Renault 16: la prima "Auto da Vivere" della Losanga

55 anni di vita per la storica Renault 16, l'ammiraglia della Losanga col portellone posteriore che debuttò al Salone di Ginevra del 1965


Esattamente 55 anni fa, al Salone di Ginevra del 1965 fu presentata la Renault 16, definita dalla stessa Losanga come la prima "Auto da Vivere". Tra le caratteristiche principali della vettura figuravano la versatilità d'uso, il design originale e lo stile anticonformista della carrozzeria a cinque porte, la modularità interna, l'immagine di classe superiore, la grande accessibilità e l'abitacolo spazioso. Il volume del bagagliaio, invece, variava dai 346 litri di capacità minima in configurazione standard ai 1.200 litri di capienza massima nella modalità a pieno carico.

La Renault 16 fu subito accolta calorosamente dal mercato internazionale, tanto da essere eletta Auto dell'Anno 1966. Al Salone di Ginevra del 1968, invece, fu svelata la versione TS - acronimo di Tourisme Sportif - con la dotazione di serie completa di: bracciolo centrale anteriore, tergicristalli a doppia velocità, specchietto retrovisore interno fotocromatico, lunotto posteriore riscaldabile e fari supplementari allo iodio. Nel 1969, la Renault 16 TS fu dotata anche di vetri anteriori a comando elettrico e luci di retromarcia, mentre la lista degli optional fu ampliata al tettuccio apribile elettrico, nonché agli interni in pelle.

Quasi due milioni di esemplari


Nonostante il debutto della sostituta Renault 20 nel 1976, l'assemblaggio della Renault 16 presso l'impianto francese di Sandouville è terminato solo nel mese di gennaio del 1980. Complessivamente, quest'auto è stata prodotta esattamente in 1.845.956 esemplari, di cui circa la metà destinati all'esportazione e compreso il mercato statunitense.

  • shares
  • Mail