Le regole e i veicoli permessi

Avete la patente B, e adesso la domanda: “cosa posso guidare”? Ecco le regole da seguire per capire quali sono i veicoli permessi che potrete condurre.

Cosa posso guidare con la patente B? Non tutti sanno che la patente più diffusa consente di guidare non soltanto le classiche autovetture, ma anche alcuni mezzi di lavoro e altri veicoli permessi per altri classi di patenti di guida, sebbene con alcune limitazioni. Ecco quindi tutti i veicoli per i quali possiamo metterci alla guida senza dover sostenere un altro esame.

Cosa si può guidare con la patente B

Nel 2013 il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha diversificato le tipologie di patente per adeguarsi al diritto comunitario europeo, introducendo ben 15 categorie di patenti. Ora non esistono più soltanto le patenti A, B, etc, ma esistono anche la B1, la C1, la C1E, la D1, etc.

La patente B consente di guidare le autovetture con un massimo di 9 posti e una massa massima autorizzata di 3,5 t, ma anche veicoli con motrice di categoria B e:

  • rimorchio fino a 750 kg;
  • rimorchio superiore a 750 kg, purché la massa massima con la motrice sia inferiore a 3,5 t;
  • rimorchio superiore a 750 kg, ma con peso complessivo superiore a 3,5 t, ma sotto i 4,25 t. In questo caso specifico occorre fare una prova pratica di guida, al termine della quale verrà apposto sulla patente il codice 96.

Con la patente B è possibile anche guidare:

  • macchine agricole, anche eccezionali;
  • macchine operatrici, ma questa volta non quelle eccezionali;
  • mezzi adibiti a servizio di emergenza, ma solo con massa fino a 3,5 t.

I veicoli di altre patenti che si possono guidare con la patente B

Al conseguimento della patente B è possibile guidare anche altri veicoli per i quali è concessa l’abilitazione con patenti di categoria inferiore. Bisogna fare una distinzione, perché non tutte le concessioni valgono sia per l’Italia che per l’Europa. In particolare:

  • in Europa si possono guidare tutti i veicoli previsti per la patente AM e B1, ovvero i ciclomotori a 2 o 3 ruote e i quadricicli leggeri con cilindrata sotto i 50 cm3 e potenza inferiore a 4 kW, velocità sotto i 45 km/h per la patente AM e i quadricicli diversi da quelli leggeri, con massa a vuoto sotto i 400 kg o 550 kg se per trasporto cose, e con potenza sotto i 15 kW, per la patente B1;
  • solo in Italia si possono guidare i veicoli per la patente A1, ovvero i motocicli di cilindrata minore o uguale a 125 cm3, sotto i 11 kW e rapporto potenza/massa minore o uguale a 0,10 kW/kg, e dopo aver compiuto i 21 anni anche i tricicli di potenza superiore a 15 kW.

Nel caso in cui siate neopatentati ricordatevi che per il primo anno ci sono specifiche limitazioni su quali automobili poter guidare, dovendo rispettare lo specifico rapporto potenza/peso di 55 kw/t.

Ultime notizie su Sicurezza

Sicurezza

Tutto su Sicurezza →