Regno Unito: ufficiale lo stop a benzina e diesel dal 2030

Anticipato di 10 anni il divieto di vendere auto con motori termici. Si alle ibride plug-in fino al 2035


In molti lo temevano e alla fine è stato confermato ufficialmente. Il Regno Unito ha annunciato il divieto di vendita di auto e furgoni nuovi con motori diesel e benzina a partire dal 2030. Fino al 2035 sarà consentita la commercializzazione di ibride “in grado di percorrere una distanza significativa senza emettere carbonio“. In un modo un po’ ambiguo, quindi, l’esecutivo d’Oltremanica inserisce gli ibridi convenzionali tra i motori vietati e stabilisce che solo gli ibridi plug-in con un minimo di autonomia elettrica, ancora non specificata, potranno essere venduti per altri cinque anni.

La rivoluzione industriale verde


Il veto dei motori a combustione tradizionale è incluso in un ampio piano che il governo guidato da Boris Johnson ha definito "Rivoluzione industriale verde" e ha delineato in 10 punti. La promozione dell'energia eolica offshore, l'uso dell'idrogeno come fonte energetica, lo sviluppo di tecnologie per catturare i gas inquinanti emessi in atmosfera e piantare 30.000 ettari di boschi all'anno, sono alcuni dei punti inclusi nel documento.

12 mld di investimenti per sostenere la transizione


Per quanto riguarda il divieto di vendita di auto con meccanica diesel e benzina, il documento anticipa quindi di dieci anni il cambio, rispetto alle scadenze che erano state presentate nella strategia del 2017 da Theresa May, e di cinque anni prima della data considerata dal Governo all'inizio di quest'anno. Per favorire la transizione ai veicoli elettrici, il Regno Unito spenderà 1,3 miliardi di sterline per distribuire "punti di ricarica per veicoli elettrici nelle case, strade e autostrade", altri 582 milioni di sterline per i sussidi per l'acquisto di veicoli a emissioni zero e 500 milioni in più nei prossimi quattro anni per incentivare lo sviluppo e la produzione su larga scala di batterie per veicoli elettrici. Su un altro fronte verrà avviata una consultazione per eliminare anche i veicoli pesanti con motori diesel, con l’obiettivo di posizionare il Regno Unito in prima linea nel trasporto di merci a zero emissioni. Per questo obiettivo, però, non c'è ancora una data.


L'importo finale da investire nel piano delineato dal team di Johnson ammonta a 12 miliardi di sterline, che creeranno e manterranno un totale di 250.000 posti di lavoro in un contesto economico complesso, secondo le stime del governo. L'obiettivo finale del Regno Unito è diventare un paese a emissioni zero entro il 2050.


La decisione di Boris Johnson di anticipare il divieto di vendita di nuove auto a benzina o diesel nel Regno Unito entro il 2030 arriva a un anno prima della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021, COP26, che si terrà proprio in UK, a Glasgow (Scozia), a novembre del prossimo anno.

Tutti pronti?


Come risponderà il mercato a questo cambio rivoluzionario? Per ora, Mike Hawes, direttore della Society of Manufacturers and Traders of Engines (SMMT) del Regno Unito, ha assicurato di condividere "l'ambizione del governo, ma questa nuova scadenza, accelerata in un decennio, rappresenta una sfida immensa. Il successo dipenderà dal saper mettere i consumatori nelle condizioni di poter sostenere economicamente queste nuove tecnologie e di avere a disposizione un’infrastruttura di base per poter ricaricare comodamente le loro auto", ha spiegato.


E i marchi inglesi? Bentley ha assicurato alla stampa che "sarà pronta" a smettere di vendere auto con questi motori nelle date previste. In effetti, prevedeva già di diventare un produttore di veicoli elettrici entro il 2030. Vauxhall (PSA Group), ha dichiarato alla BBC che "le date sono un po 'più strette di quanto ci aspettassimo, ma ci sono piani per raggiungere questo obiettivo e dovremo raggiungerlo"; mentre Jaguar Land Rover afferma di aver “già preso la direzione dell'annuncio del governo, investendo molto in veicoli ibridi plug-in e completamente elettrici per un futuro a emissioni zero".

  • shares
  • Mail