un precedente unico

La Corte federale di Cassazione tedesca, nell'ambito del processo sul Dieselgate, è arrivata a pronunciare una dura sentenza nei confronti di Volkswagen. Il colosso dell'industria automobilistica di Wolfsburg sarà costretta a risarcire i suoi clienti. Così è stato deciso, e si tratta sicuramente di un duro esito del processo, che avrà delle conseguenze sull'equilibrio dell'economia di VW. L'importo da pagare agli automobilisti tedeschi che vogliono indietro i soldi dipenderà dal chilometraggio dell'auto, ha detto la Corte. La quantificazione dei danni sarà quindi variabile, e da decidere caso per caso, ma rappresenta senz'altro un grattacapo notevole per Volkswagen.

Sentenza che rappresenta un precedente


Con la sentenza attuale, si realizza un precedente importante per un grandissimo numero di persone, si parla nell'ordine delle migliaia, che hanno acquistato veicoli dotati di dispositivi in grado di imbrogliare sui test delle emissioni, uno scandalo che dal settembre 2015 ha sconvolto la Volkswagen e l'industria automobilistica in generale. Il tutto era partito da una denuncia di un pensionato della Renania Palatinato che nel 2014 aveva comprato una Volkswagen Sharan usata per 31.500 euro e dotata di un motore diesel EA 189, quello incriminato. La casa di Wolfsburg ammise  di aver installato il software su ben 11 milioni di vetture. Il denunciante, allora, aveva chiesto di restituire alla Volkswagen la sua vettura e di riavere in cambio il corrispettivo del prezzo d'acquisto. Il tribunale di Coblenza nel giugno 2019 gli aveva concesso 26 mila euro per “danneggiamento intenzionale”, sottraendo dalla cifra complessiva l’ipotetico deprezzamento legato all'uso della vettura. Ambedue le parti in causa avevano presentato ricorso in Cassazione. Questo è il risultato di questa vicenda.

  • shares
  • Mail