Opel Astra OPC EXTREME

La personalizzazione EXTREME trasforma una 'banale' Opel Astra OPC in arma da pista. I tecnici del fulmine hanno ad esempio utilizzato numerosi componenti in fibra di carbonio e potenziato il motore fino a 300 CV.

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:74:"Opel Astra OPC EXTREME: prima immagine della vettura su base Astra OPC Cup";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:2323:"

L’Opel Astra OPC EXTREME debutta al salone di Ginevra (4-16 marzo) e si configura quale Astra più potente e veloce di sempre, risultato ottenuto per mezzo di uno studio tecnico portato all’estremo. Gli ingegneri del fulmine non hanno solo potenziato il motore 2.0, ma si sono concentrati in particolar modo sul contenimento dei pesi: l’Astra OPC EXTREME pesa 100 chili meno della OPC a listino – per cui l’ago della bilancia si ferma a 1.550 chili – e vanta un rapporto peso/potenza di poco inferiore a 5 kg/CV. Questo valore è stato ottenuto mediante un ampio ricorso alla fibra di carbonio.

CLICCA QUI PER LA GALLERY COMPLETA DELLA OPC EXTREME

Di tale materiale sono l’estrattore e lo spoiler posteriore, il cofano motore, il tetto, il pannello a copertura del motore stesso ed alcuni elementi delle sospensioni. In fibra di carbonio sono anche i cerchi in lega, di ben 20 chili più leggeri rispetto ai componenti (in alluminio) previsti dalla Opel Astra OPC e strumento utile per diminuire le masse non sospese. Funzionale a tale scopo è anche il tetto (-7.6 chili), mentre gli archi passaruota muovono l’ago della bilancia fino ad 800 grammi. L’abitacolo è invece oggetto di interventi più marginali.

Opel ha infatti installato ‘solo’ un roll bar, i sedili Recaro di taglio sportivo e cinture di sicurezza a se punti, mentre il volante è rivestito in Alcantara. i cerchi in lega misurano 19 pollici, calzano pneumatici 245/35 e nascondono dischi freno di marca Brembo, ampi 370 mm ed abbinati a pinze a 6 pistonicini. Il quattro cilindri turbo da 2 litri sale invece a 300 CV (+20 CV). Le prestazioni restano al momento sconosciute. Il marchio tedesco ha invece confermato che la vettura sarà prodotta in serie limitata.

Per gli appassionati di Opel OPC, qui la GALLERY DELLA PROVA OPEL ASTRA OPC DA 280CV!

";i:2;s:1717:"

Opel Astra OPC EXTREME: prima immagine del prototipo atteso al salone di Ginevra

Opel Astra OPC EXTREME

L’Opel Astra OPC EXTREME verrà introdotta al salone di Ginevra (4-16 marzo) e mantiene la stessa formula della progenitrice, risalente al 2001 e basata sulla vettura allora impegnata nel campionato DTM. La EXTREME trae invece origine dalla Astra OPC Cup. Quest’ultima è realizzata in ossequio alle specifiche del campionato Nürburgring Endurance Championship (VLN), adotta quindi numerosi particolari in fibra di carbonio ed il suo motore è un quattro cilindri sovralimentato. L’Astra OPC EXTREME sarà prodotta in edizione limitata – il modello atteso a Ginevra viene definito ‘studio’ – e potrà viaggiare anche su strada. Le specifiche tecniche sono al momento sconosciute.

La progenitrice risale invece al 2001 e veste il corpo vettura dell’Astra G. Il motore è invece un otto cilindri aspirato da 4 litri e circa 450 CV, ereditato dalla vettura impegnata nel campionato DTM. Si caratterizza per i pannelli carrozzeria in fibra di carbonio e per le portiere con sistema d’apertura ad ala di gabbiano, mentre lo lo 0-96 km/h viene portato a compimento in 3.9 secondi e la velocità massima è pari a 300 km/h. Fu costruita in esemplare unico. A livello tecnico si segnalano poi l’utilizzo della trazione posteriore, dei cerchi in lega ampi 20 pollici, delle sospensioni a quadrilatero alto e del cambio sequenziale a 6 rapporti, mentre l’impianto frenante è composto da dischi forati ed ampi 380 mm e 340 mm.
";}}

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: