La Volkswagen I.D. 1 sarà l'erede della e-Up!, a meno di 20mila euro

La city car a zero emissioni basata sulla piattaforma MEB non arriverà prima del 2023


Con la ID.3 sulla rampa di lancio e il SUV ID.4 confermato per quest’anno, Volkswagen continua a lavorare allo viluppo a medio termine della sua famiglia elettrica della nuova era e già pianifica, per il 2023, l’arrivo della Volkswagen ID.1, la futura erede della e-Up!.

Piccola ma spaziosa grazie alla piattaforma MEB


Secondo le prime indiscrezioni la Volkswagen ID.1 sarà il modello dedicato all’uso urbano, e naturalmente a zero emissioni, più piccolo e accessibile della gamma di Wolfsburg. Nascerà sulla base della piattaforma MEB del Gruppo tedesco e, sembrerebbe, manterrà dimensioni molto simili a quelle dell’attuale e-Up!. La sua abitabilità sarà però maggiore, grazie alla nuova piattaforma più versatile, con un passo più lungo e sbalzi più corti.


Anche se per ora non si conoscono le caratteristiche tecniche, i rumors puntano su un’alimentazione derivata da batterie dalla capacità contenuta, tra i 24 e i 36 kWh, in grado di garantire fino a un massimo di 300 km di autonomia.

Costi di produzione abbattuti del 40% con la nuova architettura Volkswagen


Tra l’altro proprio l’architettura MEB saprà garantire una riduzione notevole dei costi di produzione, fino al 40%, per tutti i nuovi modelli elettrici Volkswagen.


A questo proposito Ralf Brandstätter, direttore di Volkswagen Operations, ha spiegato alla rivista Car che “In futuro non avrà senso inserire delle batterie su modelli progettati per montare motori termici, come abbiamo fatto in passato con la e-Up!” definita come “progetto trampolino”. Brandstätter ha anche affermato che il progetto della I.D 1 punta a creare un’auto elettrica sotto ai 20mila euro.


Bisognerà poi vedere se questo prezzo tra tre anni (data in cui si prevede il lancio della I.D.1) sarà ancora attraente per i clienti, visto che altri marchi come ad esempio Dacia, puntano già a rompere il mercato in termini economici. Proprio la Casa franco-rumena a inizio marzo aveva infatti annunciato l’imminente arrivo delle prime elettriche della sua gamma low cost, svelando la Dacia Spring che promette di diventare l’auto a zero emissioni già accessibile. Potrebbe arrivare nelle concessionarie già nel 2021 con 200 km di autonomia.

  • shares
  • Mail