Mazda CX-60 e-PHEV: dimensioni, interni, motore ibrido plug-in, prezzi

In Italia la nuova ammiraglia a ruote alte di Hiroshima parte da 49.950 euro.

Alcuni mesi fa Mazda aveva annunciato che nella sua gamma europea avrebbe posizionato presto due modelli di SUV al di sopra della CX-30. Questa offensiva è ora in corso con la comparsa della CX-60 e-Skyactiv PHEV, un modello di grande importanza per il marchio giapponese visto che introduce la prima tecnologia ibrida plug-in del marchio di Hiroshima, che sarà poi applicata ad altri modelli commercializzati in Europa.

Mazda CX-60: dimensioni e design

E tutto indica che il produttore giapponese ha fatto uno sforzo particolare per sviluppare questa CX-60, un SUV lungo 4,74 metri per 1,89 di larghezza e 1,68 di altezza, dotato di un bagagliaio da 570 litri.

Designer e ingegneri hanno cercato di fare in modo che questo nuovo SUV incorpori tutta la genetica accumulata dal marchio in un secolo, sia per il design degli esterni che degli interni, per la qualità delle finiture, delle tecnologie avanzate e dei motori di ultima generazione. Nell’abitacolo è inoltre presente la tradizione giapponese, con il legno d’acero abbinato a pelle nappa, tessuti molto raffinati, dettagli cromati e una plancia con cuciture finemente elaborate.

Inoltre Mazda si è impegnata a perfezionare l’esperienza di guida adattandola alle esigenze specifiche di ogni guidatore. Pertanto il nuovo sistema di personalizzazione della Mazda CX-60 riconosce l’utente e regola automaticamente l’ambiente in base alle sue caratteristiche fisiche e preferenze personali: posizione del sedile, volante, specchietti o Head-up Display e persino la configurazione della diffusione sonora e dell’aria condizionata.

La Mazda più potente di sempre

Ma, come dicevamo, un ruolo speciale su questo nuovo grande SUV corrisponde alla meccanica e-Skyactiv PHEV, che abbina un motore benzina 2.5 Skyactiv-G quattro cilindri a iniezione diretta con un motore elettrico da 100 kW (136 CV), una batteria da 17,8 kWh (355 V) e un cambio automatico a otto rapporti di nuova concezione. La potenza complessiva è di 327 CV (241 kW) e la coppia massima 500 Nm, rendendo questa nuova ibrida plug-in la Mazda di serie più potente della storia, che si traduce in prestazioni eccellenti come i 5,8 secondi necessari per raggiungere i 100 km/h da ferma.

Per quanto riguarda i consumi, il ciclo WLTP omologa 1,5 l/100 km, mentre le emissioni medie di CO2 sono di 33 g/ km. E la Mazda CX-60 e-Skyactiv PHEV offre anche un’autonomia elettrica di 63 chilometri, mentre il veicolo viaggia a meno di 100 km/h. La batteria si ricarica completamente in quattro ore utilizzando un normale caricabatteria AC, compatibile con la rete elettrica da 220-240 V.

Mazda CX-60: telaio all’altezza

Gli  ingegneri hanno prestato molta attenzione al telaio che deve soddisfare le esigenze di una meccanica potente, in modo da garantire il miglior comportamento dinamico. Per questo è stata ottimizzata la rigidità ed è stata curata la messa a punto delle sospensioni, supportata da un sistema di controllo aggiuntivo per l’aplomb esclusivo di Mazda: il KPC (Kinematic Posture Control).

Inoltre la batteria ad alto voltaggio è stata posizionata tra i due assi e il più in basso possibile, in modo che anche il baricentro sia particolarmente basso. E la ciliegina sulla torta è il sistema di trazione integrale permanente con trasferimento di coppia tra gli assi, che secondo Mazda darà alla CX-60 un handling degno delle due rivali premium. Mazda ha annunciato anche altre versioni per la gamma di questo nuovo SUV, con motori a benzina e diesel a sei cilindri (un 3.0 Litri nel primo caso e un 3.3 Litri nel secondo) dotati di ibridazione leggera a 48 volt e con trazione esclusivamente posteriore.

L’equipaggiamento della Mazda CX-60

D’altra parte, e per consolidare la sua posizione di nuova ammiraglia del marchio, il nuovo SUV giapponese mette in campo un gran numero di tecnologie di sicurezza i-Activsense, con novità come il monitor con visione a 360 gradi (See-Through View) per migliorare la visibilità del veicolo durante il traffico a bassa velocità, l’Intersection Assist (TAP), il Rear Pedestrian Detection (SBS-R), l’Emergency Lane Keeping (ELK), l’Intelligent Speed ​​Assist (i-ACC) o la funzione di aiuto quando si lascia l’abitacolo (Avviso di uscita del veicolo BSM).

Prezzi e allestimenti della Mazda CX-60

Quanto riguarda prezzi della Mazda CX-60 in Italia partirà da 49.950 euro per la versione con l’equipaggiamento Prime-Line, che comprende il climatizzatore automatico bizona, un sistema multimediale con schermo da 12,3 pollici, compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto e Fari integrali a LED.

Più in alto nella gamma troviamo la Exclusive-Line a 51.950 euro, la Homura con un prezzo di 54.350 euro, mentre la top di gamma è la CX-60 2.5 PHEV AWD Takumi, con un prezzo di 55.850 euro e che comprende di serie, ad esempio, i cerchi da 20 pollici con un design specifico, inserti in legno naturale all’interno, rivestimento in nappa bianca e vetri oscurati.

Ultime notizie su Ibride/elettriche

Tutto su Ibride/elettriche →