Auto elettriche: in arrivo nuove batterie da 1000 km di autonomia

L’azienda che fornisce batterie a Nissan studia nuovi layout di accumulo, in grado di aumentare efficienza e percorrenza del veicolo, e prevede di espandersi anche in Europa.

Il “colosso” Envision AESC, che fornisce batterie a Nissan, si prepara a realizzare gruppi di accumulatori in grado di assicurare 1.000 km di autonomia con una singola ricarica: secondo alcune fonti stampa, l’esordio sul mercato è previsto per il 2024.

Ricariche più veloci, e maggiore percorrenza

La principale novità tecnologica, spiegano i tecnici Envision, consiste nel realizzare layout di celle ancora più vicine fra loro, in modo da raddoppiarne il numero: in questo modo, le dimensioni esterne del “pacco” di accumulatori – dunque lo spazio fisico inserito nel pianale del veicolo – resterebbero invariate, a fronte di un aumento dell’efficienza.

L’obiettivo, in questo senso, è di velocizzare ulteriormente i tempi di ricarica di un 30% e garantire un “pieno” di energia in circa venti minuti. Con il nuovo sistema di stoccaggio, aumenterebbe anche l’autonomia del veicolo con una ricarica.

Una news pubblicata da Nikkei Asia riferisce che fra i programmi Envision c’è la realizzazione di un nuovo impianto per la produzione di batterie: lo stabilimento sorgerà nella prefettura di Ibaraki (località vicino a Tokyo). Il complesso sarà alimentato esclusivamente a energia solare, e sarà carbon neutral.

Fra i programmi strategici, anche le batterie solid state

Envision, settimo “big player” mondiale per volumi di fornitura di sistemi di accumulo nel 2020, è di proprietà della holding cinese Envision Group per l’80% e di Nissan per il restante 20%. Attualmente, circa il 90% della produzione di batterie Envision viene utilizzato da Nissan (che fra l’altro si prepara a portare al debutto la nuova edizione-restyling 2022 della “compact” elettrica Leaf: le ordinazioni in Italia si apriranno ad aprile, i prezzi partono da 32.200 euro, con 2.700 euro di sconto-Casa).

L’amministratore delegato Shoichi Matsumoto ha annunciato ai taccuini Nikkei Asia che fra i programmi strategici dell’azienda c’è l’ampliamento dei contratti di fornitura con altre Case costruttrici giapponesi, cinesi ed europee: si prevede che le ulteriori partnership potranno arrivare ad incidere per circa il 50% delle proprie transazioni entro il 2025.

Oltre allo sviluppo delle batterie agli ioni di litio, Envision EASC intende aprire – entro la fine del decennio – nuovi impianti in Giappone, Cina, USA, Francia e Regno Unito per la produzione di batterie allo stato solido.

Ultime notizie su Ibride/elettriche

Tutto su Ibride/elettriche →