10 coupé sportive Anni '90 a meno di 5.000 euro

I gioielli della mitica decade '90 che si trovano sul mercato di seconda mano a un prezzo più che accessibile


Gli Anni ’90 hanno rappresentato la barriera oltre la quale non sono riuscite ad andare le coupé sportive accessibili, che tanta passione avevano generato tra i veri fan dell’automobile. Un capriccio ragionevole per tutti, insomma. Chi ha vissuto quell’epoca sicuramente ancora sogna di guidare una Toyota Celica, una Volkswagen Corrado, un’Audi Coupé o un’Alfa Romeo GTV. Ma nulla è perso, soprattutto nel mercato di seconda mano. E andando a spulciare bene gli annunci ancora si trovano questi gioielli, e a un prezzo più che accessibile. Come vale in generale per tutte le auto usate, però, bisogna avere pazienza nella ricerca e soprattutto saper valutare bene le proposte, che in questo caso, quasi sempre, hanno tanti anni e chilometri sulle spalle.

Alfa Romeo GTV



Fu fabbricata tra il 1995 e il 2006. È una coupé 2+2 commercializzata con motorizzazioni a benzina tra i 144 e i 240 CV. Nello specifico quest’ultima versione era spinta da un V6 da 3,2L. L’Alfa Romeo GTV era un’auto dal feeling gradevolmente sportivo, ma allo stesso tempo uno dei meno ‘pratici’ di questa lista. Se ne trovano di esemplari in condizioni decenti con prezzi a partire da 4.000 euro.

Audi Coupé



Questa rotondeggiante coupé, sviluppata a partire dall’Audi 80 dell’epoca,. contava con un pratico abitacolo a cinque posti, con un design abbastanza sobrio e una grande quantità di rifiniture. Il design esterno fece furore negli Anni ’90. Anche se se ne trovano diversi modelli in circolazione, quelli in buone condizioni sono un po’ più cari (in qualche caso ben oltre i 5mila euro), specialmente la versione sportiva S2 da 220 CV… che può arrivare anche a superare i 15mila euro.

Fiat Coupé



Nacque nel 1993 dalla matita di Chris Bangle (all’epoca in Pininfarina) ed era sviluppata sulla piattaforma Type2 di Fiat, la stessa anche dell’Alfa GTV. Inizialmente venne commercializzata con un motore 2.0 a benzina da quattro cilindri con 139 CV che diventavano 190 nella versione Turbo. In seguito questo motore abdicò per lasciare spazio al 1.8 da 131 CV e al cinque cilindri 2.0 da 147 CV, o 220 nella variante Turbo. Allora era la Fiat stradale più potente e veloce della storia del marchio italiano.

Hyundai Coupé



Quando apparve nel 1999, la Hyundai Coupé diventò subito una delle sportive più economiche in Europa. Con un design dinamico e attraente diventò velocemente una best seller. Attualmente si può trovarla nel mercato dis seconda mano con prezzi molto bassi, ma quasi sempre con un alto chilometraggio e in condizioni non troppo buone. La vendevano con il 1.6 da 116 CV e con il 2.0 da 137 CV. A un prezzo poco superiore si trovano comunque unità della terza generazione e dell’ultima generazione molto più affidabili.

Mitsubishi Eclipse



Attualmente la denominazione Eclipse (Cross) fa riferimento al nuovo SUV di Mitsubishi, ma negli Anni ’90 si riferiva a una famosa coupé sportiva dal prezzo accessibile. La versione più potente era spinta dal motore Turbo 4G63, lo stesso della mitica Lancer Evolution, anche se con 210 CV invece che 280.

Toyota Celica



La sesta generazione di questa sportiva giapponese integrava uno spettacolare frontale con 4 fari. Indimenticabile. Anche se i prezzi della versione di accesso alla gamma, quella con il motore da 116 CV, sono molto accessibili (attorno ai 2mila euro), esistono altre varianti di questa Toyota, come la ST205 GT Four da 2141 CV che possono raggiungere anche i 20mila euro nel mercato delle occasioni.

Volkswagen Corrado



Arrivò sul mercato all0inizio degli Anni ’90. la Coupé 2+2 di Wolfsburg misurava 4 metri in lunghezza e diventò una delle auto più rivolte al piacere d guida del marchio tedesco. Allora arrivava con tecnologie incredibili per l’epoca, come l’alettone posteriore che si sollevava automaticamente sopra i 120 km/h. Venen commercializzata con motorizzazioni a benzina tra i 116 e i 190 CV di potenza. Per chi volesse acquistare, con pazienza se ne trovano esemplari ben conservati, ma a non meno di 6mila euro.

Peugeot 406 Coupé



Disegnata da Pininfarina, questa coupé a quattro posti p una delle auto più attraenti della fine degli Anni ’90. Più che un’auto sportiva rappresentava una proposta dinamica per p’uso quotidiano, quindi anche pratica e funzionale cn un bagagliaio da 390 litri. Era l’unica coupé all’epoca disponibile con motorizzazioni turbodiesel. Venen commercializzata con motori a benzina 2.0 da 2.0L da 136 CV, 2.2L da 158 CV e V6 da 3.0L da 194 CV (207 CV dopo il restyling del 2003). La versione turbodiesel era spinta invece da un motore 2.2L da 136 CV.

Volvo 480



Questa piccola sportiva da 4,26 metri di lunghezza nacque negli Anni ’80 e rimase sul mercato fino alla metà degli Anni ’90. Rappresentò una rivoluzione per la marca svedese, sia per il suo particolare design, come per la caratteristica di essere stat ala prima auto a trazione anteriore del marchio di Göteborg. La versione più veloce era la 480 Turbo spinta da un 1.7L a benzina d 120 CV. Scattava da 0 a 100 km/h in 9 secondi e raggiungeva i 200 km/h.

Chevrolet Camaro



Anche se può sembrare strano, con 5mila euro in tasca si può comprare una mussole car di seconda mano, come la quarta generazione della Chevrolet Camaro commercializzata tra il 1993 e il 2002. Era spinta da un V6 da 3,8 Litri con 193 CV di potenza. E tra l’altro se ne trovano esemplari in ottime condizioni.

  • shares
  • Mail