Al salone di Detroit viene lanciata la Buick Cascada

La cabriolet parla con accento statunitense e veste i colori del marchio Buick, che le riserva il motore più potente a disposizione per la sorella Cascada: è il 1.6 turbo da 202 CV.

Buick lancia una vettura cabriolet 25 anni dopo l’ultimo modello. E’ la Cascada, presente in forma definitiva al salone di Detroit (12-25 gennaio) e risultato dell’unione fra l’azienda statunitense ed Opel: i due marchi – entrambi parte del gruppo General Motors – vendono su mercati differenti le stesse automobili e dal 2013 hanno in vigore una collaborazione più stretta, nell’ambito di un progetto che riguarda anche la fabbrica tedesca di Ruesseslheim.

La Buick Encore ad esempio è la nostra Opel Mokka, mentre l’Insignia si trasforma nella Regal – c’è anche la versione sportiva, denominata GS anziché OPC. La Cascada mantiene il nome della vettura a marchio Opel e viene offerta con il solo 1.6 benzina, turbo, da 202 CV e 300 Nm, abbinato ad un cambio automatico a 6 marce. La cabriolet prevede sospensioni MacPherson sull’asse anteriore ed in coda è stato scelto un parallelogramma di Watt, che mantiene l’auto più bilanciata quando si affronta una curva e ruba meno spazio (e chili) di una tradizionale sospensione a ruote indipendenti.

Per questo motivo il vano bagagli rimane ampio a sufficienza per ospitare 380 litri, valore che scende di 100 unità quando la capote è ripiegata. Il divanetto è ripiegabile in maniera elettrica. I cerchi in lega misurano 20 pollici, mentre il sistema di sterzo è del tipo elettrico. La Buick Cascada monta una capote ripiegabile elettricamente, in tessuto, a cui bastano 17 secondi per aprirsi e 30 secondi per chiudersi. Il tutto fino alla velocità di 50 km/h. Le differenze rispetto alla versione Opel sono di natura puramente estetica, e riguardano i loghi ed alcuni particolari secondari. Sarà in vendita da inizio 2016.



  • shares
  • Mail