Ferrari: la Daytona 365 GTB/4 è anche shooting brake

La vettura venne affidata ad una carrozzeria inglese e risponde alla sete di Luigi Chinetti Jr, figlio del primo importatore Ferrari oltreoceano, che diede origine anche un progetto su base 330 GTC 2+2.

Ferrari Daytona 365 GTB/4 shooting brake

Luigi Chinetti Jr fu il committente dell’unica Ferrari Daytona con impostazione da shooting brake, realizzata da un carrozziere inglese e che l’attuale proprietario definisce scherzando “la prima Ferrari costruita nel Regno Unito”. La vettura risale al 1972 e fu sviluppata da Panther Westwinds, azienda con sede a Weybridge e divenuta celebre per la sportiva a sei ruote Panther Six, prodotta solo in 2 esemplari e spinta da un motore V8 biturbo con cilindrata di oltre 8 litri.

L'ULTIMO PROGETTO SPECIALE REALIZZATO DA FERRARI? E' LA F12 TRS

La paternità del disegno originario va tuttavia attribuita all’architetto statunitense Gene Garfinkle, che recepì le direttive di Chinetti ed immaginò una vettura che fosse ideale per lo shopping: il tetto si allunga fino al posteriore e dà origine ad un vano di carico ampio e rialzato, a cui si accede sollevando i due moduli in vetro laterali. Garfinkle si ispirò al prototipo della Cadillac Eldorado 2+2 e rispetto alla 365 GTB/4 Daytona modificò anche parte della sezione anteriore, ricavando un becco decisamente puntuto ed installando una sorta di cornice arancione.

La meccanica è invece tradizionale, non sottoposta ad alcuna miglioria. E’ quindi previsto il motore V12 da 4.9 litri, a carter secco, che sviluppa 352 CV e garantisce una velocità massima di 280 km/h. Chinetti Jr diede i natali alla shooting brake su base 365 GTB/4 e ad un esemplare su base Ferrari 330 GTC 2+2, affidato questa volta a Vignale.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: